Vamos!

SOFFIONE 4

Compi questo, e le tue ali inizieranno a sentire ciò che da troppo tempo hanno dimenticato: il soffio del Vento, la brezza della Libertà, l’estasi della Conquista! Fallo – e quello che prima era per te impossibile, diverrà ora manifesta realtà.

 

 

 

SOLE 2

Se vuoi essere libero, se vuoi ritrovare Te stesso e realizzare il tuo Vero Potenziale, devi trascendere la tua umanità e superare ogni limite. Quanto di te capisce? Ricorda: tu sei un Dio, un Grande Essere che – per un po’! – veste un abito umano. Nulla meno di questo. Non sei umano. Sei Divino. Capisci? Ciò significa che se è Te stesso che vuoi ritrovare, allora devi trascendere tutto ciò che è tipico umano, tutto ciò che costituisce la tua personalità, tutto ciò che condiziona la tua identità. Chi sei, allora? Chi Sei, veramente?

SOLE 2

 

  • Riconosci i tuoi limiti e l’esistenza dei tuoi condizionamenti.
  • Riconosci che, se prima non ti liberi da ciò che ti impedisce di essere Te stesso, mai potrai esserlo.
  • Chiediti questo: «Che cosa sono i miei limiti? Perché li ho? Chi li ha creati? Come faccio a liberarmi?». Domande curiose, vero?
  • Lascia andare tutto ciò che ti fa soffrire (a cominciare dal passato!). Libera te stesso e gli altri (e non superficialmente, apparentemente, illusoriamente, ma Veramente, Profondamente, Totalmente). Saprai che lo avrai fatto nel momento in cui non avrai più quella reazione emozionale che prima si scatenava in te: ti sentirai come se un giogo fosse stato tolto e, quando rivedrai quelle persone (o ti troverai in quelle situazioni…), scoprirai che non ti provocano più alcun sussulto interiore. Sei libero! Ora puoi vivere senza paura, perché, liberando te stesso, hai liberato tutti. Quanto di te capisce? Una conquista degna di un Dio!
  • Non condannare alcuno, a cominciare da te stesso. In questo modo, non avrai bisogno di perdonare. Che c’è da perdonare, se non c’è nulla da condannare?
  • Disidentificati da tutto ciò che pensi di essere e che credi “tuo”. Personalità, persone e beni materiali compresi.
  • Ama Te stesso, la Vita e gli altri incondizionatamente.
  • Poniti le Grandi Domande della Vita.
  • Chiediti che cosa vuoi veramente dalla Vita.
  • Chiediti CHI SEI e CHI sei venuto a diventare.
  • CHI SEI, Tu, veramente?
  • Qual è lo scopo della tua esistenza? Qual è il tuo Grande Disegno? Qual è la tua Leggenda Suprema? Ce l’hai o, come i puù, vaghi nel nulla di una vita vuota?
  • Quali sono le qualità che, secondo te, l’Entità che vuoi essere deve avere?
  • Inizia a sentire tue queste qualità.
  • Inizia a pensare come penserebbe quell’Essere.
  • Inizia ad agire come agirebbe quella Splendida Entità.
  • Fallo davvero!
  • Metti in pratica quello che sai! Allora manifesterai il Regno.
  • Pur amandoli, liberati dell’influenza degli altri (genitori, partner, figli, amici e parentame compresi!).
  • Non condizionare e non farti condizionare.
  • Vivi e lascia vivere!
  • Non interferire nella vita degli altri e non permettere ad alcuno di interferire nella tua.
  • Rispetta e fatti rispettare.
  • Allontanati dalle persone oscure (vittimisti, tristi, tritacocomeri, tiranni, sapientoni, arroganti, viscidi, leccapiedi, infelici… e tutto il resto del ciarpame). Augura loro buona vita, ma via dalla tua. E se sei tu una di loro, Risorgi! Nota: non vergognati; non pentiti; non colpevolizzati. Risorgi. Dalle ceneri di ciò che non sei. Quanto di te capisce?
    Non sei costretto a frequentare chi non ti va e nessuno è costretto a frequentare te se non gli gusti. Vero quanto giusto. Usciresti con te stesso/a? No? E allora perché mai dovrebbero farlo gli altri? Se non ami Te stesso, non puoi né amare né essere amato. Perché non si può né dare né ricevere ciò che non si è e non si ha. Ciò che dai a te stesso, lo dai agli altri; ciò che privi a te stesso, lo privi agli altri. Vero quanto ovvio. Eppure, qui, tutti guariscono tutti, tranne che sé stessi! E così abbiamo un mondo di pazzi, suonati certificati che curano con la malattia. Sarebbe curioso, se non fosse idiota!
    Ritorna in Te, fratello, e liberati da questa feccia! Chi sa star solo con Sé stesso – nello Spirito, nell’Anima – non solo sta bene con chiunque, ma sa anche scegliere le proprie compagnie. Egli ascolta il suo Cuore; non i suoi interessi, non i suoi bisogni. Perché non ne ha. Chi è sveglio rispetta tutti, ma non sta con chi è distruttivo. “Buena vida a te, ma via da me!”: questo è il suo menù.
    Sii perciò Saggio nel conoscere le persone di cui ti contorni: le conosci davvero, o pensi solo di farlo? Le vedi veramente per ciò che sono, o le dipingi con colori che non hanno? Vedi la Verità nella loro Anima, o la mera illusione che di loro ti sei fatto? Questo è il motivo per cui molti restano delusi: scoprono che l’amico/a (o il partner, o i genitori, o i figli…) non è quello che sembrava… Ma va! Quale scoperta, in un mondo di maschere! Essi non capiscono che non sono quelle persone ad averle tradite, ma la loro ingenuità nel vederle per ciò che non erano. Quanto di te capisce? Volevano l’illusione, e l’hanno ricevuta. Hanno attratto a sé ciò che danzava nei loro pensieri, senza capire che cosa stava succedendo. Una beffa piuttosto diffusa, in questo mondo.
    Quelle persone sono sempre state così – perverse e manipolatrici – ma non le hanno riconosciute poiché accecati dai loro ideali. Perché è questo che volevano, non la Verità. Ricorda: si ottiene sempre ciò che si vuole, nella Sanità o nella follia. La scelta è tua. Ecco perché poi si dice: “Come hai potuto farmi questo…?”, quando in realtà è: “Dove cacchio ero quando t’ho scelto/a?!?”. È tutto qui. Perciò, guarda in profondità coloro che camminano con te e non farti ingannare dalle loro maschere. Perché se così è, allora qualche dubbio già ti dovrebbe sorgere! Sappi: non riuscirai mai a riconoscere la Vera Identità di qualcuno, finché non sarai stato capace di riconoscere la tua. Se tu stesso indossi la maschera, non vedrai altro che maschere. Ma tu per primo disfala, e l’Essenza di ciascuno ti si aprirà dinnanzi. E che cos’è, questo, se non virtuoso?
  • Smettila di guardare che cosa fanno gli altri e inizia a pensare che cosa vuoi fare tu! Se i tuoi simili sono stupidi, non significa che debba esserlo anche tu, non trovi? Smettila di confrontarti! Quale meraviglia ci sarà mai nel seguire il gregge solo per essere accettato da un branco di pecoroni? Sii un Leone.
  • Non sottometterti e non sovrametterti mai a niente e a nessuno. Sappi: tu non sei superiore o inferiore a nessuno e nessuno è superiore o inferiore a te. Se pensi questo, vivi un’illusione. Non è forse meglio la Verità?
  • Solo tu puoi renderti Libero, perché solo tu ti sei reso schiavo.
  • Non farti coinvolgere dai drammi degli altri e non assorbire le energie di alcuno. Vivi con la sola Forza del tuo Sé Divino! Ti chiedi se ne hai abbastanza? Ne hai infinita, fratello. Perché il tuo Sé Divino – la Sorgente della Vita – è infinita. Sei pronto per Lei?
  • Non scendere a patti con nessuno; non fare compromessi con nulla; non stringere alleanze con alcuno. Mai e in nessun caso. Sii Integro, Potente, Incorruttibile. In una parola, Libero!
  • Più avrai bisogno degli altri, meno potrai stare e fare con loro. Ma tu sii libero da tutto e tutti – e potrai amarli.
  • Sistema, guarisci, pulisci! Che cosa significa? Significa liberati. Sistema ciò che hai in sospeso nella tua vita, concludi ciò che sai devi concludere, guarisci te stesso e “ripara” le tue creazioni sbagliate. Hai rubato? Restituisci ciò che hai rubato. Hai truffato? Informa chi hai truffato. Hai tradito? Dillo a chi hai tradito. Hai…? Sistemalo e liberati da quel giogo! Non vedi che tutto questo adombra la tua Anima e ti impedisce di essere libero?
    Ma per i più, questo, è troppo doloroso, poiché la viltà è la puzzolente compagna con cui hanno scelto di danzare. Sono deboli, e così soccombono alle loro stesse vigliaccherie. E tu? Come sei messo? Che cosa nascondi? Che cosa trami? Che cosa dissimuli? Quali sono i tuoi interessi velati? Tutto questo si chiama merda, fratello, e chiunque nutra simili schifezze, non merita di essere libero. Ma chi è vile non se ne accorge, preso com’è dalla sua stessa arroganza. Anzi, pensa perfino di essere furbo! Ma quale acume ci può essere, nel pigliarsi a mazzate da soli?
    Tutto ciò che fai, lo vivi. Adesso o domani. È inevitabile. È il Principio della Vita in questo Regno. Pensi forse che a te non accadrà? Accadrà. Tutte balle? Quando avverrà, te ne accorgerai! E allora rideremo. E questo non è un augurio, ma il modo in cui la Vita ti insegna in base a ciò che tu stesso hai creato. Puoi chiamarla “lezione di semina e raccolta”, se vuoi. È la “legge” causale – il Principio causa-effetto. Quanto di te capisce?
    Perciò, sistema, sistema, sistema! Purifica te stesso e guarisci le tue creazioni. Ma bada: se lo fai solo per interesse – solo perché te la fai sotto al solo pensiero di affibiarti tutto il marciume che tu stesso hai seminato – non funzionerà. Poiché tutto ciò che si fa per paura, per interesse, per insicurezza…, non guarisce ciò che è malato: lo aggrava. Ma tu sii onesto con te stesso – poiché hai visto sinceramente i tuoi errori – e avrai tolto il giogo che oscurava la tua Anima. Allora la Saggezza sarà giunta e il folle ciclo delle reincarnazioni posto al termine. Perché chi ha sistemato ciò che doveva – veramente, profondamente – non ha più bisogno di ripetere le stesse esperienze. Le ha Conquistate. E così non ha più bisogno di vivere nel tempo, pazzo gioco per chi ancora dorme o è mezzo sopito. Allora le porte dell’Eternità gli si aprono dinnanzi, pronte a ricevere colui che, invece di dormire, ha Risvegliato Sé stesso. E che cos’è, questo, se non un miracolo?
  • Disfare cause folli prima che ne si manifestino gli effetti, non è un segreto. È Maestria. Ciò su cui sei focalizzato, diviene la tua realtà. Quali sono i tuoi pensieri comuni? Quali sono i tuoi sentimenti tipici? Quella è la realtà che vivrai. Chi è sveglio, è responsabile della sua vita; chi dorme, affida la colpa al fato. E tu?
    Riconosci le cause disarmoniche che stai creando (o hai creato…), e avrai posto le basi per la loro disfatta. Ma tu ignorale, e ne vivrai gli effetti. Cause Sane, conducono a una Vita Sana; cause folli, portano a una vita folle. Che cosa scegli?
    Sii quindi Saggio nel vedere la natura di ciò che stai creando, poiché solo così saprai che cosa stai facendo. Che cosa c’è nei tuoi pensieri? Che cosa danza nei tuoi sentimenti? Hai due sole vie per liberarti dalle tue creazioni malate. Non tre, non una; due: per quelle già compiute, guarirle; per quelle che stanno bollendo adesso nella tua mente, prenderle per tempo. Che cosa significa? Te lo dice la carie…

    Le carie più fetenti sono quelle che non dolgono, quelle che non vedi, quelle che, mentre tu pensi vada tutto bene, fermentano velenose nell’anima del tuo dente. Fuori tutto sembra perfetto, poi, col tempo – poiché non hai fatto nulla per capire cosa stava accadendo – il marcio compare. Era già lì da mo’ – dentro, nella sostanza – ma non c’hai fatto caso – poiché eri focalizzato fuori, sull’apparenza. E così è molta gente: apparentemente perfetta, ma sostanzialmente marcia.
    Impara quindi a riconoscere le cause che stai covando, perché è poi da esse che nasceranno gli effetti che tu vivrai. Se conosci il seme, conosci il frutto. La tua vita è il frutto; tu sei il seme – o meglio, colui che semina. Che cosa hai piantato nella tua Anima? Che cosa hai seminato nella tua mente? Che cosa ha nidificato nei tuoi sentimenti? Quello è ciò che raccoglierai. Non un frutto in più. Ma neanche uno di meno.
    La tua vita, qui, è una lezione per innalzarti a Regni Superiori. Non l’hai capito? Ma tu sii sordo agli insegnamenti che la Vita ti da, e precipiterai a quelli inferiori. Dipende tutto da te. Da se e quanto sei Sveglio. In armonia con la Vita, volerai; contro, t’inabisserai. Che cosa farai?
  • Non essere né egoista né altruista. Che cosa significa? Sii libero! Allora trascenderai il folle pensiero umano, poiché sarai fuori dalla dualità: bene e male, giusto e sbagliato, buono e cattivo… egoista e altruista! Perché che cos’è, la dualità, se non la separazione da ciò che non può essere diviso?
    Ciò che è unito non può essere separato, se non nelle illusioni di chi lo crede. Tu non sei separato dalla Sorgente Divina – credi solo di esserlo e, poiché la mente proietta gli effetti delle tue credenze, ne vivi le conseguenze. Ma quanto può essere reale l’effetto di una causa impossibile? Se la causa non c’è, dov’è l’effetto? Può esserci la pianta, se non c’è il seme? L’effetto di una causa irreale è illusoria. Ciò che pensi e provi in uno stato alterato di coscienza, non ha alcun significato. Perché come può averlo, il prodotto della follia?
    La dualità non esiste, è un’allucinazione umana creata dall’ego, a sua volta generato dalla tua follia nel pensare di essere scisso dalla Totalità. Ma se la Totalità è in tutto – poiché è la Sorgente di ogni cosa – allora deve essere anche in Te. E lo è. Ritrova Te stesso/a, quindi, e risvegliati alla Verità! Allora le illusioni crolleranno e il velo sarà tolto. Perché quando la cecità è guarita, il risultato è la Vista.
  • Quanto più distaccato sarai da luoghi, cose, persone, tempi ed eventi, tanto più potrai goderli. Ma tu sii attaccato anche a una sola di queste cose, e avrai perso la tua Libertà. Perché si è sempre schiavi di ciò di cui si ha bisogno. E puoi forse amare ciò di cui dipendi? Puoi solo usarlo e farti usare. È così magnifico, sì?
  • Non è egoismo vivere la tua vita come tu ritieni opportuno (così come ti hanno e ti sei insegnato – per renderti debole e timbrarti come l’ennesimo infelice del mondo); è egoismo pretendere che gli altri la vivano come tu ritieni opportuno. E lo è anche permettere agli altri di pretendere che tu la viva come loro ritengono opportuno. Questo sì che è egoismo! E quindi? Vivi la tua vita, in base ai tuoi gusti e ai tuoi desideri; lascia gli altri vivere la loro, in base ai loro gusti e ai loro desideri; non permettere ad alcuno di condizionare la tua vita, in base ai loro gusti e ai loro desideri. Sei tu il Sovrano di Te stesso. Sei tu il Maestro della tua Vita. E così per ciascuno.
  • L’Entusiasmo è la pietra angolare di ogni Conquista! Perché l’Entusiasmo nasce dall’unione con la Sorgente Divina; dal ritorno a ciò che Sei; dalla comprensione che da Lei mai ti sei separato. E puoi dunque non essere Entusiasta, dal momento che questo è ciò che Sei?
  • Ma sappi: l’Entusiasmo non è eccitazione, né euforia, né delirio. Perché può forse essere Entusiasmo, ciò che conduce alla follia?
    L’Entusiasmo è l’Essenza dell’Essere, l’Anima del Sé, lo Spirito in ogni cosa, non uno stato emozionale (come i più credono). Come la Felicità, non è la conseguenza di qualcosa, ma una Qualità dell’Essere. Non ha a che fare con l’appagamento emotivo o il raggiungimento di un risultato: è la Fonte del Sé, la Sorgente Divina, la Forza Interiore. Sei entusiasta per il solo fatto di essere vivo, di essere libero, di essere felice! Poiché l’Entusiasmo è Vita, è Libertà, è Potenza; è
    chiarezza di visione, lucidità mentale, brillantezza di Spirito; è precisione di risposta, perfezione di comprensione, luminosità d’animo. È tutto! L’eccitazione, al contrario (come l’euforia e tutto il resto della follia…), è il risultato di una mente che si dibatte nelle sue illusioni, la cui conseguenza inevitabile è poi la depressione, quando l’effetto di quell’euforia svanisce. È tipico del sistema di pensiero dell’ego, il pazzo “io” che dice: “Dividi tutto, legati a ciò che hai diviso, e impera su di lui”. Vedi qualcosa di più folle, tu?
    L’ego è pazzo, il mostro senza palle che l’umanità ha creato separandosi dal suo Vero Sé. L’eccitazione è un’emozione, generata dall’impellente soddisfazione di un bisogno. L’ego vive sempre nel bisgono, poiché è debole, fragile, insicuro, nonostante le sue maschere. E non è forse per questo che deve indossarle? Se fosse Forte, invero, non avrebbe bisogno di farlo. Ma deve farlo. Deve, perché è nulla. E il nulla esiste solo nella mente di chi dorme.
    Euforia e depressione sono le facce opposte di una stessa medaglia: quella della pazzia. Perché chi, se non un pazzo, può scegliere di vivere in balia di sussulti emozionali e di perverse deviazioni mentali? La vita di chi dorme è come la vita di un drogato: vuota, vacua, persa…, trascorsa costantemente in uno stato di bisogno e disposto perfino a vendere le chiappe pur di soddisfarlo. Quando ottiene la droga (il suo bisogno), si eccita; quando ne è senza, si deprime: su e giù, su e giù, su e giù – come uno yo-yo – senza mai Pace, senza mai Equilibrio, senza mai Gioia. Senza mai, proprio così, Entusiasmo!
    È vita, questa? Questo è un affronto alla Vita. Perché l’Entuasiasmo – come la Vita! – è Pace, Saggezza, Amore; è Felicità, Libertà, Verità. È il Regno dei Cieli! Non è mai eccitazione: non ti fonde la mente, te la pulisce! Così come non è mai depressione (e ciò è piuttosto evidente!), perché non ti distrugge l’Anima: te la vivifica. L’Entusiasmo è Pace nella Gioia; Felicità nella Saggezza; Ispirazione nella Comprensione. Risveglia Te stesso, e Lo vivrai!
  • La paura non esiste. Svegliati! Libera Te stesso e rinasci nella Verità.
  • Disinibisciti! La maggior parte delle persone, proprio così, pensano di essere libere, empatiche, comunicative…, quando una mummia è più viva nel suo sarcofago! Ma tu sappi: comunicare non significa parlare. Se così fosse, questo mondo – politicanti in primis! – sarebbe illuminato. Ma forse non è proprio così, vero? Perché comunicare significa sentire, conoscere, vedere. In due parole, essere Svegli.
    Tutti sono capaci di parlare (quasi tutti…), ma rari sono coloro che comunicano davvero. Perché la vera comunicazione è spontanea, naturale, pura; non formale, artificiale, strutturata. È, invero, disinibita! Certo, il linguaggio (semplice e sciolto) ha la sua valenza (se è complicato è logorroico… – proprio come chi lo rivela!), ma è e rimane sempre un simbolo. Che cosa significa? Che, in sé stesso, è niente.
    È l’intento che c’è dietro, che va colto, non le parole in sé.
    L’inibizione ha a che fare con il controllo sulle masse. Più persone frustrate e infelici ci sono, infatti, meno sono capaci di esprimersi e, così, maggiore è il grado di controllo che su di loro si può esercitare. Motivo? Profitto e potere. Come si ottiene ciò? Dividendo e imperando. È sempre il solito gioco.
    Esci da questo letamaio, fratello, perché i tuoi giorni sono contati nella gabbia. Credersi liberi in un carcere, non è poi così figo, vero? Ma nemmeno dipingere la propria prigione d’oro, ti renderà libero. E questo – ironico, ma vero! – è proprio ciò che molti fanno: temendo la Libertà – poiché comporta Responsabilità – preferiscono la gabbia, illudendosi che forgiando le loro sbarre d’oro saranno felici. Sbarre d’oro o di ferro arrugginito, letto a baldacchino o branda a pezzi, profumo inebriante o puzzo di sterco, sempre in una gabbia stai. Sì, certo, è meglio il gelsomino alla cacca, ma questo non ti renderà libero. Renderà la tua gabbia più accogliente, più carina, più comoda…, ma sempre una gabbia rimane. È questo che vuoi?
    Essere liberi significa disfare quella gabbia! Non far finta che non esista, né rimanerci dentro arrendendosi alle circostanze. Gli schiavi fanno questo, non i Guerrieri. Disfa quelle sbarre, dunque, e il Vento della Grazia ritornerà a danzare sul tuo volto, rinato dalla dolcezza del profumo della Vita. Ma come disfare quelle sbarre? Sapendo che le hai fatte tu! Hai poi assunto i carcerieri alla tua porta, por poi consegnare loro la chiave della tua Libertà. Ma tu richiama a te i tuoi inquisitori, e vedrai che non sono nulla. Hai fatto tutto tu!
    Se non capisci che quelle sbarre sono irreali e che la tua prigione è un’illusione nella quale ti dibatti incosciente, mai ti libererai. E mai non significa “forse”. Significa mai. Ma tu riconosciti artefice unico dei tuoi incubi e quelle chiavi che credevi perse le vedrai levarsi dalle tue tasche. Tu ti sei rinchiuso; solo tu ti puoi liberare. In questo sta la tua vittoria.
    In ciò, hai l’aiuto dell’intero Universo, con i suoi Reami di Luce e i suoi splendidi Cavalieri Divini. Essi sono parte del tuo Sé Divino, ciò che realmente Sei. Il tuo Spirito è il Messaggero che vi unisce. Inizia a danzare con il tuo Sé Divino e le Sfere Superiori dell’Esistenza, allora, e ciò che prima era per te un enigma, diverrà ora chiara ovvietà.

    Ti sei perso nella tua mente, amico mio. Anziché usarla per creare realtà gloriose in armonia con la Vita, l’hai incasinata costruendo un labirinto senza una benché minuscola via d’uscita. Hai fatto solo un po’ di casino! Ma tu riconosciti per ciò che Sei – Dio, il Sé Vivente – e avrai guarito ogni illusione. Ne vale la pena?
  • L’Amore – ciò che tu Sei – è l’unica Verità. Nulla puoi temere. Perché se l’Amore è invincibile – e lo è, allora devi esserlo anche tu – e lo sei. Non c’è scelta: sei destinato a volare!
  • Impara a dire NO.
  • Guarda tuoi desideri e, invero, riconsoci quali sono Virtuosi e quali non sono altro che capricci.
  • Dai Forza solo a quelli Virtuosi!
  • Abbi Fiducia incrollabile in loro. Inizia a sentirti come se quei desideri si fossero già realizzati. Vacilla solo di un soffio, e ti sarai assicurato il fallimento. La certezza che si realizzeranno, da parte tua, dev’essere totale. Che si tratti di una guarigione o di una conquista, è la stessa cosa.
  • Comunica con il tuo Sé Divino – la Sorgente della Vita – e sappi che sei sempre ascoltato. Istaura un rapporto con Lui e, invero, ricordati che quando parli con Lui, devi essere presente con tutto te stesso: non si tratta di vomitare preghiere a memoria, ma di parlare con sentimento, di esprimere col Cuore e con l’Anima tutto ciò che senti e vuoi comunicarGli.
    ChiediGli di assisterti lungo il tuo viaggio, perché sia sano e foriero di Saggezza, così come di Felicità, di Libertà, di Amore e di Conoscenza. Sappi che non sempre la Forza Divina risponde come tu vuoi (anzi, non lo fa quasi mai!), perciò non avere arroganti aspettative, altrimenti rimarrai deluso e la tua energia si abbasserà di nuovo. Questo è uno dei motivi per cui la gente pensa ingenuamente di non essere ascoltata e che quindi tale Forza non esista. Il tuo ego non deve esistere, altrimenti saboterà la tua percezione della Forza. Sappi quindi che, in modo perfetto, riceverai ciò che hai chiesto: chiedi e ti sarà dato; bussa e ti sarà aperto; dai e riceverai. Queste sono Verità Eterne, ma ti rifiuti di capirle. Lascia che la Verità si riveli a te e senti la Forza Divina vivere in te. Lascia andare, perdona, abbandona il controllo, decreta che la Forza dell’Amore riempia il tuo Cuore e animi la tua Vita! Allora assisterai al miracolo.
  • Ringrazia per ciò che hai adesso, perché, per quanto assurdo ti possa sembrare, hai già tutto!
  • Renditi conto che la tua Vita è esattamente come tu vuoi che sia. Anche adesso! Anche per ciò che non vuoi. Come sarebbe? Perché tu, nella tua pazzia, vuoi sia così. Non è così?
    Non commettere l’errore di voler cambiare il mondo esterno e la gente che ti circonda. Fallo solo se vuoi fallire ed essere infelice. L’uomo saggio sa che il mondo e gli altri vanno bene così come sono. Occupati piuttosto di cambiare te stesso, perché è l’unica cosa che puoi fare. Il bicchiere pieno a metà è il classico esempio che dimostra tale Verità. Il bicchiere e la quantità d’acqua in esso contenuta sono gli stessi sia per te che per il tuo amico, ma chiunque di voi lo vedrà mezzo pieno, vivrà in Grandezza (poiché la sua visione è focalizzata sull’Abbondanza), ma chi lo vedrà mezzo vuoto, per lui sempre più vuoto sarà (poiché è focalizzato sulla mancanza). Che cosa scegli?
  • Apriti all’Abbondanza e alla Gioia e smetti di opporre resistenza a ciò che vuoi. Disciplina te stesso a rispondere solo al Dio che è in te.
  • Occhio alle illusioni, fratello! Perché coloro che si salvano da quest’inganno son così rari, che vedere una mucca funambola è più probabile. Perché quando manca il coraggio di vivere il proprio Vero Destino, credere di farlo è tipico di chi fallisce. Quanto di te capisce?
    La quasi totalità delle persone, invero, fa proprio questo: si rifugia in una vita completamente irreale, artificiale, illusoria…, poiché in quella reale non ha l’ardore per realizzare ciò che realmente È. Così, pensa che pararsi il sedere dietro una vita fittizia – illusoriamente splendida e meramente perfetta – sia la soluzione alla sua calvizie. Ma la calvizie non si cura facendo finta che non esista, ma riconoscendola per ciò che è. E la cura non arriva mai dall’esterno – mera illusione! – ma solo dall’interno – eterna Verità. E tu? Ti curi o t’illudi?
    Sostituire un’illusione con una falsa realtà, non risolverà i tuoi casini. Li aggraverà. Perché i limiti si vincono superandoli, non evitandoli. E per superarli li devi vedere. Perché che cos’è, un’illusione? Una rappresentazione azzardata e sfrontatamente acuta della realtà. Così azzardata, così sfrontata, così acuta, da non accorgertene! Un esempio? Il mondo in cui vivi! Un riflesso della Verità che con Lei nulla ha a che vedere, eppure quanto reale ti pare! Un riflesso così vero, così seducente, così… reale!, che mai sospetteresti che non lo è. Ora tu dirai: “Che storia è questa…? Dimostramelo!” E io ti dirò: “Dimostrami che non è così”. Puoi farlo?
    Il fatto che tu puoi sentire, gustare, toccare, vedere, udire… tutto ciò che “esiste” in questo mondo, non significa sia reale, c’hai mai pensato? Ti stai già incasinando, eh? Ma il casino c’è solo dove non c’è comprensione; dove c’è, la chiarezza danza sovrana. E quindi?
    Pensa ai sogni (o agli incubi…!) della notte. C’è un solo motivo per cui tu li riconosci tali: perché, al mattino, fai ciò che dovresti fare anche di giorno: ti svegli! Il Risveglio nega la realtà del sogno, poiché, se fosse vero, non ti sveglieresti. Quanto di te capisce? Saresti già nella Verità, quindi già sveglio. Ma non lo sei. Eppure, durante il sogno, tu credi davvero di essere lì – in quel luogo, in quella situazione, con quelle persone…, poiché sei dentro quel sogno. Lo stai sognando. Quel sogno, in quel momento, è la tua realtà. Nel tuo sonno – quando ci sei dentro – pensi che tutto ciò che stai vivendo accada davvero (infatti senti, vedi, percepisci, gusti, tocchi… e tutto il resto, non è così?), mentre è solo la proiezione di scene olografiche prodotte dalla tua mente. Al risveglio del mattino, poi, tutto finisce. E perché finisce? Perché l’hai riconosciuto… un sogno! Alias qualcosa di irreale – di immaginario – accaduto nella tua fantasia e non nella realtà. Se non ti svegliassi più (tieni pure le mani dove le hai messe…!), rimarresti bloccato in quel sogno, dimenticando che sei il Sognatore e che ciò che stai “vivendo” è solo una neurosimulazione olografica – neurosimulazione di cui tu stesso sei il creatore e tu stesso il regista. Ma, poiché hai dimenticato non solo chi Sei (il Sognatore…), ma anche dove sei (nel Regno della Libertà) e perché stai sognando ciò che stai sognando (una tua scelta), non te ne accorgi. Così cadi in un sonno sempre più fitto, sempre più profondo, sempre più denso…, dove il ricordo di Chi Sei veramente si affievolisce sempre di più, fino a diventare una nebbia così spessa da non vederci più nulla. Ti sei perso nei labirinti della tua mente! E questo, proprio così, è esattamente ciò che hai fatto in quella che tu credi essere la tua vita in questo mondo. È così assurdo, che l’hai fatto!
    Sappi, allora: la differenza fra i sogni della notte e quella che è la tua vita di giorno, in verità, non esiste. Perché entrambi sono sogni. Stai sognando, e nemmeno lo sai! In questo sta il dramma umano. Esseri bloccati nei propri sogni – nelle proprie creazioni – che si dibattono per cercare di risolvere casini inesistenti. Perché se un sogno è irreale, deve esserlo anche tutto ciò che esso contiene. E – ovviamente – lo è.
    La chiave della Libertà è il Risveglio. E non dal letto; nello Spirito. Allora ciò che prima era una nebbia impenetrabile, si disfa ora come neve al sole, riconosciuta dalla Consapevolezza che mai è esistita. Quanto è vero ciò che accade in un sogno? Quanto conta ciò che non effonde Verità? Quanto fiorisce ciò che nasce da un terreno impossibile? Che cosa ti è successo? Ti sei addormentato e non ti sei più svegliato. Sei rimasto bloccato in un sogno – la tua “realtà in questo mondo” – che tu credi reale soltanto perché hai dimenticato Chi Sei. È tutto qui.
    Ci sono stati Esseri, in questo regno, che diverse volte hanno dispensato Doni per risvegliare le coscienze sopite dei suoi abitanti (i sognatori…), ma sono stati quasi sempre incompresi e perseguitati. Curioso, vero? Ti arrivano Doni Meravigliosi su un piatto d’argento e tu li rifiuti perché stai dormendo… Geniale davvero!
    Risveglia Te stesso, fratello, perché questa è l’unica via che esiste per porre fine alla follia in questo regno. Come quella di chiunque, la tua Via è individuale, personale, interiore, e solo tu puoi trovare quella chiave che ti libererà da ciò che ti tiene in catene. La cercherai?
    Non crederti libero quando non lo sei. Non vivere nell’illusione di una vita appagata, quando invece non è altro che una vita buttata. Non approvare l’illusione. Non accettare l’apparenza. Perché così avrai concordato la menzogna. O sei libero o non lo sei. Le illusioni durano finché crollano. È così ovvio, che molti pensano che i loro trucchi abbiano vita eterna! Ma può forse durare ciò che non è Reale? Può forse esistere ciò che non è Vero? Può forse significare ciò che è insignificante? Svegliati, amico! Perché una volta Sveglio – nella Verità, non nelle illusioni! – ciò che qui leggi a parole lo vivrai sulla tua stessa pelle. Allora il velo sarà tolto e la mente risanata. Perché come può reggere, l’illusione, di fronte alla Verità?
  • Ora tu dirai: «Vuoi dire che, una volta Sveglio, questo mondo scomparirà…?». Proprio così! Perché può forse rimanere intatto, ciò che esiste nel sonno? Quanto è solido un castello di fumo?
    Ma stai tranquillo. Se vuoi, quando vuoi, potrai continuare a creare tutte le realtà virtuali che vorrai – come il mondo che vedi adesso! – con una sola, splendida differenza: non scorderai più Chi Sei! Allora non ti perderai più nel sogno, poiché sarai sempre unito con la Sorgente Divina. Per farla breve, sarai Sveglio anche quando sognerai!
    Questo, proprio così, è esattamente ciò che fanno coloro che sono chiamati Esseri Cosmici – Entità di Coscienza così elevata – pieni d’Amore, Felicità e Saggezza – che anche i loro corpi sono a te invisibili. E perché lo sono? Perché la loro vibrazione è straordinariamente superiore a quella del tuo, conseguenza del loro livello di Coscienza più elevato e del tuo più raddensato. Ma tu eleva il tuo Essere alla loro Saggezza, e danzerai in Regni gloriosi assieme loro! Perché che cosa sei, Tu, se non un Essere Cosmico?
    Ti sento fin qua: «Ehi, hermano, tutta la faccenda sarebbe anche fantastica, se non fosse una trama da film di fantascienza! Non penserai mica che io la beva, vero?». No, e nemmeno che la mangi. Perché la Verità non ha bisogno di essere bevuta. È. Tuttavia, se è la Vera Vita che vuoi trovare, una cosa la devi fare: Svegliarti! Perché è nel sonno che ciò che è ovvio è visto come impossibile – e se accade, è un miracolo. Ma che cosa sono, i miracoli, se non Verità non concepite?
    Ciò che qui è “miracoloso”, in altri regni (quelli Evoluti!) è naturale manifestazione. Perciò, invece di ridere come i pagliacci di ciò che esce dal tuo campo di possibilità, verifica se ciò che hai avvistato è foriero di Verità. Se sì, merita di esistere; se no, di scomparire. E questo vale anche per ciò che stai ricevendo qui.
    Ascolta Te stesso, allora; non la tua personalità – condizionata e dubbiosa, ma il tuo Cuore – Libero e Sicuro. Sappi discernere ciò che è vero da ciò che è falso, e agisci di conseguenza. Bersi un mucchio di letame solo perché l’hai sentito da qualche parte è come ridere di fronte a ciò che ti pare assurdo solo perché va oltre tue credenze: idiota. Non fare quella fine. Chi è Saggio ride di gusto in armonia con la Verità, non sghignazza come un ebete per respingere ciò che teme. E tu? Ridi o starnazzi?
    Riconosci: la tua Evoluzione è direttamente proporzionale alla tua Volontà di compierla. L’intensità con cui la vuoi – la Forza con cui la desideri – determina la Potenza con cui la vivi. Ma bada: se il desiderio di Evolvere è solo per interesse, per apparire, per far vedere che sei “un evoluto”…, allora non solo non crescerai, ma regredirai a stati di coscienza sempre più bassi – così bassi, che il puzzo dell’ego non solo dominerà la tua Anima, ma inonderà il tuo intero essere fino a farlo marcire. È questo che vuoi?
    Sii allora pulito nella tua Elevazione, senza ragioni nascoste né interessi velati. L’Innalzamento o è Puro, Perfetto, Vero, o non c’è. Nella menzogna, avrai solo l’illusione di essere un grand’uomo, quando in realtà sei solo uno zerbino su cui pulircisi il piedi. Non è il massimo della vita, vero?
    Preparati, allora! Purifica il tuo Essere e pulisci la tua Anima. Guarisci te stesso e conquista i tuoi limiti. Non puoi Elevarti, se non sei Puro. E tu lo sai. Tu, il Sé Infinito, Impersonale e Illimitato, Onnipotente e Onnisciente – la Perfezione Suprema, guida i tuoi passi affinché tu – colui che si è perso – ritrovi Sé stesso, il Grande Essere. Sii perciò Saggio nel riconoscere i Suoi segnali, perché con gli occhi chiusi è un po’ difficile vedere. E quando, insieme agli occhi, aprirai anche il tuo Cuore, la meraviglia di ciò che Sei ti si spiegherà dinnanzi. Allora, in lacrime, riconoscerai Chi Sei, libero dalle illusioni del tempo e fuori per sempre dalle prigioni di matrix. Sei pronto per ciò?
  • Assicurati di agire sempre nell’Amore: realizzare te stesso e i tuoi sogni, mai e in alcun modo, deve danneggiare gli altri o te stesso. Lascia andare i tuoi nemici e illumina i lati oscuri di te stesso: assisterai a una trasformazione straordinaria!
    Gli altri sono sempre il riflesso di te stesso – il tuo specchio esterno: se c’è qualcosa che negli altri non ti piace – o ti irrita – c’è qualcosa di te (o in te!) che non hai ancora conquistato. Quanto di te capisce? Sei ancora debole, in quel campo, e devi crescere. Chi ti piace, espone gli aspetti che di te ami – e questo è buono; chi rifiuti, esprime gli aspetti che di te detesti – e questo è meno buono! Ma, in tal caso, i tuoi nemici non sono forse i tuoi migliori amici, in quanto maestri eccezionali nel far emergere il peggio di te? Grazie a loro, infatti, hai l’opportunità di vedere ciò che in te è immaturo, ciò di cui non ti sei ancora liberato, ciò che ti manca ancora di superare. Essi, proprio così, ti mostrano chi non sei, per poter
    divenire così CHI VERAMENTE SEI. È una bella cosa?
    Rispatte i tuoi nemici, allora – e, pur non frequentandoli, lasciali essere ciò che sono.
  • Non essere superficiale, ma Profondo, Vero, Autentico. Non farti abbagliare dalle apparenze: vedi in Profondità, cogli l’Essere, senti l’Anima. In una parola, sii Puro.
  • Sii leale, onesto, integro, sincero, corretto. Sempre. Verso te stesso e verso i tuoi simili. Silo sempre, soprattutto quando subisci un torto. Questo non significa sottomettersi, bensì uscire da una situazione in modo Pulito con chi cercava di manipolarti. Sii Virtuoso, Incorruttibile, Impavido: non temere nulla e nessuno, perché la Forza della Vita è in te. Lei ti ama, anche quando la odi perché le cose non vanno come vuoi tu! E perché non vanno come vuoi tu? Perché non riesci a vedere che sei tu stesso che vuoi che siano così! Quanto di te capisce?
  • Quando non avrai più bisogno di essere accettato, applaudito, ammirato, riconosciuto, lodato, approvato, criticato, appoggiato… e tutto il resto, sarai libero. Non prima. Perché prima sei nel bisogno, nella dipendenza, nella schiavitù… E puoi forse essere libero, in un tale stato?
    Essere liberi non significa scegliere in quale pizzeria andare a sfiziarsi o quale film vedere al cinema. Molti pensano sia questo ed è per questo che sono prigionieri! La libertà superficiale non è libertà. È inganno. La libertà esterna – materiale, fisica, ha significato solo come conseguenza di quella Interna – dell’Anima, dell’Essere. La prova è il mondo in cui vivi. Apparentemente paiono tutti liberi e felici, non è così? Ma invece sono quasi tutti incasinati e pieni di limiti! E quindi? Riconosci ciò che la Libertà realmente è, e l’avrai trovata! Certo, disporre di strumenti utili per vivere meglio e scegliere in quale mangiatoia dar gioia al tuo stomaco, è buono: tuttavia, questo non ti darà la Felicità; né la Libertà, né la Saggezza. E tu lo sai. Queste cose sono utili come contorno alla tua Evoluzione Interiore e non come fine – come per molti è. Quanto di te capisce? I famosi ricchi infelici ne sono un esempio!
    Perciò sappi: la Vera Evoluzione è quella dell’Essere, quella dell’Anima, quella Interiore. Quale vantaggio ci sarà mai nel conquistare il mondo, se poi perdi l’Anima? Sviluppati: smetti di appoggiarti agli altri e di attaccarti a vacui miti! Svegliati dal torpore e ritorna alla Vita. Nessun legame, nessun attaccamento, nessun bisogno, nessuna dipendenza, nessun interesse, nessuna ragione nascosta. Questo – e molte altre meraviglie! – sono il tuo Vero stato d’Essere. Sei pronto per ciò?
  • Tutto ciò che ti serve, è già dentro di te. Non hai bisogno di cercare negli altri la tua Felicità. Smetti di cercar fuori ciò che hai dentro! Vivere liberi significa imparare a nuotare, non ad affogare coi propri amici.
  • Ringrazia, sii Amore, senti Gioia, pensa in Grande, vivi la Pace, la Beatitudine e la Felicità sempre, in ogni circostanza, anche quando le cose non sembrano al top. Allora assisterai alla trasformazione. E il deserto di spine in cui prima vagavi disorientato, diverrà ora il giardino fiorito in cui cammini sicuro.
  • Sii sicuro di te e vincerai. Immagina la Meraviglia e la vivrai. Conosci la Verità e la conquisterai.
  • Impara a pensare e sentire oltre cose, luoghi, persone, tempi ed eventi. Oltre l’ambiente e i tuoi limiti. Supera i tuoi condizionamenti e conquista te stesso! Impara a vivere nel mondo, ma a non essere del mondo.
  • Non giudicare e non sarai giudicato. Non giudicarti e non permettere ad alcuno di giudicarti. Allora sarai libero.
  • Rispetta e sarai rispettato. Rispetta e fatti rispettare.
  • Non appoggiarti a niente e a nessuno. Mai e in nessun caso. Volare significa rimanere in aria senza sostegni.
  • Il passato è una realtà illusoria che hai creato tu. Ne sei responsabile (che non significa colpevole!). È idiotico sia vergognarsene che esserne orgogliosi. Conquistalo – traine la lezione – e liberatene! Allora l’avrai purificato e potrai trascenderlo. Il futuro lo crei in base a ciò che sei qui, adesso, ora e non a cosa credevi di essere ieri, un anno fa, la vita prima. Quanto di te capsice? Perché non lo sei mai stato. Il tuo presente non è dei migliori? Quali pensieri ed emozioni hai partorito fino a un minuto fa? È tutto qui. La tua realtà è generata dai tuoi Pensieri e dai tuoi Sentimenti. Se non sei soddisfatto della tua vita – proprio qui, adesso, ora – c’è qualcosa dev’essere decisamente guarito, in te, non trovi? Ricorda: l’Adesso è tutto ciò che c’è. Passato, presente e futuro non esistono. Perché se il tempo non esiste, dev’essere l’effetto di un’allucinazione. E lo è. L’Adesso trascende anche il presente. Tutto accade simultaneamente: qui, adesso, ora. Ciò che sei Adesso, dipinge il tuo domani. Chi sei?
  • Perciò: desidera la Verità; impegnati in ciò che ha valore; non farti distruggere da nessuno (stai certo che ci proveranno! Naturalmente per il “tuo bene”…); persevera, soprattutto quando le cose si fanno più dure: è qui che si vede il Vero Guerriero!; infondi in ogni cosa Entusiasmo ed Energia infinita; sii grato; ama ciò che fai e fai solo ciò che ami; ama e rispetta ciò che dai e ciò che ricevi; ama ciò che vuoi; abbi incrollabile fiducia nei tuoi Desideri più Elevati: Fede significa avere certezza su qualcosa senza averne avuto alcuna prova prima; contempla Ciò che vuoi diventare, la Vita che vuoi vivere, le Virtù che vuoi conquistare; sentiti come se avessi già realizzato i tuoi desideri; pensa da Dio, non da uomo!; non farti corrompere dalle debolezze umane e inizia a vivere fuori dalle illusioni del box; ama Te stesso, la Vita e gli altri incondizionatamente!
  • Tutto è possibile, compresa l’immortalità fisica. È troppo forte? So it is.
    Se c’è una sola cosa che pensi impossibile – una sola – vivi un’illusione. Sei limitato. Sprigiona lo Spirito che è in te e lascialo libero di creare! Lui ne sa molto più di te. Lasciati vivificare dalla Sua Potenza, dalla Sua Forza, dal Suo Amore: allora, in lacrime, creerai quello che, nei tempi antichi, veniva chiamato
    Paradiso sulla Terra. Tu sei Dio, perché Dio è in Te. Lo senti?
  • Il segreto di ogni Vera Conquista è essere ed agire nell’Amore: tu lo vivi? Tu lo sei? L’Amore Infinito è la porta verso ogni cosa.