Ticket to Heaven

Ora, che cos’è, la Vita, se non Splendida? Lo è, ma solo per chi vuole viverla! Chi la evita, chi la abusa, chi la nega…, invero, non è degno di viverla. Perché può forse essere degno di vivere la Virtù, colui che brama il vizio? Tuttavia, questo è il destino dei più, sopiti certificati che si credono svegli. E così quella meraviglia diventa un incubo, perché quando si ascolta il mondo e non Sé stessi, si finisce per bersi benzina per succo di mela. Non è poi quella gran figata si dice in  giro, vero?

TICKET TO HEAVENRiconosci: la conoscenza senza esperienza è filosofia (bella, magari, ma sterile); l’esperienza senza conoscenza è ignoranza (insignificante, proprio così, e vuota); la Conoscenza unita all’Esperienza è, invero, Saggezza (Splendida, sì, e Potente!). Ma bada: quella Conoscenza non è sapienza accademica. Quella è lavaggio del cervello, controllo mentale, nozionismo inculcato. Il tipico sapientone idiota – colui che sa tutto ma non ha capito niente… – il classico erudito da 25 lauree, 12 attestati e 52 diplomi – e nemmeno sa dov’è. Sono piuttosto diffusi, in questo mondo! La Conoscenza che stiamo danzando qui è la Vera Conoscenza – Conoscenza Interiore, di Sé, della Vita – Conoscenza, proprio così, dell’Essere. E quando conosci l’Essere – il tuo Vero Sé, il tuo Sé Divino – conosci tutto, poiché chi conosce Sé stesso conosce ogni cosa. Ma che cos’hai letto? Del tuo Vero Sé – il Sé Sovrano, il Sé Divino – che non è la personalità. Quanto di te comprende? La personalità è limitata, è la “versione” umana di ciò che un Essere Divino ha fatto di sé stesso, separandosi dal suo Sé Sovrano. Questo è l’uomo (e la donna!). Ora, ciò vuol forse dire che devi distruggerla? Anche no! Si tratta invece di capire Chi Sei e chi non sei.

I tratti Virtuosi della personalità, invero, provengono dalle Sfere Elevate dell’Essere, mentre tutte le altre – paure, condizionamenti, viltà, ipocrisie e tutto il resto del cessume… – da ciò che hai prodotto in uno stato di assopimento interiore, che ti ha condotto a credere di essere ciò che non sei. Hai dimenticato te stesso per creare un sé che con Te – il Vero Te – nulla ha a che vedere. E così, chi vive in tale stato (alias in separazione dal Sé Infinito), vive la follia. Cioè, non vive! Non è null’altro che un robot programmato per una “vita” da catena di montaggio, senza Forza né Creatività, senza Ispirazione né Entusiasmo, senza Saggezza né Comprensione. I suoi sogni non sono sogni, ma voluttà idiotiche e prevedibili; i suoi desideri non nascono dalla Saggezza e dalla Gioia, ma dal bisogno e dalla dipendenza; ciò che persegue non è un Destino Libero e Sovrano, ma una prigione dettata dai condizionamenti che gli hanno e si è fatto. Per farla breve, una merda! Perché può forse non essere tale, ciò che è puzza anziché Profuma?

E così, chi è Sveglio capisce, vede, riconosce. Ma capisce, vede e riconosce che cosa? Ciò che Egli È, ciò che Egli fa. Chi è Sveglio conosce le dinamiche della manipolazione di massa – la sindrome del “beee, beee, dimmi cosa devo fare, che meno penso e meglio sto…” – e se ne discosta. Chi è Sveglio non pigrisce nell’attesa di un destino fallace: ne crea uno Straordinario! Chi è Sveglio è il Signore di Sé stesso e, come tale, l’Artefice unico del proprio Destino. Nemmeno la genetica può fermarlo: la conquista. Questa è Maestria.

Ora, che senso ha tutto ciò? Volare! Perché puoi forse Volare, se non sai che puoi farlo? L’ironia è che se chiedi a chiunque se vorrebbe farlo, la risposta è piuttosto ovvia: “E come no?”. Il punto è che poi, come da routine, nessuno lo fa. Dicono che la loro vita sarà straordinaria: non lo sarà mai; dicono che realizzeranno i loro sogni: non li realizzeranno mai; dicono che domani ricominceranno di nuovo: non ricominceranno mai. Lascia perdere. Riconosci: colui che dice, non fa; colui che fa, non dice. Chi compie davvero lo Straordinario conosce la Vita e le Forze Cosmiche, poiché, essendo Risvegliato in Sé, tutta la Conoscenza Universale fluisce in lui e per lui. Ma sappi: una Vita Straordinaria nulla ha a che vedere con avere successo, fama, soldi, riconoscimenti, applausi e pirlate varie… Quella non è una vita straordinaria: è una merda. Così come non è fare la fame e la miseria. E allora qual è? Chi è Elevato non vive né nella povertà né nel lusso, poiché sono entrambi figli della mancanza. Quanto di te capisce? La prima è piuttosto evidente, la seconda meno, poiché seduce con vanità e ricchezza. Perciò, è ancora più pericolosa. Chi dorme si fa tentare facilmente da ciò che è vuoto, perché chi dorme è debole. L’esatto opposto di Chi è Sveglio, manifestazione suprema della Forza e della Grandezza. E quindi? Non farti ipnotizzare da nulla; non farti sedurre da niente; non farti tentare da nessuno. Sii Integro, Equilibrato, Potente. Allora la Saggezza giunge e l’illusione svanisce. Perché si può forse vedere, con occhi ciechi?

E così, ogni istante diviene un’occasione per concretizzare la Maestria. Molti pensano che per conquistare la Libertà ci vogliano corsi, accademie, guru… Tutte pirlate. Tutti depistaggi per rinfocolare la debolezza di chi è vuoto e ipnotizzare la mente di chi dorme. Il Training Field della Vita è l’esperienza di tutti i giorni, che tu stesso crei e che tu stesso plasmi. Qualsiasi cosa tu viva, l’hai scelta tu, e quell’esperienza – se sei Saggio! – è lì per dirti qualcosa. Se il messaggio è Sano, hai scelto bene. E se no? Sarà il caso di ricalibrarsi!

TICKET TO HEAVEN 3Ed ecco che allora ciò che conta è essere Svegli – e essere Svegli significa avere una Dignità incorruttibile. Assolutamente. Completamente. Totalmente. Nulla, niente, nessuno può (e deve!) violare il tuo Essere. Ma questo, invero, dipende da te. Perché se qualcuno (o qualcosa) lo fa, è solo perché tu glielo permetti. Quanto di te riconosce? Nulla è causale, poiché tutto è causale. Le esperienze che vivi le crei e le attiri tu, a te. Ciò dipende unicamente dai tuoi Pensieri e dai tuoi Sentimenti, dai tuoi Intenti e dalla tua Volontà, dalle tue sensazioni e dalle tue percezioni. Sembra che le cosa accadano da sé – poiché questo è l’illusione che ti da la realtà esterna – ma nulla è più lontano dalla Verità. La “realtà esterna” è certamente sperimentabile – la puoi toccare, sentire, odorare, gustare, vedere… – in una parola, percepire, ma ciò non significa sia reale, c’hai mai pensato? Il tuo corpo è strutturato sulla stessa densità della materia (infatti puoi toccarlo, sentirlo, odorarlo – e vedere se puzza o meno! – e tutto il resto…), ma ciò non significa sia reale. Sei ancora in piedi? Non vedi che è semplice? Infatti, se “il mondo esterno” fosse davvero vero – come i più credono – allora ci saresti prigioniero, senza la possibilità di trascenderlo e vincerlo. Ma puoi. Il fatto che nessuno (o quasi…!) ci riesca, non significa sia impossibile. Del resto, se i più son fessi, significa forse debba esserlo anche tu?

Tu non sei il tuo corpo. Questo – forse! – l’hai già capito. Ma averlo “capito” è un conto: riconoscerne la Verità, è un altro. Nel primo caso, rimane mera filosofia; nel secondo, diviene esperienza vissuta. Nel primo caso, lo sai (e la storia finisce lì); nel secondo, acquisisci – o meglio, ri-acquisisci – il Potere di Creare Consapevolmente la realtà (e la storia ricomincia!). Non vivi più gli eventi; sei tu che li crei. Questo Potere è in te – da sempre – soltanto sopito sotto strati e strati di false verità accettate. Niente più di questo. E quegli strati, ora, sta a te toglierli, sta a te levarli, sta a te dissolverli. Da che cosa dipende? Solo da se e quanto lo vuoi! Nient’altro li tiene a te. Se non te ne frega niente – e preferisci l’illusione alla Verità – libero di farlo: gli strati rimangono. Ma se ne hai avuto abbastanza di pirlate e chimere – e la tua Volontà di essere Libero e Sovrano è forte e autentica – allora ci sei! Il fumo di dirada e la vista ritorna. È allora che dici “cacchio!”.  E quel “cacchio!”, proprio così, ci sta tutto, perché puoi forse non essere così, dal momento che hai visto con i tuoi occhi ciò che prima avevi sentito solo a orecchi?

E così chi è Dignitoso è Virtuoso e chi è Virtuoso non accetta l’inaccettabile – né si fa incantare dalle dissimulazioni di chi incontra. Chi è Virtuoso, proprio così, riconosce l’Essenza, non l’apparenza; vede l’Anima, non la maschera; coglie l’Essere, non la personalità. Ciò disfa l’inganno e trascende l’illusione. La mossa è fatta e lo scacco è matto! E quindi? Non accettare nulla di meno della Purezza e della Verità. Sia in te stesso che in chiunque, sia in cose che in eventi, sia in luoghi che in tempi, abbraccia  la Verità. Sempre, in ogni situazione, in qualunque circostanza. Sempre e per sempre. E sempre non significa “eccetto…”: significa SEMPRE.

L’eccezione è corruttibilità, poiché ciò che “eccetta” nega l’integrità, frammentando l’Essere e giustificando ciò per cui l’eccezione che è stata fatta. Quanto di te capisce? Se dai valore a ciò che non ne ha, divieni schiavo di quella cosa, poiché hai dato potere a ciò che non ve l’ha. Credi che quella cosa abbia significato – che abbia valore, che sia importante… – ma ti sei solo fatto ipnotizzare da qualcosa che, se ti manca, pensi di non essere “a posto” – come fossi incompleto. Ma tu sei già completo. Il Potere è già in te. La Forza è già tua. Non hai bisogno di cercarla fuori – là, da qualche parte… – da niente e da nessuno. Al contrario: se fai questo, ti indebolisci, poiché cerchi fuori ciò che in realtà hai dentro. Così infondi energie nel vuoto, perdendo la tua Forza e divenendo come argilla nelle mani di un vasaio. E quel “vasaio”, proprio così, sono il tuo falso sé –  così come gli altri, il mondo, le paure, i condizionamenti, le ipocrisie, i bisogni, le voluttà… e tutto il resto del fecciume. E quindi? Non venderti mai. Non solo fisicamente, ma neanche mentalmente, emotivamente, spiritualmente. E – ancora una volta – mai non significa “eccetto…”: significa MAI. Alienare Sé stessi è peggio che morire: distrugge l’Integrità e disfa la Dignità. E questo – se davvero AMI Te stesso – non esiste.

E così, la Dignità. Perché che cos’è, la Dignità, se non scendere mai a compromessi? I più vivono in un continuo e costante stato di paura e sottomissione, verso tutto e tutti. E anche chi si soprammette, invero, è in realtà un sottomesso. Perché che cos’è, la tirannia, se non schiavitù mascherata? Chi è tiranno è sempre schiavo e chi è schiavo è sempre tiranno. È un gioco subdolo e velato, che, come un gatto si morde la coda, crea un circolo vizioso dal quale pochi si salvano. E così perisci di una malattia lenta, annebbiata, invisibile: una malattia nascosta, proprio così, ma letale. Essere Svegli richiede Coscienza, Consapevolezza, Destrezza. Richiede, proprio così, assoluto Acume. Tu ce l’hai?

TICKET TO HEAVENE quindi? Che cosa significa tutto ciò? Significa manifestare nella vita di tutti i giorni la Virtù (e non il vizio!), applicandola e vivendola in ogni istante. Sempre, ovunque, con chiunque. Per esempio, molti vivono regolarmente in uno stato di “perdita”. Che cosa vuol dire? Temono puntualmente che se non si comporteranno in un certo modo, perderanno qualcosa. Si prostituiscono costantemente per ottenere ciò che, se fossero Svegli, saprebbero di non aver bisogno. Si vendono per paura che ciò che hanno così faticosamente “arraffato”, non svanisca come un lampo nel cielo. Vuol dire questo. Così non si rendono conto che ciò che davvero conta nella vita, proprio così, non lo si conquista con il compromesso, ma con l’Integrità.

È opinione comune credere che per vivere bisogni lavorare. Ma, invero, l’opinione non è una Verità! L’opinione è una credenza, un’idea, un punto di vista. Niente più di questo. È una convinzione soggettiva di chi la sostiene. Fine della storia. La Verità, proprio così, è una Realtà Assoluta che va oltre qualsiasi credenza. Quanto di te comprende? Così capisci che lavorare – così come molte altre cose… – è davvero una schiavitù, poiché nega la libertà e incatena l’Essere. Che fare, dunque? Vivere! Chi lavora, non vive, poiché chi vive non è schiavo. Che cos’è la Vita? Quella cosa che ti accade mentre sei occupato a fare altre cose! Come suona? Suona di vero. Chi è Sveglio – fra le altre Meraviglie! – è in armonia con le Forze Universali dell’Abbondanza e del Flusso, che giungono a lui direttamente dal suo Sé Divino – l’Essere interiore, la Fonte Originale dell’Essere. Così Egli diviene come una “calamita” – come un magnete – che attira a sé gli eventi e le manifestazioni che gli permettono di vivere libero. Non è lui che corre dietro a ciò che desidera: è ciò che desidera che giunge a lui. Chi è Sveglio fa sì che sia ciò che vuole, che lo raggiunga. Questo è il Potere Interiore. Ricorda: l’Universo trama a favore di chi è unito con Sé e con la Vita. Allora i miracoli accadono!

E così, tutto ciò ci applica a ogni cosa, a ogni evento, a ogni tempo. Che cosa significa? Se qualcuno ti offre lo squallido, rifiuta. Se qualcuno non ti ispira fiducia, allontanatene; se il tuo sentire ti dice che una situazione non è sana – anche se non ne comprendi pienamente il perché – evitala. Non ascoltare gli altri; ascolta Te stesso. Gli altri, per lo più, comunicano solo per interesse personale e bisogni nascosti (naturalmente tutto ben velato da integrità e perbenismo!). Lascia perdere. Sta a te riconoscere chi è Pulito e chi no. Del resto, sarà un po’ difficile che chi ti vuol fottere te lo spari in faccia, non trovi? “Stasera passerò a smembrarti casa… Ti spiace lasciar la porta aperta?”. No, non funziona così. Chi ha interessi nascosti, assume sempre (o quasi…!) l’atteggiamento del perfezionista impeccabile – straeducato, ultragentile, iperdisponibile… – per poi piazzartelo tra le chiappe appena ti giri. Questi sono i viscidi leccapiedi e i melmosi tritapalle che spesso trovi in giro. Lascia stare. Chi è sporco fotte solo chi è sporco. Così come chi è Sano si armonizza solo con chi è Sano. Simile attira simile. È un principio universale.

E allora? Dipende tutto da te. Se sei Integro e Pulito – e non vuoi avere a che fare con situazioni folli (o poco ispiranti) – sei a posto! Desidera quindi sempre il meglio, per te. E meglio non significa lusso, puzzonerie, vanità e pizzate affini… Quello non è meglio: è peggio travestito. Quello è il cibo di chi è vuoto dentro, poiché solo chi è vuoto dentro, cerca di riempirsi con ciò che c’è fuori. Chi ha trovato Sé stesso, all’opposto, ha trovato tutto – e non cerca fuori ciò che ha Dentro. Così non è più alla mercé di nessuno, in balia di niente, al servizio di alcuno, divenendo così l’Essere Autosostenuto che, in realtà, deve essere. Così il meglio giunge davvero, poiché il meglio non è né povertà né lussuria, bensì Abbondanza infinita nel Flusso Eterno dell’Esistenza. Quanto di te capisce?

Non temere mai di perdere qualcosa. Se impari a vivere attingendo dalla Sorgente Divina Interiore – solo dalla Sorgente Divina Interiore – tutto ciò che i più si stressano per avere, a te giunge senza sforzo, senza stress, senza fatica, permettendoti così di vivere di ciò che davvero ami. Ora il punto è: lo sai? I più, poiché sopiti, non sanno nemmeno che esistono, puoi credere se sanno ciò che davvero vogliono dalla vita! Dicono di saperlo; non lo sanno. La loro vita lo rivela. Fare ciò che ami, tuttavia, non è fare ciò che ti piace. C’hai mai pensato? Tanto meno è fare ciò che odi! Fare ciò che “ti piace”, infatti, è semplicemente il meno-peggio; qualcosa che sì, non ti spiace fare, ma che, in verità, nulla ha a che vedere con ciò che ami. E che cos’è, allora, ciò che ami? È lo Scopo Supremo della tua Esistenza, l’Essere manifestato nella forma, la realizzazione sublime della tua Leggenda Interiore. È il top del top, il meglio del meglio, il compimento della tua Divinità, qui, ora, in questo regno.

TICKET TO HEAVEN 3Chiunque non realizzi sé stesso, è morto. Li stai contando? Che cos’è la depressione? Mancanza di espressione personale. O, se preferisci, mancanza di realizzazione della propria Leggenda Interiore. La Vita è preziosa. Non sprecarla nell’inutilità di esperienze futili. Queste sono come una strada che già conosci: sai già dove porta. Hai forse bisogno di cavarti un occhio, per sapere che non è il massimo? Esperienze folli, conducono a destini folli. Alcune possono insegnare molto, per chi è le ha scelte, ma solo un pazzo continua a passar la vita a far sempre le stesse cose – quindi gli stessi errori – per poi lamentarsi che la vita è la solita noia. E potrebbe forse non esserlo, visti i presupposti? Se fai sempre le stesse cose, vivrai sempre ciò che hai sempre vissuto. Il ché equivale a dire: se sei sempre lo stesso, sarai sempre ciò che sei sempre stato. È così ovvio, che nessuno evolve!

Ora, che cos’è (fra l’altro!) la pazzia? Fare sempre le stesse cose, aspettandosi risultati diversi. Esattamente ciò che fanno i più! Ma tu non sei i più: tu sei Te stesso. E quindi? Non è un problema fare un errore: comincia a diventarlo continuare a farlo! Forse sei un po’ tordo e non c’azzecchi proprio… Chi è tosto, all’opposto, comprende immediatamente il significato di un esperienza errata, e non la ripete. Dopodiché – essendo Sveglio! – diventa abile nel non crearsela più. Diventa Maestro nell’Arte dell’Anticipazione, prevenendo gli eventi prima che si manifestino. Quanto di te capisce? Ciò conduce a visioni profetiche lungo la linea del tempo, Facoltà Superiore aperta a chiunque si sia destato dal sonno. Perché tu non sei un essere umano che può avere un’esperienza Divina; sei un Essere Divino che ha un’esperienza umana. È diverso! Allora vedi che lo scopo non è tanto quello di far soldi o esibirsi sul palcoscenico dei pagliacci, quanto elevare Sé stessi, conoscere la Vita, sapere Chi Sei – in quello splendido viaggio che è il Ritorno alla Divinità. Un Viaggio, proprio così, assolutamente fantastico.

Ora, che cos’è impossibile per un Essere Divino? E tu Chi Sei? L’hai solo dimenticato, sotto il velo della personalità umana. Infatti, tu sei umano quanto un pesce ha bisogno di un ombrello! E questa non è filosofia poetica, ma una semplice Verità. L’hai soltanto dimenticato, insieme a tutti i Poteri e le Meraviglie di un’Anima Risvegliata. Chi sei stato in altre vite? In quale dimensione eri? Quali confini hai varcato? In quali regni hai vissuto? Quali danze hai ballato? Che Entità hai conosciuto? Ma ora non ricordi più nulla, pensando perfino di essere davvero nato nella materia – quindi di appartenere ad essa… – e di esistere solo per il tempo – piuttosto breve! – di una limitata (e vuota…) vista fisica. Un po’ squallida, la cosa, non trovi? Questa è la visione cieca dei più, nient’altro che carne da macello programmata per una vita vuota. E tu? Sei cieco o vedi? Sappi: la tua Divinità è più vera del piatto su cui mangi, della sedia su cui siedi e del corpo con cui danzi. Quando comprendi questo, la vita si trasforma, l’Anima si desta e lo Spirito risorge. E Meraviglie hanno inizio!

E così, in questo mondo, tutti (o quasi!) o lavorano, o non fanno un colpo. Ora, che cosa sono, queste due cose, se non una? Vivere per lavorare è pazzia, così come farsi pippe dalla mattina alla sera. Perché che cosa c’è, di così splendido, nel dannarsi l’anima per sopravvivere o per far soldi? Il maniaco di ricchezza è la stessa cosa del povero che vive la mancanza. Proprio come l’egoismo e l’altruismo: due facce della stessa medaglia. Sembrano due cose diverse: sono la stessa cosa. Ne vedi il motivo? Entrambi, infatti, incarnano la distorsione della Natura Vivente, ove mancanza e brama sono mere follie. Ora te dirai: «Ma l’Abbondanza non è ricchezza?» No. È Abbondanza! – e nulla ha a che vedere con la ricchezza che i più sbavano. Osserva un fiore: non è forse ricco di polline? Guarda l’oceano: è forse che è scarso d’acqua? E osserva la Natura nella sua interezza: non è forse la manifestazione vivente di un’illimitata Abbondanza? La ricchezza umana è possesso, brama, megalomania…, tutte droghe di chi è debole. L’Abbondanza è Libertà, Presenza, Armonia. Che cosa devi fare, per “avere” l’aria che respiri? Ti devi forse dannare? È gratuita, infinita e a disposizione di tutti. Che cosa la rende tale? Il fatto di sapere che è così! Quanto di te capisce? Questa è Abbondanza. Ti preoccupi forse che un giorno non ci sarà? Pensi forse di svegliarti domattina boccheggiando perché è sparita? Fai forse scorta per un’eventuale sua carestia? Ridicolo quanto folle! Eppure, non è proprio ciò che fanno i più, nelle loro precarie esistenze? Sono sempre lì, a dannarsi l’anima per arrivare a fine mese o per far soldi a palate. Null’altro c’è. Null’altro conta. E così passi la vita a soddisfare bisogni fisici e materiali, che non solo la rendono vuota, ma anche pesante. Ora te dirai: «Sì, bello, ma come faccio a mangiare, a sostenere il corpo, a muovermi nella materia…, vivendo allo stesso tempo Realtà Elevate?». Sapendo che è la tua stessa Forza Interiore che provvederà questo. Chi ha un Sogno Virtuoso, nella vita, trova il modo di realizzarlo senza sforzo. Con Impegno, ma senza sforzo. Quanto di te capisce? Infatti, dove c’è sforzo, non c’è Impegno! Sforzarsi è come spingere un vagone (dall’interno!) perché il treno vada più veloce. Acuto, né? Impegnarsi è infondere Forza ed Energia in ciò che Sei e Vuoi, sapendo che lo realizzerai con assoluta certezza. La stessa certezza che hai che l’aria c’è e ci sarà sempre, che casa tua non se l’è data a gambe mentre te ne stavi fuori e che l’acqua, nel frattempo, è rimasta bagnata. Dubiti forse che al ristorante ti portino qualcosa di diverso da ciò che hai ordinato? Questo è il motivo per cui c’azzeccano! Quanto di te comprende? Se l’uomo avesse questa stessa certezza dove invece ha dubbi, avrebbe disfatto la limitazione. Perché solo colui che ha fatto il limite, può disfalo.

La Natura della Vita è Abbondanza Infinita. Non è sforzo; è Flusso. Non è brama; è Armonia. Non è possesso; è Disponibilità. La brama di possesso e ricchezza è un’illusione umana: devi avere, per possedere. Il Flusso dell’Abbondanza è la Natura della Vita: ricevi, senza possedere. È forse che possiedi l’aria? È lì, la inspiri, la espiri, è infinita, a tua disposizione e non ti mancherà mai… Ma non la possiedi. Questo è vivere nel Flusso, nell’Energia, nell’Abbondanza. Tanto più vuoi possedere qualcosa, quanto più ti sfuggirà; ma tu lascia che l’Abbondanza giunga a te come Dono Cosmico – senza brame, senza bisogni, senza paure – e avrai tutto. Tutto ciò che ti serve, proprio così, per una Vita Straordinaria!

TICKET TO HEAVENE quindi? Come vivere l’Abbondanza, liberi per sempre dall’innaturale povertà e dalla stupidità del lusso? Essendo (o ritornando!) in Armonia con la Sorgente Divina Interiore. E come si fa? Connettendosi con lei – comunicandoci, focalizzandoti, contemplandola. È tutto qui. Chi è Saggio né lavora né pigrisce: è Attivo, danza ciò che Ama, fa sbocciare il proprio Talento, divenendo Egli stesso la personificazione della Meraviglia. Chi è Saggio non vive nello stress (cosa molto di moda, da queste parti…), né tantomeno nella paura. Chi è Saggio danza a livelli così Elevati, così Belli, così Splendidi, che le dinamiche della Creazione si plasmano a suo favore, facendo sbocciare fiori ovunque ci sono pietre. È il Destino di chi è Libero! E tu? Fai davvero ciò che ami? Danzi davvero ciò per cui sei nato? Vivi davvero ciò per cui esisti?

Non avere mai paura di perdere; non accettare mai situazioni insane, non accordare mai la compagnia di genti buie. Mai, in nessuna circostanza, per nessun motivo. Molti si vendono per timore che, se non fanno ciò che devono – anche se quel “devono” sanno essere infetto – non sopravvivranno (perderanno il lavoro, il sostentamento, la vita…, oppure tutti i miliardi che hanno così bramosamente guadagnato). Tutte stronzate. Infatti, non vedi che è proprio questo atteggiamento insicuro e perdente, che ti toglie la vita? Chi è Sicuro di Sé non scende a compromessi. Non vive per i sogni degli altri. Non è al servizio di alcuno o qualcosa (così come niente e nessuno è al servizio suo). Egli è infinitamente libero, totalmente autosostenuto e assolutamente indipendente. Non è né schiavo né tiranno, né soprammesso né sottomesso, né despota né servo. Chi è Sicuro di Sé, proprio così, è Sveglio, poiché ha trovato in Sé stesso il Tesoro dorato: vive solo di ciò che ama!

Riconosci: ci sono due tipi di falliti: chi agisce senza pensare (li stai contando?) e chi pensa senza agire (meno numerosi, ma ci sono!). I primi sono mummie che camminano, i secondi possono anche avere grandi intuizioni, ma, poiché rimangono bloccati nelle loro paure, non le manifestano. Che cos’è la depressione? Mancanza di espressione personale. Questo è già stato detto. E non importa che tu sia chiuso in casa o sempre al centro della scena: sei un depresso. Da qui le compensazioni e le distrazioni per evitare di guardarti dentro. Così, invece di Volare, affondi, perdendoti nel buio di una vita vuota. Non è poi così fantastico, vero? Inoltre, i secondi soffrono molto di più, perché è così entusiasmante, avere dei sogni, e non realizzarli per mancanza di Coraggio? Infatti, per realizzare una Vita Straordinaria – per realizzare la tua Leggenda Interiore – non basta il Talento: ti serve Fiducia in Te, Coraggio, Determinazione, Volontà, Entusiasmo, Sicurezza Interiore, Forza d’Animo e tutti gli altri attributi della Vita. Tutto questo è già in te, al di là dei condizionamenti e dei limiti umani. Ed è ora di viverli pienamente!

E così ora, per te, è giunto il tempo della Maestria – la Maestria del Sé, la Maestria dell’Anima, la Maestria dell’Essere. La Maestria, proprio così, della Divinità! E tu lo sai. Unitamente alla vita che vivi – e se davvero vuoi essere libero! – ciò è imperativo. L’Invincibilità Interiore è un Attributo Superiore del Sé e, se vuoi vivere nella Maestria della Creazione Cosciente dell’Essere, devi padroneggiarla. Che cosa significa? Dominarsi.

Ora, come raggiungere tale Potenza? Sapendo Chi Sei. Volendolo. Affermandolo a Te stesso. “Nessuno può dominarmi. Nessuno può usarmi. Nessuno può manipolarmi. Nemmeno nelle sue fantasie. Io Sono Libero. Io Sono Me stesso”. E se qualcuno ci prova – e quel qualcuno può essere anche una parte di te non ancora elevata – guardalo negli occhi: e gelalo. Questa è una Consapevolezza Invincibile. In questo modo, attorno a te si crea uno Scudo di Luce indistruttibile (se così vuoi chiamarlo!), che custodisce il tuo intero Essere nella completezza della sua Essenza – in tutte le frequenze e in tutti reami multidimensionali – da tutto ciò che è diverso dalla Vita, la Salute e la Perfezione Divina. Quando affermi questo a te stesso (a partire dal tuo Sé Divino e non dalla personalità umana) – così come tutto ciò che sostiene la Vita, sei invulnerabile. E tutto ciò a partire da uno stato di Gioia, di Entusiasmo, di Consapevolezza – e non di paura. Tutto questo, infatti, potenzia il tuo Essere, non lo affievolisce!

TICKET TO HEAVEN 3Le possibilità di un’Anima Risvegliata sono infinite, così come le potenzialità del cervello e le capacità del corpo. La scienza di regime – quella che inculcano le scuole di questo mondo, per capirci – è una bufala, poiché riduce tutto al materialismo e alla cieca credenza (proprio come le religioni…), quando il primo è chiusura mentale e la seconda stupidità. Tutti i dogmi e le “verità scientifiche” di questo mondo – o quasi! – sono false verità, create da menti perverse e cervelli bacati, per tenere una civiltà in un continuo stato di asservimento e limitazione. Così, qui tutti si credono saggi, mentre invece si sono bevuti solo un mucchio di puzzolente letame. Ironico, vero? E così ciò che li potrebbe liberare viene visto come impossibile e ciò che li tiene in catene è orgogliosamente osannato. Non è poi tanto quel che si chiama “essere Svegli”, né?

Riconosci: chi da consigli su come irrigare il giardino altrui, non sta badando alle proprie piante. E quindi? Vivi e lascia vivere. Alias fatti i cacchi tuoi e non permettere a nessuno si faccia i tuoi! Che cosa significa? Tenere ben fuori dalla tua Vita chi non è Pulito e Sano – così come i tritapalle e i vampiri energetici (che sono peggio della febbre gialla in una colonia di lebbrosi!) – riconoscendo sempre il Valore della Virtù e della Purezza. Ora, chi è un “vampiro energetico” (il tritapalle è piuttosto ovvio!)? Chiunque viva nel bisogno e nella dipendenza. Cioè, quasi tutti! E allora? Sta a te non farti succhiare le Energie: ma questo lo puoi fare solo se tu, per primo, non ti attacchi a nessuno, elevando il tuo intero Essere ad uno stato di completa Indipendenza e Liberà interiore. Allora divieni Autosostenuto, una Splendida Entità che non ha bisogno di niente e di nessuno, avendo capito, ancora una volta, che l’Amore non può fiorire nel bisogno, ma solo nella Libertà.

Quando qualcuno riesce a dire – e non a parole, ma dal profondo del Cuore: “Con te o senza di te, io sono comunque e interamente – completamente ed eternamente – Integro e Felice”, abbiamo un Grande Essere. E l’abbiamo davvero, perché solo chi si è elevato al di sopra delle limitazioni umane, può riconoscere Chi Egli È. Allora l’Armonia ritorna – nella solitudine e nella compagnia – poiché ora non ti aggrappi più alle persone per compensare le tue mancanze – né permetti ad alcuno di aggrapparsi a te – ma godi liberamente delle tue esperienze, senza esserne schiavo, senza esserne dipendente, senza abbarbicarti ad esse. Avendo riconosciuto che non hai alcuna mancanza, sei indipendente e libero. Così non permetti più a luoghi, cose, persone, tempi od eventi di soffocarti, creando ora la tua realtà a partire dalla Saggezza di una Visione Risvegliata e non più dalle distorsioni di una coscienza alterata. Il bruco è diventato farfalla!

Ed eccoci qui, alla fine di un altro viaggio. Tra poco ci saluteremo. È stato un bel tour? So be it! La Vita è splendida. Non dimenticarlo. Sprecarla nell’inutilità del nulla è morire. Questo l’hai compreso. Una comprensione così Bella, così Potente, così Impavida, da permettere a colui che la danza di trasformare completamente la propria Vita. E di farlo non nella paura, ma nella Lucida Consapevolezza di chi ha scelto di Vivere anziché morire. E chi ha scelto di vivere ha imparato a creare la sua Vita da sé, indipendentemente dalle pressioni esterne. Egli conosce, vede, comprende. E poi agisce. Chi è Libero supera l’ambiente, supera la genetica, supera la personalità. Vince su ogni cosa, trionfa su ogni limite, conquista ogni illusione. Perché li dissolve; li trascende; li disfa. Non riconoscendo la paura, la rende irreale – esattamente ciò che è! E così abbiamo un Essere Elevato, un’Anima Virtuosa, un’Entità Sublime, responsabile di Sé stessa e Artefice unica del suo magico Destino. Perché chi è Elevato non vede la realtà per ciò che è: la vede per ciò che deve essere.

Essere Creatori Ispirati e vivere della propria Creatività, invero, non solo significa essere liberi, ma anche manifestare il più elevato Potenziale di Sé. E per fare questo, proprio così, ti serve non solo il Talento, ma anche la Forza, la Tenacia, l’Amore per ciò che Sei. E, di conseguenza, che fai! Perché che cosa sono, questi, se non attributi Divini? Tutti sanno che una cosa è impossibile, finché arriva uno che non  lo sa e la fa! Come suona? Ancora una volta, di vero! Che cos’è la Fiducia? Avere Fede in Sé stessi in modo completo, totale, assoluto, senza vacillazioni. Ed è anche avere Fede in un Sogno, in un’Intuizione, in una Volontà – e avercela prima che questa si sia manifestata. Quanto di te capisce? Infatti, è proprio questo che la rende compiuta. Tutti, dopo che hanno visto una cosa, sono capaci di dire: “È ovvio, è chiaro, è palese…”. Rari, invece, sono coloro che vedono prima che ciò che dev’essere visto sia visibile. Ci sei ancora? Infatti, è proprio questo che realizza una Volontà: la Fiducia e la Sicurezza in Sé e nei propri Intenti, prima di vederli realizzati. Allora si compiono. Ricordi? Sei tu il Creatore della tua realtà. Se vuoi manifestare qualcosa, devi vederla compiuta prima che lo sia. Quanto di te comprende? Se vuoi realizzare qualcosa, devi sentirti – mentalmente, sentimentalmente, spiritualmente (e anche fisicamente!) – cioè con tutto Te stessocome se quella cosa fosse già compiuta – già fatta, già concretizzata – sentendo e vivendo l’Entusiasmo della Vittoria prima che sia manifestato. Perché è proprio questo sentire, che rende visibile ciò che è ancora invisibile. Questo ti rende invincibile, e realizzerà sul piano visibile – con assoluta certezza – ciò che tu prima hai visto su quello immaginale.

TICKET TO HEAVENL’immaginazione crea la realtà. Ecco perché questo mondo nega la fantasia e idolatra la materia. Perché così tutti i babbani si bevono la falsa verità che la materia è l’unica verità esistente, riducendo così questo mondo a un mucchio di letame marcio e puzzolente, abitato non da Creatori Coscienti, ma da ingenue pecore che si credono vive quando in realtà dormono sonni profondi. Così, anziché creare la realtà, la subiscono, divenendo schiavi di un mondo preconfezionato che loro, essendo sopiti, non comprendono. Non è poi così straordinario, vero?

Fantasia e Immaginazione creano la realtà. Su tutti i piani, in tutte le dimensioni, a tutti i livelli: materiali e semimateriali, sottili ed eterici, densi e meno densi. Immaginare… Quale meraviglia! Ma che cosa significa? Immaginare non è visualizzare. O, comunque, non solo. Comprende la visualizzazione, ma c’è dell’altro. Visualizzare è buono, ma è anche sterile. Non crea nulla, in sé. Visualizzare è una Facoltà che ti permette di capire che cosa vuoi, nella tua realtà, ma non la manifesta. Che cosa la compie, allora? Il Sentimento, puro e pulito. E il Sentimento non è emozione. Quanto di te capisce? Le emozioni sono sostanze chimiche che danzano nel cervello e nel corpo – e nulla hanno di creativo. Hanno la loro funzione, sì, a patto di non diventarne schiavi (come i più sono!). Puoi considerarle come i messaggeri che informano il corpo del tuo stato mentale (e viceversa), trasformando in chimica i tuoi Pensieri e i tuoi Sentimenti. Questo supera la magia, ma è esattamente ciò che accade. Così riconosci che corpo, mente e Spirito non sono separati – come la scienza e la medicina mondana raccontano… – ma uniti in una danza perfetta e armonica. Ciò che senti e pensi si traduce, biologicamente, in chimica ed elettricità, ciò di cui il corpo – così come la materia – è composto. Ora capisci perché La mente – su comando dello Spirito – il tuo Vero Sé – domina il corpo e la materia, plasmandola a sua Volontà. E ora capisci anche perché tutto ciò viene negato o velato: perché se una civiltà capisse come davvero stanno le cose, nessun controllo, nessun abuso, nessun limite potrebbe più reggere. E questo, per chi domina questo mondo, non è proprio il massimo della vita!

L’uomo è morto, da quando si è dimenticato chi è. Perché se qualcuno domina, è solo perché qualcuno si fa dominare. I tiranni esistono solo perché ci sono gli schiavi. Gli schiavi vogliono i tiranni e i tiranni cercano gli schiavi. Ancora una volta, simile attira simile. Per ogni furbo c’è un fesso! È sempre così. Ora, come porre fine a questo schifo? Svegliandosi! Alias non accettando l’inaccettabile. Non c’è bisogno di cambiare né gli altri né il mondo. Cambia tu. Allora gli effetti del mondo e della limitazione non ti toccheranno più, liberandoti per sempre dalle sue catene. Qualsiasi difficoltà è creata da sé stessi. Ciò che crei – ciò che pensi, ciò che senti, ciò che percepisci – lo vivi. Hai problemi? Li hai fatti tu. In qualche modo, da qualche parte, consciamente o inconsciamente, li hai fatti tu. E se li hai fatti tu, proprio così, indovina un po’ chi disfarli?

E quindi? Fantasia e Immaginazione. Visualizzazione e Percezione. Pensieri e Sentimenti. Questo crea ciò che tu chiami “realtà esterna” – nient’altro che proiezione afformata di Pensieri e Sentimenti. Quando la tua Immaginazione collassa, si cristallizza, si raddensa, si materializza, coagulando l’Energia nella forme che i tuoi Pensieri e i tuoi Sentimenti hanno creato. Così la mente proietta la realtà in cui tu vivi e ti muovi – facendotela pensare vera – con tutte le esperienze che fai e le situazioni che sperimenti. Puoi considerarla come il tuo “film” personale, di cui tu stesso sei il protagonista, il regista e il produttore. E, come tale, puoi forse non riuscire a cambiare una scena che non ti piace? L’hai fatta tu. Puoi cambiarla! Riscrivendo la tua Volontà e i tuoi Intenti, i Pensieri e i Sentimenti mutano, mutando così la loro espressione nella forma (la realtà esterna). La forma – i regni materiali, semimateriali ed eterici – servono per sperimentare l’effetto delle proprie creazioni su sé stessi – il Sognatore che fa esperienza del suo sogno – capendo così la natura della causa che li ha creati. Sperimenti così gli effetti dei tuoi stessi Intenti e della tua stessa Volontà, cosa possibile solo attraverso la proiezione. Ora, che cos’è la proiezione? Una realtà virtuale generata della mente. E che cos’è la mente? Uno strumento Divino Onnipotente, che tu stesso usi e utilizzi costantemente. Non lo sai, ma lo fai! Del resto, non puoi non farlo, altrimenti non ti troveresti in quella “realtà fisica” in cui invece – a quanto pare! – ti trovi. Quanto di te riconosce?

Ora, se ti perdi nella mente – così come nelle emozioni (nient’altro che mente tradotta in chimica) – sei finito. Ma se le riconosci per quelle che sono – uno strumento a tua disposizione per creare la realtà e sperimentarla – ne divieni padrone. Infatti, chi è Elevato, chi è Sveglio, chi è Saggio, domina i suoi Pensieri e i suoi Sentimenti – non si fa dominare da loro. Armonizzandosi con il proprio Sé Divino, ne diviene il Signore, ne diviene il Sovrano, ne divine il Re, diventando così il Creatore Supremo che deve essere. E quindi? È la mente che deve essere al tuo servizio, non tu al suo.

Che cos’è, allora, l’Immaginazione? Pensiero & Sentimento in azione! Il solo Pensiero non crea. Visualizza, focalizza, contempla, ma non manifesta. Muove l’Energia, ma non la coagula. Quanto di te capisce? Ma tu aggiungici il Sentimento, è la magia si compie! La manifestazione – la proiezione nella forma – avviene solo quando Pensiero e Sentimento danzano insieme – e lo fanno in modo risoluto, armonico, pulito, senza opposizioni. Infatti, se vi è un’opposizione fra i due (cosa piuttosto comune, da queste parti!), nulla accade. Perché può forse compiersi qualcosa, se i tuoi Pensieri ballano una danza e i tuoi Sentimenti ne intonano un’altra? Questi sono i sabotaggi che comunemente accadono, senza nemmeno capire perché. Così si vuole una cosa e accade un’altra, finendo per vivere esperienze che, in realtà, mai si avrebbe voluto. Tuttavia, anche quelle le hai fatte tu! Chissà, forse per capire che cosa significa e, di conseguenza, per comprendere che forse c’è qualcosa da sistemare… Tutto è esperienza! Esperienza e lezioni che, proprio così, tu stesso ti stai dando.

TICKET TO HEAVEN 3Ora puoi decidere. Ora puoi selezionare. Ora puoi scegliere. Puoi scegliere se imparare le tue esperienze nella Gioia o nel dolore, a seconda di ciò che vuoi e crei. Ovviamente, ora che sai essere tu stesso il Regista di tutto, magari scegli la Saggezza e la Gioia! Finché dormi non sai, non ricordi, non capisci…, e così finisci per credere a ciò che ti insegna il mondo: alias che la vita è dura…, che le cose accadono casualmente…, che è sfiga ereditaria…, che è per via del karma…, che “sono cose che succedono…” e tutto il resto delle pizzate. Che, cioè, la “realtà esterna” esiste indipendentemente da te e che tu devi accettare le sue dinamiche. Vedi, ora, come tale visione distorce la Verità, affermando il suo esatto opposto? Ossia che tu non hai alcun potere sugli eventi e che devi subire anziché Vivere? Questo è il modo – o meglio, uno dei modi… – in cui le menti deboli vengono manipolate: basta fargli credere l’opposto di ciò che è Vero, e li hai fatti fessi. Tv, media, giornali…, politicate, scienza ufficiale, medicina ortodossa…, religione, credenze, ideologie…, scuole, diplomi, dottorati… e tutto il resto della marmaglia, servono solo a distorcere la Verità e a manipolarne l’Essenza, per chiudere la mente e il Cuore di una civiltà in quella tomba chiamata ipnosi. Ti tornano i conti? È tutto piuttosto chiaro, quando gli occhi si aprono e non rimangono chiusi.

E quindi? Avere Fede significa osare prima di avere tutte le risposte. E osare non significa buttarsi da un grattacielo per vedere se non vai a pezzi. Quello non è osare; quello è essere folli. Osare è Grandezza, Saggezza, Comprensione. Osare, allora, in ciò che hai riconosciuto Vero, Sano, Splendido, e non fottersi in imprese folli e senza significato. Riconosci: la Meraviglia giunge a chi ha osato, non a chi è rimasto nel recinto per paura di osare. Perché, proprio così, l’unico vero rischio nella vita è non voler correre alcun rischio. E, come detto, non un rischio folle, idiotico, deviato, ma Sano, Consapevole, Cosciente. Vivere veramente significa rendere conosciuto lo sconosciuto, per elevare Sé stessi all’esperienza di ciò che è Grande, Vero, Elevato; sopravvivere, proprio così, è letargire nell’abitudine di una vita morta. E tu? Chi Sei? Che cosa fai? Chi Osa, Vola; chi teme, striscia. Il Cielo delle Aquile ha conservato il tuo posto: a te l’Onore di prenderlo!

 

 

TICKET TO HEAVEN

 

 

CHIAVE DI VIOLINO 3Heaven (acoustic live),
music & song by Bryan Adams