Vita senza fine

FENICE4La maggior parte delle persone ha una vita noiosa, noiosa, noiosa… E tu? C’è avventura nella tua vita? Ci sono Verità nei tuoi pensieri? C’è vigore nella tua Anima? È un desiderio forte, il tuo, quello di essere libero, o solo un flebile soffio di fiato che si perde nel nulla? È tutto qui.

Conquistare Sé stessi non significa combattere, rinunciare, sacrificarsi. Quella è la via del fallito, del folle, del martire misericordioso che, in cambio di nulla, ha venduto l’Anima. Conquistare Sé stessi significa lasciare andare ciò che non sei, abbandonare ciò che ti tiene prigioniero, mollare la presa su ciò che credi sia importante, ma che, in realtà, non lo è. Impara allora a riconoscere ciò che è Vero da ciò che è falso – e scegli di conseguenza. Colui che conosce la Verità è il tuo Spirito – ciò che realmente Sei e non la tua personalità – ciò che credi di essere. La vita che tu hai fatto dimostra chiaramente questa verità!

Lascia allora che sia Lui – il tuo Vero Sé – a insegnarti. Togliti di mezzo. Ascolta. Senti. Conosci. Perché la tua liberazione è direttamente proporzionale alla tua volontà di compierla. Né più, né meno. Ascolta il tuo Cuore, allora – le sue melodie, i suoi canti, le sue armonie – e non i monologhi del tuo software-personalità. Quanto di te capisce? Quelli sono la merce dell’ego, le dissimulazioni del tuo “falso sé”, le seduzioni del tuo corpo emozionale e non le intuizioni del tuo Sé Divino. Allora il soffio del Vento inizierà a danzare sul tuo volto e la tua Anima si desterà a vita nuova. Cerca la Verità, desidera la Conoscenza, si aperto a ciò che ti sconvolge e permetti ai profumi del vento di inebriare il tuo Essere. Smetti dar battaglia a te stesso, perché la vera liberazione è figlia della comprensione e non della lotta. Ora è il momento di scegliere; di svegliarti; di agire. Non dopo. Capisci? Adesso. Perché quando la comprensione è giunta, la Libertà non può aspettare. Allora il giogo è tolto e l’Anima libera. E chi prima dormiva, è ora Sveglio!

 
CHIAVE DI VIOLINO 3Marian at the Waterfall, music by Michael Kamen

 

Ricorda: tu non sei dov’è il tuo corpo, ma dov’è il tuo Cuore. Ora immagina: nel punto esatto in cui ti trovi adesso – a leggere ciò che stai leggendo… – su frequenze diverse, proprio così, esiste una realtà completamente diversa. Te ne sei mai accorto? Ci sono suoni, colori, forme e profumi totalmente dissimili rispetto a ciò che tu vedi dove sei ora. Infatti, nello stesso punto in cui ti trovi ora – proprio lì! – si svolge una scena di cui tu non sospetti minimamente l’esistenza, solo perché danza su una frequenza diversa. Ci sei ancora? «La realtà è quella che vedo», ti dici. Ma non è così. Potrebbe esserci, infatti, uno splendido spettacolo della Natura: imponenti cascate, montagne maestose, sconfinate praterie…, mentre tu sei seduto sul terrazzo di casa tua o imbrigliato in mezzo al traffico. Curioso, né? Riconosci: la vita è un film proiettato e prodotto all’interno della tua Mente, il cui Regista e Artefice sei solo Tu. E questa non è filosofia poetica, ma la Natura della Realtà.

Ora, la profonda Verità dell’inesistenza dello spazio e del tempo ti viene fornita proprio dalle infinite frequenze vibrazionali sulle quali viaggia la tua Energia. In poche parole, tutto si svolge adesso, qui, ora. Il ché significa che passato, presente e futuro accadono nello stesso istante. Com’è possibile? Perché ciò che chiami “passato”, proprio così, non se n’è andato tanto tempo fa: è semplicemente un’illusione che danza su un’altra frequenza rispetto a quella su cui sei sintonizzato adesso. Sei ancora vivo? Per quel che riguarda il futuro, è la stessa cosa. Questo significa che tu sei in un continuo stato di sintonizzazione su ciò che accade nella tua vita. Se ti sconnetti, tutto s’interrompe! Per farla breve, si tratta di un costante e continuo processo di connessione e sconnessione con le immagini e gli eventi che compongono la realtà che vivi – e ciò ti da l’illusione dello scorrere del tempo. Ma, in realtà, non scorre nulla, si tratta solo di una sovrapposizione di una serie di immagini, eventi ed esperienze – disposti in una sequenza lineare – che tu interpreti come “tempo”: proprio come un film! E questo è il tipico funzionamento di una mente programmata nella modalità di separazione (la mente umana!). L’esperienza che hai appena vissuto, infatti – e che quindi non può più tornare poiché già compiuta e consumata – in realtà, non è affatto passata: è ancora lì, solo che tu hai abbandonato la connessione con quell’evento per permetterti di continuare a seguire l’armonia della tua evoluzione. Infatti, se riuscissi a spostare di nuovo la tua coscienza su quell’evento, ovvero su quel fotogramma di esperienza che hai vissuto 25 anni fa, pur senza perdere di vista la sequenza naturale, lo rivedresti tale e quale. Del resto è ovvio: riesci sì o no ricordarlo? Ecco, puoi farlo anche nella realtà! Perché che cos’è, un ricordo, se non un frammento di realtà virtuale codificato nelle vie neurali del tuo cervello? Lo è.

Ora, tutto questo ti fornisce anche un’ottima prova di come sia veramente impossibile morire. Facci caso. Durante una vita precedente, infatti, tu potresti essere stato qualsiasi cosa e allo stesso tempo esserti ritrovato a vivere ogni sorta di esperienza (da te scelta!). Potresti, ad esempio, aver vissuto nell’antico Egitto, nella giungla tropicale, esser stata una Guaritrice a Lemuria, o forse un’Amazzone ad Atlantide. Chi sei stato? Ora nota: qualsiasi cosa tu sia stato – e in qualsiasi momento tu abbia vissuto – molto probabilmente, hai fatto l’esperienza di quella cosa chiamata “morte”. Ora non addormentarti: che cosa ti appare davanti? Una cosa su tutte? Che tu, oggi, proprio qui, adesso, nel momento in cui stai ricevendo tutto questo, sei vivo! Come te lo spieghi? «Beh», dici te con aria perplessa: «Questa è un’altra vita!». Ma non è così.

Infatti, sulla base della sequenza in cui avviene il processo di connessione e sconnessione fra i diversi fotogrammi che compongono la tua esistenza (proiettata nella e dalla tua mente), tu non hai fatto altro che sconnetterti da un determinato fotogramma (il momento in cui la tua esistenza è terminata in quella vita) e connetterti su uno successivo (quello in cui ti trovi adesso). Sappi allora: tu ora non stai vivendo un’“altra vita”, ma una diversa connessione di quella stessa esistenza. Sei ancora in piedi? Tutto è Uno poiché l’Uno è nel tutto. Così capisci che quelle che qui chiamiamo “altre vite”, non sono altro che diverse manifestazioni di una stessa realtà. Diverse espressioni della stessa Coscienza. E quella Coscienza sei Tu! È una bella cosa? E così, non esistono “altre vite”, ma solo un’Unica infinita – soltanto suddivisa in diversi intervalli. Ed ecco che, a questo punto – e se i tuoi occhi sono aperti! – la vita ti rende visibile un’altra fantastica Verità: tu non puoi morire, stai solo assistendo a diverse scene di una stessa proiezione. Quanto di te capisce? Del resto è ovvio: se così non fosse, tu non potresti esistere. Ne vedi il motivo? Ne oggi, ne mai. Ma invece esisti! Come mai? Perché il tuo Essere danza l’esistenza sulle frequenze di Una Sola creazione, poiché se così non fosse, la tua “prima vita” sarebbe stata anche l’ultima. Vivere le tue esperienze ballando sulle frequenze di un’Unica Nota – l’Amore, la Felicità, la Libertà! – ti conferisce qualità Eterne, Onnipotenti e Immortali. E l’Immortalità e l’Eternità ti sono possibili proprio perché il tuo Sé Divino vive un’Unica Vita infinita, il cui scopo è quello di farti Evolvere e renderti Perfetto come Anima. È un bel regalo? Così sia!

Ricorda, allora: tu sei immortale e sei sempre esistito. Il tuo Spirito – Saggezza infinita, Messaggero della Divinità che Tu Sei – mai è nato e mai morirà: è Eterno, Onnipotente e Immortale. Che cosa significa? Che è impossibile morire – e adesso, più che mai, ne puoi comprendere la Verità!

E così, la sequenza naturale che danzi nel corso della tua Vita è fondamentale se vuoi mantenerti Sano: infatti, se così non fosse, ti ritroveresti a vivere la stessa esperienza e a vedere la stessa scena per tutta la vita. Un po’ noioso, né? Eppure, non è proprio ciò che fanno i più, orgogliosi sopiti che non chiedono altro che dormire? Ora, immaginati se quella scena fosse il momento in cui hai conosciuto tua suocera… Un incubo! E così, capisci questo: che cosa succederebbe, infatti, se anziché vedere il film che stai seguendo in modo armonioso, iniziassi a interrompere le immagini a intervalli sregolati e proseguissi la visione a intermittenza, sconnessa fotogramma per fotogramma? Oltre a non capirci niente, ti si sciropperebbe il cervello! Ecco, qui è la stessa cosa, solo che la posta in gioco non è un film, ma la tua Vita. Forese vale un po’ di più, non è vero? E così, la sequenza naturale della tua Vita non è altro che la possibilità che ti regali di vivere attimi e momenti diversi, nel corso di quel sogno che tu hai voluto vivere. L’illusione del tempo, quindi, ti è data solo dalla sincronicità di connessione-sconnessione delle frequenze vibratore che costituiscono la tua realtà. Questo processo, inoltre, ti permette di comprendere più verosimilmente come sia davvero impossibile invecchiare e che, se ciò accade, è solo perché credi di doverlo fare. Nulla più di questo. Come puoi invecchiare, infatti, se non trascorre alcun tempo e ti stai semplicemente connettendo tra un fotogramma e l’altro – tra un’esperienza e l’altra… – in uno spazio che non c’è? Semplicemente non puoi.

Quindi, c’è un momento della vita in cui devi ancora nascere, uno in cui sei presente in questa dimensione (la tua vita attuale!) e uno in cui sei te ne sei già andata (oppure trasferita in un’altra dimensione, oppure resa immortale in tutti i sensi!). La Coscienza Divina – ciò che Tu Sei – così come il tuo corpo (se in armonia con lo Spirito), non muore mai e può spostarsi istantaneamente in qualsiasi dimensione dell’esistenza desidera per viverne gli effetti. Proprio come un film: puoi riavvolgerlo e rivedere quella scena dall’inizio o nel punto in cui l’avevi lasciata, oppure continuare a seguire le immagini che stai guardando in quel momento – oppure, ancora, far scorrere in avanti la pellicola e assistere a una scena successiva (si va nel futuro!). Ma per fare questo, tuttavia, devi prima esserti liberato dalla limitazione umana. E questo è piuttosto ovvio. Ma c’è dell’altro: infatti, tutto ciò è possibile farlo con il film stesso! Che cosa vuol dire? Che, a differenza di una pellicola su DVD, in quel film che è la tua vita non solo è possibile cambiare scena all’interno dello stesso, ma cambiare proiezione proprio. Quanto di te è ancora con me? Per capire meglio questa realtà, devi metterti nei panni di un “videocomando” (la metafora è brutta, ma rende bene l’idea!): proprio come questo è in grado di scegliere il programma desiderato premendo il pulsante voluto, tu sei in grado di scegliere la realtà che vuoi vivere sintonizzandoti con i sogni che vuoi vedere, cioè aumentando o diminuendo la velocità vibratoria dell’Energia che ti permette di sintonizzarti sulle frequenze volute. Ci sei ancora? Così, comprendendo la natura della tua realtà attuale, applicare tutto questo alla tua vita non solo diventa possibile, ma anche divertente! E ti verrà da sorridere quando penserai che queste fantastiche Facoltà sono sempre state a tua disposizione e che non sei riuscito a godere solo perché avevi preferito la limitazione alla Libertà… E questo, proprio così, non esiste più!

Ora, potendo spostarti da una dimensione all’altra a piacimento, hai anche la possibilità di ricordare Chi sei stato e il motivo per il quale hai scelto di vivere quelle esperienze. Puoi così ricordare il vero motivo per cui sei venuto qui e ritrovare così lo scopo della tua VERA Vita. Capisci così perché quello è il tuo Sogno e perché per te è così importante compierlo. È una bella cosa? Inoltre – e qui ci divertiamo davvero! – ciò che è accaduto in passato, che succede adesso e avverrà in futuro, è naturalmente riscrivibile. Che cosa significa? Che tutto è modificabile!

Puoi comprendere questa verità paragonandola al funzionamento di un CD riscrivibile (o di una chiavetta, o di qualsiasi altra cosa affine…). Il CD riscrivibile – o i files caricati nella chiavetta o quel che è… – ha la proprietà di poter essere cancellato (una volta scritto!) e poi riscritto. Questo è piuttosto ovvio! Ecco, la realtà è tale e quale: spostando la tua Consapevolezza su un preciso file (un qualsiasi evento della tua vita…) puoi viverne il contenuto; spostandoti poi su un altro, ne vivi un altro. Ora, che cosa succede, se, per caso, desideri cambiare quella realtà? Semplicemente, devi sconnetterti da quel file e sintonizzarti su un altro. In pratica, ti liberi di quell’evento sostituendolo con un altro. Proprio ciò che accade nella memoria del tuo CD riscrivibile. Cancelli il file che non ti serve più (o non ti piace…) – e lo sostituisci con un altro. Ora, tuttavia, fai attenzione: infatti, il file che hai cancellato, in realtà l’hai solo sostituito. Quanto di te capisce? Hai creduto di cancellarlo, ma, in realtà, non l’hai mai fatto. E perché non l’hai mai fatto? Perché, proprio così, quel file non è mai esistito! Come può essere reale, infatti, se tutto è virtuale? Non può. Perciò, pur avendolo eliminato dal dischetto e sostituito con quello nuovo, esso continua a esistere nel momento esatto in cui ha prodotto i suoi effetti, come conseguenza della tua credenza in esso. Sei ancora con me? Nel momento in cui ti è servito quel file – ciò che hai vissuto – esso è stato a tua disposizione e quando non ne hai avuto più bisogno – o lo hai riconosciuto inutile… – lo hai sostituito (hai smesso, cioè, di sostenerlo). Per farla breve, cancellando quel file, non hai fatto altro che spostare la tua Consapevolezza su un’altra frequenza – un’altra realtà, più evoluta e più vicina a ciò che Veramente Sei – e questo è il motivo per cui quello vecchio non c’è più nella tua vita: ti sei sconnesso da una realtà (quella del vecchio e limitato sé!), per connetterti invece con un’altra (quella del tuo nuovo e Vero Sé!). Tuttavia, finché non conquisti la limitazione del sé inferiore – la personalità umana – esso vibra ancora sulla vecchia frequenza su cui eri sintonizzato (prima che premessi il tasto “cancella”, come conseguenza del tuo Risveglio). Sulla precedente frequenza vibratoria, infatti, quel file esiste ancora. E lo farà sempre, a meno che, naturalmente, non lo conquisti e non li trasmuti definitivamente in ciò che dev’essere: Luce Perfetta! Ora, come fare questo? Vedendolo (quindi non fuggendolo o nascondendolo); riconoscendolo (ossia assumendotene la Responsabilità, per quanto male ti possa aver fatto…); e, infine, illuminandolo (infondendolo, cioè, della Luce del tuo Vero Essere – ciò che Sei veramente e vuoi Essere davvero). Perché che cos’è, la limitazione, se non ciò che non sei? E a che cosa è servita, viverla, se non a farti capire questo? Tu hai vissuto il non-te, per riconoscere il Vero Te. Quanto di te capisce? Ora, questo sarà anche un po’ folle, ma è esattamente ciò che hai fatto! Ma tranquillo… perché non sei il solo! Ora te dirai: «Perché sperimentare ciò che non-sono, quando potevo farlo subito con ciò che Sono? Non sarebbe stato meglio?». Sì e no! Come fai a sapere cos’è l’Amore, se mai hai odiato? Come fai ad apprezzare il calore del Sole, se mai hai provato freddo? E come fai a danzare la Salute Perfetta, se mai hai vissuto ciò che si chiama dolore? In verità, lo puoi fare lo stesso, ma questa è la completezza dell’esperienza umana. Quanto di te comprende? Tu hai scelto tutto questo per capire Chi Sei e chi non sei, definendo così Te stesso. Gli Angeli sono perfetti. E come sai, quegli Angeli nulla hanno a che vedere con religioni e pirlate affini. Gli Angeli sono Entità Splendide – così come molti altri Esseri di Luce – ma sono esattamente ciò che Tu Sei. L’unica differenza fra te e loro, è che tu sei caduta a un livello di coscienza inferiore – innaturale – e loro no. Punto. Loro sono rimasti là, a danzare fra le forti correnti. Gran cosa! Tuttavia, c’è un “ma”. Perché come possono, loro, aver la completezza di Sé stessi, se mai ne hanno provato l’opposto? Non ce l’hanno. Tu sei un Angelo caduto e adesso ti prepari ad ascendere! E che cosa significa ascendere? Elevarsi e ritornare alla piena Potenza della Divinità, ma con un grande, immenso Dono: hai sperimentato la caduta! Questo ti permette di sapere cos’è, poiché l’hai vissuta, l’hai sperimentata, l’hai sentita – e adesso, Risvegliato, l’hai fatta tua. E questo è un Dono Eterno, perché, avendo provato ciò che non sei, non dovrai mai più rifarlo (a meno che non impazzisci!), per divenire così un Essere Divino pienamente compiuto e con la Saggezza di che cosa significhi non esserlo. Lo vedi, il Dono, in questo? Così capisci che tutti i limiti, le sofferenze, i dolori…, sono serviti. Non è stato tempo perso. Sono serviti. Ma questo solo se sei Sveglio! Perché se così non è – come i più… – allora non ci capisci niente e continui a rinfocolare il dramma. La comprensione, infatti, arriva solo in uno stato Desto; tu dormi – e continui a strisciare. Che cosa fai?

E così, il Dono è giunto, e l’Essere che Sei Veramente si compie. Quale Meraviglia! Perché che cosa c’è, di più grande, se non vedere la limitazione e trarne la comprensione per non doverla mai più rivivere? A che cosa serve, infatti, rifare ciò che hai già fatto? Sai già cos’è. Lo conosci già. L’hai già vissuto. Evolvere, invece, significa rendere conosciuto lo sconosciuto, per crescere ancora ed elevarsi sempre di più. E quell’Elevazione è infinita – senza limiti! – per divenire ogni giorno un Entità più Grande, più Saggia, più Evoluta. Sei pronto, per questo? Perché ci sono molte, splendide cose che ancora non conosci – se non nei tuoi Sogni più belli! – e aspettano solo che tu le viva. Ed ecco che allora questo è il momento di fare esperienza della Meraviglia a livelli Elevati – e porre fine per sempre a ciò che già ben conosci: la limitazione! Il tuo «Basta! – non ne posso più, voglio solo ciò che è splendido e Vero!», ha dato i suoi frutti. Ti sei Svegliato – anziché poltrire… – e hai scelto di Volare. Ora, pensi che questo non avvenga? Avviene. Non avviene solo se ti saboti o torni a dormire. Quanto di te capisce? Ma questo non accadrà, perché quando ti Elevi non torni più indietro. E così eccoti lì, un Angelo ritornato in Cielo, ma non più come Angelo in quanto tale, ma come Maestro di Sé stesso – un’Entità Ascesa, completo nell’Essere e compiuto nell’Esperienza. Ora sei la totalità di Te – Splendido, Pulito, Integro – pronto per vivere una Vita Straordinaria e Potente, poiché quella ordinaria, invero, l’hai già vissuta. E non ne puoi più! Ci sei, [TUO NOME]. Ora è rimanere lì, nella Coscienza Elevata che hai conquistato, per vivere la Meraviglia. E questo, come sai, è semplice: infatti, devi solo essere Te stesso – il Vero Te! – e non ritornare più a essere quello di prima. Perché non lo sei; perché non è il Vero Te; perché non puoi essere ciò che non sei. Comprendi questa Verità? L’hai provato; non fa per te! È un po’ come fumare… Provi, ti fa schifo, lasci. Non fa per te! Non sei tu. Non è ciò che sei. Non è il tuo colore. E quindi? Lasci perdere! È più semplice farlo che dirlo, vero?

E così, una volta asceso, qualche Angelo mai caduto verrà da te e dirà: «Ehi, come si sta laggiù? Che cos’è la limitazione? Che cosa si prova?». E tu? Che cosa gli risponderai? E che cosa dirai, quando chi dorme si vorrà Svegliare e ti chiederà come farlo? Che cosa dirai? È tutto qui. Hai provato la limitazione, vita dopo vita, e adesso sei al trampolino di lancio verso la conclusione – definitiva! – di quest’esperienza. Infatti, passo dopo passo, onda dopo onda, gradino dopo gradino, ti stai preparando per quella che si chiama, proprio così, la Vita Eterna! È una bella cosa? Così sia, perché è anche vera. E quindi? È ora di viverla! Di danzarla! Di inspirarla! Perché ora non cadrai mai più: l’hai già fatto. Sai già cos’è. In tutte le sue note. Adesso è solo ascesa! Un Dono, proprio così, degno di essere festeggiato. Are you ready to dance?