two are One

BACIO COPPIA
L’Amore racchiude in Sé due Essenze Divine: la Virilità nell’uomo e la Femminilità nella donna. Perché che cosa c’è, di più sublime, che l’unione di due Forze che sono una?

 

Ora, poteva forse mancare quella che si chiama Fiamma Gemella? Non poteva. E quindi? Che cos’è la Fiamma Gemella (o Anima Gemella, se preferisci)? O meglio, chi è? Sei tu!

Questo mondo ha speculato anche su ciò di ciò che l’Anima Gemella è – e continua a farlo. Perché? Perché, come tanti, anche questo è uno strumento di controllo e di gratificazione emozionale. Perciò sappi: l’Anima Gemella – quella che i più credono sia – nulla ha a che vedere con ciò che essa realmente è. E che cos’è, allora? Tu, nel tuo Essere polarizzato, di fonte energetica opposta. Quanto di te capisce?

Ora, quella Fiamma Gemella che molti cercano, non la troveranno mai finché non la riconosceranno in Sé stessi. Perché la Fiamma Gemella non è una persona – un individuo, un corpo… – ma Tu stesso/a, nella tua polarità opposta dispiegata. Può manifestarsi attraverso un’Anima – e ciò è splendido! – ma sei sempre tu – l’Essere Eterno – in un’esecuzione magistrale. Quanto di te comprende? La quasi totalità della gente di questo mondo ha rapporti con esseri che non sono le loro Fiamme Compagne. Pensano che lo siano – s’illudono che lo siano – ma non lo sono. E non lo sono perché non hanno capito che cosa la Fiamma Gemella è – o meglio, Chi È: una proiezione del loro stesso Essere, che prima devono riconoscere in Sé. Ci sei?

Infatti, la Fiamma Gemella – la Vera Fiamma Gemella – non è il tuo completamento; non è la tua “dolce metà” (come si decanta romanticamente in giro…); non è ciò che ti manca per essere intero. Perché sei già intero. Quanto di te capisce? Tutto è in te. Ogni cosa, ogni manifestazione, ogni creazione. Quindi, ogni Essere. Perché l’Essere è Uno, Completo, Indivisibile, diramato in Entità singole (l’uomo, la donna, l’individuo…), come Raggi di un Sole unico. La Fiamma Gemella, quindi, non apparirà mai, a te, finché non avrai capito che tu sei già tutto e che non hai bisogno di nulla per completarti. Il rapporto con la propria Fiamma Compagna, infatti, non è di bisogno, di dipendenza, di sostegno reciproco (come la maggior parte dei rapporti di questo mondo…), poiché non è di matrice emozionale, ma Divina. Che cosa significa? Significa che, per farla breve, che quell’Entità ci sia o meno nella tua vita, non ha alcuna importanza. Quale eresia, eh? Perché? Perché quell’Entità è già in te – sei Tu, nella tua Totalità Interiore – perciò, con lei o senza di lei, tu sei già perfettamente completo, assolutamente integro e interamente felice. È una bella cosa?

Tuttavia – ti sento già strillare! – la manifestazione di quell’aspetto di te, nella sua componete polarizzata opposta, è fantastico! E viverlo è straordinario. Non ne hai bisogno – e proprio per questo puoi amarlo. Perché ciò di cui si ha bisogno non si può amare; si può solo usare. Quanto di te capisce? Così, fra voi, c’è Libertà, Verità, Gioia, poiché siete in uno stato di non-dipendenza, di non-attaccamento, di non-legame, proprio perché siete entrambi integri, interi, totali. Chi è uscito dalle illusioni umane – davvero uscito! – non ha più dipendenze e bisogni. Non s’impantana in falsi rapporti chiamandoli poi “amore”. Perché chi è Sveglio sa che nel bisogno non può esserci Amore, ma solo inganno. E tu? Sei Sveglio o dormi?

E così, eccoci qui, a scoprire qualcosa di reale in un mare di illusioni! È una bella cosa? Ora sai. Ora capisci. Ora conosci. Non serve perciò dilungarsi a lungo, perché una volta che hai compreso l’Essenza di qualcosa, tutto il resto lo intuisci da te. È un po’ come i bottoni di una camicia… Se piazzi giusto il primo, gli altri vanno a posto da sé. Qui è uguale: se riconosci che tutto è in Te – e che l’artefice di ogni cosa sei tu – non puoi sbagliare (a meno che tu non sia pazzo!): la Completezza Interiore che tanto cerchi è già in te, solo che non la vedi. E perché non la vedi? Perché, in questo mondo, stai giocando a chi si è dimenticato Chi È – credendo di essere un Entità frammentata quando in verità non ti sei mai diviso. Quanto di te capisce? E così per chiunque.

Perciò, non cercare la tua “metà” in persone o amanti, perché mai la troverai. Ma troverai, invece, bisogno e dipendenza, vuoto e vacuità, buio e oscurità. È questo che vuoi? No? Eppure, caro te, è proprio ciò che continui a cercare! Curioso, vero? E perché continui a farlo? Perché – ancora una volta – non hai capito Chi Sei; né che cos’è la Vita, né Chi Sono i tuoi simili. Riconosci: non puoi trovare fuori ciò che hai dentro.

Ora, la Fiamma Gemella nella sua forma manifesta esiste, ma pochi la trovano. E pochi non significa “un po’…”; significa pochi. Rari come due lune in cielo! Ed è così per il motivo che già sai: perché i più cercano un completamento esterno – in un altro essere, in un altro sé, in un’altra entità…, anziché riconoscerlo interno – dentro di Sé, nel Cuore, nell’Anima. Ecco perché, per chi è Sveglio, non si tratta più di avere o meno una relazione (e qui non parliamo di chi è solo per timidezza o per altri limiti…). Se ce l’hai, bene; se non ce l’hai, bene uguale. Il ché equivale a dire: se ce l’hai, non è perché «Ah, se rimango solo muoio…», né perché hai tempeste ormonali da scaricare, o perché non sei capace di restare solo. Questi, piuttosto, sono alcuni dei motivi reali che stanno dietro a gran parte dei rapporti della gente, venduti come «Ti amo tanto», quando invece sono «Mi servi, ti sto usando, ho bisogno di te». Ti tornano i conti?

Quando ti Svegli, tutto cambia! Perché ciò che era inganno viene ora svelato e ciò che era celato è adesso visto. Così, chi è Sveglio – chi è Libero, chi è Virtuoso – non cerca compagnia perché non è in grado di camminare da solo, ma la sceglie a partire da uno stato di non-bisogno, di non-dipendenza, di non-attaccamento, cosicché quel rapporto diventa splendido, pulito, reale, dipinto dai colori della Verità e dell’Indipendenza reciproca. Non c’è controllo – possessività, gelosia, manipolazione, inganno, dissimulazione, attaccamento, dipendenza, bisogno… e tutto il resto del marciume umano. C’è, invece, Gioia, Comprensione, Intesa. Perché qui c’è Amore Vero, non la maschera di ciò che non è.

E così tutto rinasce, rifiorisce, sboccia! La Fiamma Gemella è l’Espressione Sublime della tua Completezza Interiore, non ciò che ti manca per esserla. Quanto di te capisce? Descrivere l’incontro con la propria Fiamma Divina è impossibile. È qualcosa che va oltre la mente, oltre le emozioni, oltre l’ordinario… È troppo bello! Ed è forse proprio per questo che è raro. La gente, infatti, è talmente persa nel buio – nelle sue illusioni, nel suo limbo… – che se appare la Luce non la gradisce. Folle, ma vero! Tuttavia, è affar suo. Che cosa significa? Che ciò che conta è che tu sia Sveglio, non il tuo vicino di casa. E nemmeno i tuoi amici o i tuoi figli. Tu. Ciascuno ha il diritto di vivere ciò che sceglie liberamente, anche se quella scelta è folle o malata. Rispettala. Non interferire. Non dare consigli. Allo stesso modo, non permettere a nessuno di interferire nella tua vita, di mancarti di rispetto e di farti influenzare. Questa è Potenza.

Tutto ciò che ti serve, è già dentro di te. Attingi da te stesso/a, allora, non da altri. Cammina da solo! Muovi le Ali! Alzati in Volo! Perché hai sia gambe che ali. Piantala di guardare fuori di te e ascolta solo il tuo Vero Sé. Rivolgiti dentro, non fuori. Perché tutta la Conoscenza, tutta la Forza, tutta la Saggezza dell’Universo, sono lì, nel tuo Cuore, Essenza unica della Divinità Eterna.

Se lo vorrai, vedrai la tua Fiamma Gemella quando avrai guarito Te stesso/a. Non prima. E questo non perché qualcuno (o qualcosa…) te lo impedisca, ma perché non hai visto la Verità. E quando ciò avviene, lo senti! Ed è meraviglioso. Ed è splendido. Ed è fantastico. Fino a quel momento, proprio così, avrai rapporti (o non-rapporti…) con altre Entità – anche belli, magari… – ma non come quello che immagini! Forse sceglierai di star solo/a, forse uscirai con sette puledre a settimana (o stalloni, se sei una donna!) – ma non è questo il punto. Dipende che cosa cerchi e che cosa vuoi. Molti stanno con una persona tutta la vita e – ironia della sorte! – alla fine di quella vita non sanno nemmeno con chi sono stati e perché. Si voltano a guardare il loro compagno di letto e dicono: «Io? Con questo/a?!? Oh, cacchio!». Oppure hanno avuto mille storie, ma nessuna di quelle gli ha mai dato nulla. E tu ora sai perché. Oppure, ancora, puoi trascorrere una buona esistenza con un’Entità che non è la tua Fiamma Gemella, ma con cui hai passato comunque dei bei momenti e attimi gradevoli. Ora la domanda è: belli, gradevoli…, o è solo il meno peggio che potevi fare? Per molti è così. «C’è chi sta peggio…», dicono – e così si rassegnano a rapporti e a relazioni insulse, crogiolandosi nell’appagamento che in giro c’è puzza peggiore. Vedi follia più folle, tu? Ricorda: accontentarsi è una sconfitta.

Una donna è incinta o non è incinta. Può forse essere mezza incinta? O hai una relazione Vera o è una pagliacciata. O stai con la tua Fiamma Gemella o t’illudi d’esserlo. Fine della storia. È una storia dura, ma anche vera! Che cosa significa? Non cercare di rendere vero ciò che non è, tirando avanti situazioni ormai finite (sono mai cominciate…?). Sii Vero. Sii Autentico. Sii Virtuoso. Perché non è forse meglio star soli, che sciupare l’Anima con esseri a te alieni? Fatti qualche bella chiavata, senza impantanarti in storie vuote, no? Non è meglio? Non fai prima? Tuttavia, tutto è esperienza. Anche le pirlate! Perché la vita si può forse chiamarsi tale, senza aver fatto qualche epica stronzata? Tuttavia, quella stronzata ha avuto senso solo se l’hai compresa; se, invece, è rimasta lì, così, non vista…, senza comprensione da parte di chi l’ha compiuta – tu! – sei costretto a ripeterla e a ripeterla fino all’esaurimento, finché non l’avrai conquistata, capita – fatta tua! – per trasformarla per sempre in Saggezza acquisita. Questa è Maestria.

E quindi? Sii Saggio in ciò che scegli! Perché ciò che scegli diventa la tua Vita. Non è questione di “giusto” o “sbagliato”, ma della Saggezza con cui compi quella scelta. Scelte Sane, conducono a un Destino Sano; scelte malate, a uno malato. Che cosa scegli? Ascolta Te stesso, allora, e saprai sempre che cosa fare e che cosa non fare. E non il tuo “io” umano – la personalità, limitata e incosciente, bensì il tuo Sé Divino – l’Eterno Essere, Onnipotente e Onnisciente. Il tuo Cuore – e non la mente condizionata – è il Maestro che ti permette di riconoscerli entrambi. E di saper discernere. Non cercare quindi riposte fuori, ma solo dentro di Te. Perché lì, nel tuo Cuore – nel tuo Sé Divino – le risposte a tutte le tue domande sono già state date. Anche la Via per arrivarci, è in te. Non cercare perciò metodi e tecniche, perché non sono altro che un altro inganno. L’ennesima distrazione in un oceano di abbagli. Abbi il Coraggio di camminare da solo – magari cadendo, magari rialzandoti! – ma da solo. Non c’è nulla che il mondo ti possa dare, ma tutto che dal tuo Cuore tu possa ricevere. Allora, alla fine, in lacrime – e sudato all’inversoimile! – la Conquista sarà Grande, poiché Vera, Autentica, Reale, sorta dall’Ardore di una Vita Vissuta e non dalla debolezza di una sceneggiata recitata. Non cercare scorciatoie; non fare compromessi; non accettare l’inaccettabile. E sarai Signore del tuo Essere.