Divine Biology

LIGHT BODY

 


L’unica liberazione per l’uomo sta nella realizzazione e nella manifestazione della sua Divinità. Tutto il resto sono compensazioni, diversivi, perdite di tempo. Sono sollievi, non soluzioni; coperture, non cure; illusioni, non Verità.

 

 

 

 

CHIAVE DI VIOLINO 3River Flows in You, music by Yiruma


«Perché dovresti negare di essere qualcosa di più del tuo patrimonio genetico, delle tue emozioni, dei tuoi limiti? Perché dovresti negare di essere superiore alla tua personalità, alla tua umanità? Nel profondo del tuo Essere, sai che sei più di un agglomerato di materia, carne e ossa, eppure continui a vivere una vita limitata. Perché lo fai? Perché hai paura della tua Grandezza, della tua Divinità, della tua Potenza: hai paura, cioè, di evolvere e di diventare ciò che sei destinato adessere: Divino! Hai paura di Te stesso e di che cosa potresti diventare se avessi il coraggio di uscire dal quel box. Ma ora svegliati, c’è da danzare: è giunto il tempo di prendere in mano il tuo Destino e di porti al comando della tua nave». – Miguel

SEPARATORE 13


Che ne dici? Che sia giunta l’ora di conoscere quella sublime creatura che è il tuo cervello? E di farlo davvero, al di là delle storie che raccontano i grandi sapienti? Per conoscerlo così meglio e capire “chi è” veramente? Eh già, perché le persone che lo usano sono davvero poche e quelle poche, proprio così, sono rare… Troppo rare! Che fare, dunque? La cosa più saggia: conoscere profondamente questo maestoso gioiello (che non serve solo a tenerti su la fronte…), in modo tale da diventare tu una di quelle persone così rare. Che ne dici, è una bell’idea?

La maggior parte delle persone non ha alcuna conoscenza di ciò che veramente il cervello è e di che cos’è capace di fare. Sanno tutto su ciò che va di moda al momento, tutte le voci della piazza del mercato, tutte le fregnacce che hanno imparato a scuola…, ma difficilmente hanno idea di che cos’hanno davvero sulla loro testa. Ridicolo, vero? Ma, del resto, va bene così: per quello che vuole la maggior parte delle persone – ossia una vita vuota e miserabile, priva di Saggezza e Libertà – a che serve saperlo? Per come vive la maggior parte dei tuoi simili, il cervello di un cammello è più che sufficiente! E con tutto il rispetto per il cammello.

Conoscere Te stesso – e quindi le potenzialità di quell’incredibile diamante che ti rende la testa così bella e proporzionata – è la chiave verso la Libertà e la Comprensione. Scoprire gli infiniti segreti del tuo cervello, della tua biologia e di come Spirito, Anima, mente, materia e corpo interagiscono e comunicano costantemente e reciprocamente insieme, è essenziale se vuoi conoscere Te stesso/a ed elevare la tua Vita.

Qui, invero, ricorderai segreti sul tuo cervello davvero unici, proprio quelle cose che sarebbe meglio non sapessi, se vuoi continuare a mantenerti nell’ignoranza e nella superstizione. Tuttavia, proprio così, qui non conoscerai il cervello da un punto di vista prettamente fisiologico (per quello ti basta procurarti un testo di anatomia e fisiologia – decente! – e troverai tutto ciò che ti serve / oppure connetterti con il tuo Sé Divino – ove è custodita ogni Verità – che è ancora meglio!), ma lo vedrai come il Grande Architetto, quel Grande Tesoro che, da che vita e vita, crea – in accordo con ciò che Sei e vuoi – la realtà che ogni giorno vivi. Capirai come lo fa e come la Fisica degli Déi (l’evoluzione della Fisica Quantistica!) abbia un ruolo fondamentale in tutto questo. Capirai come il cervello processi la mente e che cosa sono pensieri ed emozioni. E, proprio così, vedrai qual è la loro azione sulla tua vita e nella tua realtà. Sei pronto per ciò?

Chiediti questo: è possibile liberatii da vecchi schemi mentali? Come liberarti da tutti i limiti che ti impediscono di esprimere appieno le tue infinite Potenzialità? Come spezzare le catene dei condizionamenti e delle illusioni, per iniziare così a vivere libero e felice? Come smettere di incasinarti? Che cos’è il cervello? Come evolverlo? Quali sono le virtù di un’Entità veramente Saggia e Libera? Che cos’è l’Amore? Un rapporto contraccambiato? Chi Sei, veramente? Che cosa sono i pensieri? Qual è la loro relazione con le emozioni? Che cosa sono i Sentimenti? La stessa cosa delle emozioni? E la Coscienza? E l’Energia? E la Conoscenza? Qual è il ruolo del cervello nel creare la Realtà? Come lo fa?

Ora, prima che il sipario si alzi, sappi questo: ciò che riceverai qui, non è tutto. Che cosa significa? Che – come puoi ben immaginare! – è decisamente difficile dipingere le infinite potenzialità di qualcosa che… è infinito! Perché l’Anima, la mente, la conoscenza, il cervello… – ciò che esso può fare e creare – è senza limiti. Può dunque essere possibile descriverlo a parole? Può forse aver significato stuccarlo su uno schermo? Le parole sono simboli; a loro volta di altri simboli. E quindi? E quindi solo l’esperienza delle tue infinite Potenzialità, può darti la Verità di ciò che Sei. Tutto il resto – se è Sano e Pulito – può sì darti una via – magari indicarti un sentiero, perché no regalarti una chicca… – ma solo e soltanto tu puoi sapere che cos’è meglio o meno per te e trovare così la pista giusta che ti condurrà a Chi Sei veramente e al tuo Vero Destino. Nient’altro lo farà. Perché nient’altro ha il Potere di farlo. Tutte il resto sono truffe, dissimulazioni, depistaggi.

E così, ecco che qui troverai solo l’Essenza di ciò che il tuo Essere è, con i suoi Poteri e le sue Facoltà, la sua Forza e il suo Ardore, la sua Virtù e il suo Amore. Ricorda: tutto è già in te. Anche ciò che “ricevi” qui, con tutte le sue meraviglie e la sua essenzialità. Naturalmente ci sono infinite altre sfumature, oltre a ciò che vivi qui. E questo è piuttosto intuibile! Sfumature che qui, tuttavia, non ha senso dispiegare. E perché non lo ha? Perché quando comprendi l’Essenza di qualcosa, ne hai in mano la totalità. Quanto di te capisce? Il succo che assaggerai qui è Potente, Virtuoso, Splendido, ma poi sta a te approfondire e valutarne la Verità. Nessuno può sostituirsi a te nella comprensione di una realtà. È comodo, sì, ma anche stupido. Infatti, molti fanno questo, poiché pensare con la loro testa è troppo impegnativo. E così affittano quella degli altri, finendo così per bersi benzina per succo di mela. Non è poi così entusiasmante, vero? Non fare quella fine. Perché solo tu, per te, puoi stabilire se qualcosa è ha valore o meno. Ascolta il tuo Cuore – non le tue credenze - e lo saprai!

Qui, dunque, non riceverai Doni solo su ciò che il cervello è, ma anche su diverse altre cose che, tuttavia, hanno sempre a che fare con ciò che Sei e con la tua Elevazione. Grandi e piccole chicche danzeranno insieme sulle note di una melodia spumeggiante: quella della Verità! Sei pronto per Lei? Sii allora Acuto, Sveglio, Brillante, perché i Doni del tuo Sé sono pronti per te. Senza berti nulla, ma con Saggezza e Discernimento, sappi coglierli!

E ora, che le danze abbiano inizio…!


BRAIN 3

 


Alla
Conquista del

              Divine Brain!

 

 

 


L’ambiente è un’estensione della mente. Perciò, cambiando la mente, cambiamo l’ambiente. Fantasia poetica? No, Scienza Divina! La Realtà che vivi è il risultato della proiezione esterna dei tuoi Pensieri. La Vita si organizza per manifestare sul piano materiale ciò che hai realizzato a livello interiore e, nel momento in cui cambi i tuoi Pensieri e i tuoi Sentimenti, cambia la tua Realtà.


Che cos’è il cervello? O meglio – che cos’è, veramente, il cervello? Il cervello è un ricevitore e un trasmettitore di diverse ampiezze d’onda. È stato creato, disegnato e mappato per captare onde e informazioni che si estendono fino all’Eterno infinito. Del resto, avrebbe forse senso esistere nell’Universo e non avere la capacità di capirlo, di conoscerlo, di evolverlo? Sarebbe un po’ una bufala, non trovi? Tuttavia – ironia della sorte! – la maggior parte delle persone fa proprio questo: non sa nemmeno di esistere, per cui capire, conoscere, vivere…, non è certo pane per i suoi denti. Chi è malato deve mangiare budino, poiché i suoi denti – che rappresentano la capacità di “afferrare”, di affrontare la Vita – sono troppo deboli.  La Vita è per tutti, ma non tutti sono per la Vita!

Ora, il cervello non solo ha la capacità di comunicare con il corpo e l’intera biologia, ma con la Natura stessa e l’infinito Universo, poiché è in grado di captare – simultaneamente e attivamente – l’intera Creazione. Tutto è Uno! Ciò vale per ogni cosa. Mentre il cervello processa l’infinito, tu scegli quali, fra infinite possibilità, desideri vivere. E chi ha creato quelle possibilità? Tu! E quando l’hai fatto? Continuamente, anche se non lo sai. E perché non lo sai? Perché dormi! Non è bello, ma è vero. Infatti, se fossi Sveglio, saresti perfettamente cosciente di ciò che Sei e che stai creando. Ma non lo sei. I tuoi pensieri vagano da una parte all’altra della tua mente, senza guida, senza meta, senza consapevolezza…, mentre le tue sensazioni sorgono in te senza che tu capisca né da dove, né perché. E così, invece di essere il Creatore della tua realtà, ne subisci una a te aliena, nella quale non puoi che trovarti infelice e ignorante. È così divertente, sì? Se non riconosci Chi Sei e non ti svegli dall’ipnosi, morirai miseramente. Subirai invece di Creare; sopravviverai invece di Vivere; temerai invece di Gioire. Non è poi una vita così meravigliosa, vero? Eppure, è proprio ciò che vivono i più, crogiolandosi pure nella convinzione di essere dei grandi déi. Quale beffa! Quale ironia! Perché che cosa c’è, di più folle, che crederti libero quando sei schiavo?

Elevare Te stesso/a significa elevare il tuo intero Essere: l’Anima, la mente, il corpo e tutto ciò che Sei, iniziando a danzare su note più alte. Ora il punto è: come farlo? Come riuscirci? Come elevarti? Volendolo. Perseverando. E risvegliandoti al Dio interiore! Non puoi elevare Te stesso senza che tutto ciò che Sei non si elevi a sua volta. Quanto di te capisce? Se la tua Anima si purifica, lo fa anche il corpo. Se il tuo corpo guarisce, significa che la tua mente è guarita. Perché il corpo segue sempre ciò che fa la mente. Nulla accade senza ragione, perché nessuna causa è senza effetto. Guarisci la tua Anima, la tua mente, il tuo Sé…, e, come una cascata, inizierà a guarire l’interezza del tuo Essere. Ma tu infetta una sola parte di ciò che Sei, e avrai posto le basi per la malattia. E qual è la lercia infezione? Qualche virus? Un batterio? Tua suocera? No. Sei Tu – i tuoi Pensieri; i tuoi Sentimenti; le tue sensazioni. Ricorda: ciò che vedi fuori è soltanto un riflesso di ciò che sei dentro. Non c’è niente là fuori: c’è solo Energia proiettata sottoforma di materia che rispecchia fedelmente ciò che tu stesso hai creato. E se l’Energia è proiettata, significa che non è là, da qualche parte, nello spazio, nel tempo…, ma nel tuo cervello – nella tua mente – ove tutto accade.

Ora, la mente non può elevarsi senza provocare effetti su ciò che agisce. Non può innalzarsi senza portare con sé ciò che serve: te, la tua Vita, la tua realtà! Ciò significa che non può cambiare senza produrre cambiamenti nell’ambiente, poiché l’ambiente è una sua estensione. Da ciò, capisci che il Potere è in Te! E che lo è sempre stato, solo che te l’hanno e te lo sei negato. Del resto, quale via migliore per controllare qualcuno – una civiltà, un mondo, una galassia… – se non quello di nascondergli la Verità? Il tuo Potere Divino non ti può essere tolto; così come non ti può essere rubata l’Anima, o distrutto il Sé. Ma, proprio così, possono esserti velati e manipolati. Ed è quello che ti hanno e ti sei fatto – e che, se non sei Sveglio, anche tu a tua volta fai. Vittima e carnefice, schiavo e tiranno, soprammesso e sottomesso…, in una ruota infernale che non ha fine. Questo è il destino dei più… E il tuo?

Ora, come fa, il cervello, a giocare con l’Energia? Processandola. E come ci riesce? Captandola. E perché lo fa? Per creare la realtà. Scopo di tutto questo? Far fare esperienza della creazione a colui che crea. Quanto di te capisce?

Tutto è, quindi, immerso nell’Energia. Il tipo di ricezione e trasmissione del pensiero, così come dei sentimenti e delle sensazioni, delle intuizioni e delle percezioni, delle dimensioni e della Conoscenza (come di qualsiasi altra cosa…)…, dipende solo da ciò su cui sei sintonizzato. E da che cosa dipende questo? Da chi sei! Alias dai tuoi pensieri, dai tuoi sentimenti, dalle tue sensazioni, dai tuoi desideri, dalla tua Purezza interiore (o dalla tua sporcizia…) e così via. Proprio come una radio! Ricevi ciò su cui sei sintonizzato. Semplice quanto ovvio. E così è semplice quanto ovvio ricevere l’irradiazione che tu stesso effondi, come risposta della trasmissione che tu stesso hai fatto. La Vita comunica con Sé stessa. Non c’è limite a ciò che puoi fare, creare, vivere! Ma per fare ciò, invero, devi essere Pulito, Guarito, Purificato. E Pulito, Guarito, Purificato da che cosa? Dalle tue illusioni, dalle tue paure, dai tuoi condizionamenti, dai tuoi limiti, dalle tue credenze, dalle tue certezze, dalle tue convinzioni, dalla tua disonestà, dalla tua rabbia, dai tuoi interessi nascosti, dalle tue ragioni velate, dalle tue maschere, dalle tue dissimulazioni, dalle tue pippe mentali, dal tuo karma, da… dobbiamo continuare? Per farla breve, da tutta l’immondizia interiore (ed esteriore) che ti hanno e ti sei cementato sopra, sopra il tuo Vero Sé – la Sorgente Suprema, la Fonte Divina, l’Essere Eterno – e che ora credi sia la tua vera identità. Identità che, naturalmente, non è.

Ora, l’Energia che capti è sia di matrice vibrazionale che espansionale. Che cosa significa? Che tutto ciò che vibra è in stato di proiezione. Può provenire da te come no. Perciò, può essere autentico o riciclato. Che cosa vuole dire? Vuol dire che devi essere Saggio nel capire ciò che capti, alias se ciò che arriva a te è tuo o di qualcun altro. La Conoscenza Divina – Pura, Perfetta, Luminosa – proviene sempre da te – dal tuo Cuore, dal tuo Vero Sé. Non subisce distorsioni nel suo percorso, poiché non viene influenzata da pensieri umani. È l’Essenza della Purezza. Tuttavia, puoi velarla con pensieri umani, sostituendo la sua Purezza con le tue illusioni. Questo è ciò che fanno i più, preferendo i bisogni della personalità alla Libertà della Divinità. Vedi qualcosa di più folle, tu?

Ora sappi: il corpo fisico è destinato a morire solo se in mano a una coscienza limitata, poiché ciò che la Coscienza esprime – limitata o Elevata che sia – il corpo lo esegue. Il corpo, infatti, in sé non fa nulla. Questo è un fatto. Non fa nulla poiché non ha vita propria; difatti, che cosa accade quando qualcuno muore? L’Anima – l’ultima parte di lui che se ne va – esce da quel corpo lentamente, spirando lievemente. Da quel momento in poi, tutta la biofisiologia organica cessa di vivere, poiché colui che gli dava la Vita – Tu! – si è ritirato. Nulla più danza, nulla più si muove, nulla più vibra, poiché nulla più c’è. Perché può forse esserci Vita, dove viene negata? E che cos’è, la morte, se non la negazione della Vita?

L’invecchiamento è il precursore della morte, suo fedele braccio destro. Perché invecchi? Perché sei in un sistema di pensiero – una dimensione di Coscienza, una particella di emozione – che attiva in te quest’illusione. Riconosci: il corpo non è mai stato creato per invecchiare, né tanto meno per morire. Il suo potenziale è illimitato, generato per seguire lo Spirito ovunque egli voglia essere. Ora, perché non lo fa? Perché – e qui ci ripetiamo – colui che lo usa dorme anziché essere Sveglio. È tutto qui. Una volta Sveglio, proprio così, i grandi misteri dell’Esistenza ti vengono svelati, nella comprensione che mai ti sono stati velati. Così capisci che non erano loro a celarsi a te, ma tu a essere cieco a loro. Quanto di te capisce? La Pietra Filosofale è sempre stata lì: sei tu che non li vedevi!

Ora, gli Esseri Divini – Esseri come Te, una volta Risvegliato ed Elevato! – vivono in un Corpo di Luce Divino e sanno mantenersi in quel corpo, in quel Regno e in quel Reame di Coscienza per compiere lo Straordinario. Una Coscienza Straordinaria permette a chi la vive di muoversi in frequenze ed estensioni che non sono sensibili alle curvature del tempo. Così, il loro corpo – il veicolo per muoversi nelle dimensioni a piacimento – non invecchia e non muore mai. L’esatto opposto di quello umano, soggetto al decadimento e alla vulnerabilità! Motivo? Sempre quello: il livello di Coscienza di chi lo veste.

Il cervello, quindi – e tutto ciò che fa parte di te, processa la Coscienza, la Regina della Creazione. La Coscienza permette al cervello di creare nuovi sogni, nuove idee, nuove immagini, nuovi modelli di pensiero… – così come nuove fantasie e nuovi pensieri – Facoltà che, se unite alla Sorgente, manifestano lo straordinario. E se no? L’inferno! – l’impero oscuro in cui i più si dibattono. Un inferno, proprio così, creato da loro stessi.

Il cervello è il Grande Architetto. Ciò significa che, se hai Intenti Elevati – e questi raggiungono le frequenze più alte della creazione (il Blu Ultravioletto, i Raggi X, i Raggi Gamma…, fino all’Eterno infinito) – e li mantieni in te per lungo tempo, fino a farli diventare tuo Pensiero Naturale, il cervello inizia a processare quel Potenziale e a costruire la Realtà in base a ciò che esso contiene. Così, tutta una serie di Eventi Cosmici vengono attivati per plasmarsi all’Intento di quella Coscienza – di quel Potenziale – per manifestare nella forma raddensata quell’Intento, grazie al rallentamento della frequenza dell’Energia. Che cosa crea i presupposti per la manifestazione? La contemplazione. Il cervello, quindi, crea un “modello”, dal quale poi costruisce la Realtà. E come lo fa? Detta in modo semplice, capta l’Intento dal livello in cui danza la tua immaginazione – il Regno in cui lo stai vedendo, ma che non è ancora manifestato – e, se viene mantenuto (contemplato) a lungo, fino a farlo diventare tuo Pensiero Naturale (invece delle pippe mentali che ti fai ogni giorno!), lo riporta indietro fin qui (il luogo in cui ti trovi adesso, in cui stai creando), per permetterti di fare esperienza di quel sogno. L’immaginazione, dunque, crea la realtà! O meglio, realtà virtuali. Ciò che tu chiami “realtà”, quindi, è un prodotto coagulato della fantasia e dell’immaginazione, che, unite al sentimento, hanno proiettato quella fantasia e quell’immaginazione in una realtà virtuale, grazie al raddensamento del Energia. Quanto di te capisce? Chi è consapevole di ciò, è libero, poiché sa che il mondo in cui vive non esiste in realtà. Egli vive nel suo Sé Divino – la Fonte della Creazione – e non è in preda alle illusioni. Chi, all’opposto, lo crede vero – poiché dorme e non sa Chi È – ne è invece schiavo, rimanendo intrappolato nei suoi meandri e dimenticando la Verità, ritrovandosi così a dichiarare vero ciò che non è. Ricorda: la Verità è in te – è l’Essere, impersonale, informe – il Sé Divino, l’Io Sono – non ciò che vedi fuori – i mondi, le proiezioni, le realtà virtuali. Quelle sono solo prigioni di chi dorme, mentre per chi è Sveglio sono creazioni virtuali in cui  manifestare nella forma ciò che è informe. Scopo di tutto questo? Far danzare la Vita!

Voglia di essere liberi! È così che si esce dal box e ci si avventura negli infiniti spazi della Verità! Il cervello è una prigione solo se tale è la funzione che gli si è dato. Ma tu cambia sistema operativo, e avrai cambiato la tua realtà! Che cosa significa? Tu sei prigioniero delle tue credenze, delle tue convinzioni, delle tue certezze…; per farla breve, delle tue illusioni. E perché lo sei? Perché è così che vuoi essere. Questa è pazzia, ma è anche la Verità. Tutto ciò che vivi – nel bene o nel male – è una tua creazione. E tutto non significa “tranne…”. Significa tutto. Ti sento fin qua: “Ma come? Quello che mi ha truffato… Quel bastardo… Quella brutta faccia da forca… Vuoi forse dire che l’ho creato io?!?” Sì. Ti turba? È la verità. Non ti sta bene? Non cambia nulla. L’hai attratto tu a te, come conseguenza del tuo pensare e del tuo sentire; un pensare e un sentire che, visti gli effetti, non sono poi così sani, vero? Ciò ti toglie dal ruolo di vittima (comodo, ma falso) e ti pone in quello di Responsabile (scomodo, ma vero!). Puoi rifiutarlo, se vuoi, aggrappandoti ai tuoi alibi e alle tue apologie, ma ciò non scalfirà tale Verità: tu – e solo tu – sei il responsabile di ciò che vivi. Nessuno sfugge a sé stesso (sebbene i più ci provino…), perché puoi forse nasconderti dalla tua ombra? Sappi, allora: hai un solo modo per liberarti dai tuoi limiti: affrontarli. Ma tu rifuggili – negandoli, nascondendoli… – e sarai loro schiavo. È questo che vuoi?

BRAIN 16Ed ecco il cervello! Splendido Gioiello. Qui, a sinistra, trovi una panoramica del cervello e delle sue componenti principali (qualche figura ci voleva, né?). Ora, se vuoi sapere i dettagli e le funzioni fisiologiche di ogni parte, puoi buttare l’occhio su un testo di fisiologia e anatomia cerebrale (ovviamente decente!) che trovi in giro, dal quale potrai trarre ciò che cerchi. Ma bada: come per ogni cosa, non berti nulla! Chi ti dice, infatti, che ciò che leggi lì – come qui – sia vero? Hai solo una via per saperlo: ascoltare il tuo Cuore. Non chiedere agli altri, non cercare consiglio, non affidarti a eruditi e sapienti (magari l’autore del libro!). Chiedilo a te. Ascolta Te stesso. Elevati al tuo Sé Divino – colui che conosce ogni cosa – e saprai la Verità. Tutto è in te. Perciò, fidati di te.

Le funzioni superiori delle componenti del cervello che vedi nell’immagine, sono dipinte nel libro Ticket to Heaven – da cui provengono questi estratti. Come sai, il sito non è un libro (!) e il suo scopo è solo quello di dare le info essenziali di ciò che, più profondamente, è danzato in altre forme (vedi libro!). E ora, qualcosa sulle emozioni…

Riconosci: le emozioni sono “cose” mentali, semplicemente trasformate in chimica. Nient’altro. Non hanno nulla di sentimentale; nulla di elevato; nulla di Divino. Ma hanno tutto di umano, di mentale e di carnale! Riesci a comprendere (e a reggere!) questa verità? Chi rimane prigioniero delle emozioni, invero, è prigioniero della mente (e viceversa). Ma poiché crede che pensieri ed emozioni siano cose diverse – perfino gli uni gli opposti degli altri – non ci capisce niente e cade nella fossa. Ricorda: la mente, all’interno dell’Holodek – il mondo virtuale in cui vivi, in cui ti trovi – crea emozioni. Deve farlo, per far sentire al Creatore che cosa significa vivere in ciò che ha creato. Il Creatore, infatti, è proiettato nella sua creazione con la Coscienza. Quanto di te capisce? Quindi, vive l’effetto dei suoi pensieri. Le emozioni, quindi, non sono Sentimenti – propri dello Spirito, dell’Essere, del Sé. Un Sentimento non nasce dalla mente; nasce dal Cuore. Tutto ciò che è mentale, invece – pensieri distorti, bisogni, paure, condizionamenti, attaccamenti, dipendenze, rabbia, odio, insicurezza… e tutto il resto della zuppa, produce emozioni. Comprendi, ora, perché l’Amore non è un’emozione? Perché non è una cosa mentale: è Divina. È l’Essere, la Sorgente, la Fonte – lo Sconosciuto, Ciò Che Non Può Essere Definito né Espresso, ma solo Vissuto. Questo è. L’Amore è un Sentimento e un Sentimento non porta emozioni. Perciò, se sei in uno stato emozionale riguardo a qualcosa (o a qualcuno/a…) – e quello stato emozionale tu lo chiami “amore”, faresti bene a chiederti che cosa stai vivendo! Perché lì sei nella mente, non nell’Essere.

L’Essere è Puro Amore, Pura Libertà, Pura Saggezza. È, proprio così, Pura Conoscenza. Chi si muove in esso, quindi, non produce cause umane – ossia contrarie all’Eterno Principio, la Vita nel Sé. Non infetta, quindi, il Pensiero Originale con pensieri distorti – manipolandolo e alterandolo, ma lo lascia tale – Puro, Perfetto, Pulito – per estenderlo come tale. Un tale Essere è, quindi, impersonale, poiché la Vita Reale è impersonale. Se tu sei Tutto nel Tutto, che cos’è la personalità? La tua folle credenza di essere separato dal Tutto. Hai creato così un essere privato – l’ego – a cui hai dato pieno potere e a cui hai giurato eterna fedeltà. E così eccoti lì, infelice, frustrato, perso nel tuo limbo…, a cercare di capire perché non sei Felice, Libero e Saggio! Chissà come mai, eh?

Non fare come i più, allora, che cercano soluzioni all’interno del loro stesso box. Perché per uscire da matrix ti serve una mente più grande di quella che ti ci ha messo dentro. È un’affermazione logica? Perciò, invece di cercare soluzioni impossibili, forse dovresti Risvegliare Te stesso, per accorgerti così che ciò che devi risolvere è solo illusione. Come si risolve un’illusione? Che soluzione c’è per ciò che è irreale? Le illusioni si abbandonano, non si risolvono. Chi si Sveglia, infatti, vede, non risolve. Ma vede cosa? La Verità, la Realtà, la Vita. Allora capisce che risolvere problemi folli e tanto utile quanto asciugare il fuoco…

Come uscirne? Facendolo! Non tentando di risolverli. Se vuoi risolverli, infatti, ti attacchi di nuovo al problema, quindi alla mente che lo ha creato. “Vuoi forse dire che devo lasciare tutto lì, così com’è…, nella cacca?!?”, mi dici. Quanto è utile pulire il guano con lo sterco? Ciò che ha prodotto la merda, non la pulisce; ne fa altra! Ciò che ti serve, dunque, è uno sciacquone intelligente, che pulisce ciò che sporca e porta via ciò che puzza. Se sai devi sistemare qualcosa, sistemalo. Ciò è sano e buono. Ma ciò che ti serve, invero, è lasciar andare ciò che invece trattieni a te, liberando così l’energia che investi nel tenerti in gabbia. Lasciar andare, mollare la presa, abbandonare il giogo…, significa perdonare. Quanto di te capisce? E perdonare significa liberare un prigioniero e scoprire che quel prigioniero sei tu. Quale illuminazione!

Uscire significa guarire. Lasciare andare significa liberare. Allora ti sarai elevato a quote in cui la limitazione che ha creato l’inferno in cui vivevi non può più raggiungerti, e avrai così la visione chiara e perfetta di ciò che ora puoi e sai fare. Saprai cosa sistemare e come sistemarlo; saprai discernere ciò che è vero da ciò che è falso; saprai riconoscere ciò che ha valore da ciò che non lo ha. E saprai capire. Perché ora vedi, senti, comprendi. La tua vista non è più velata dalla nebbia della confusione, ma illuminata dalla Chiarezza della Visione. E così non crei più cause, ma guarisci quelle da sistemare. Guarisci, per non ammalarti mai più! Ti liberi dai deliri umani per disfarli nella Saggezza Divina. Purifichi così il tuo corpo emozionale, per prepararlo alla Vita dopo la dipendenza. Ed ecco il Corpo Entusiasmale – che risorge dalle ceneri di quello emozionale! Pian piano, l’Entusiasmo – così come la Saggezza e la Libertà, prende il posto dell’emotività, chimica tossica e cronica. Così anche la chimica si trasmuta, poiché la chimica dell’Entusiasmo non è la chimica delle emozioni. Le sostanze chimiche che portano l’Entusiasmo e la Vita nel tuo corpo, infatti, sono infuse di Libertà e Forza, avendo perciò una struttura molecolare e subatomica diversa. Le cellule si vivificano e guariscono dall’intossicazione emozionale; i tessuti e gli organi si purificano dai residui delle illusione; l’intero ologramma umano è risorto dalla melma della limitazione. Il Corpo di Luce – eterno e immortale – sta fiorendo!

Quindi, le emozioni. Che cosa fanno nel cervello e nel corpo? Un gran casino! Ricorda: le emozioni riguardano il lato mentale, biologico della vita, non quello spirituale. Tuttavia, anch’esse, essendo parte della realtà virtuale generata dall’Intento Creativo di chi l’ha creata, sono parte del gioco. Un gioco illusorio che tu, ancora, credi reale. Questa è la tua prigione. Non il gioco in sé – che non è nulla – ma la tua credenza sia vero. Quanto di te comprende?

Ora, nell’illusione – in matrix, nell’holodeck, nella realtà virtuale in cui vivi – le emozioni sono quelle sensazioni attraverso le quali il corpo fisico comunica con la mente (e viceversa) e attraverso le quali codifichi le esperienze (illusorie…) del piano denso (la materia). Le emozioni, come abbiamo visto – e contrariamente a quella che è opinione massificata – non sono Sentimenti Elevati, ma sensazioni fisiche – mente codificata in chimica. Sono il risultato di un’attività neurochimica che tu percepisci sottoforma di specifiche sensazioni. Le emozioni sono sensazioni generate dalle sostanze chimiche che vengono rilasciate dal cervello al corpo (per poi ritornare al cervello sottoforma di feedback…), come conseguenza di un’esperienza vissuta: in altre parole, le emozioni sono sostanze chimiche che servono a rafforzare neurologicamente un’esperienza. Sono, cioè, il risultato chimico di un’esperienza. Sei ancora con me?

Ora, da un punto di vista elevato, le emozioni sono buone amiche che ti permettono di processare le esperienze che fai nel corso della tua vita, di sperimentare gli effetti di ciò che tu stesso hai creato, per poi di registrarle nell’Anima sottoforma di Saggezza acquisita per l’eternità. Questo, naturalmente, solo se hai compreso che cosa sono e il loro messaggio. Se no, dovrai continuare a rivivere quelle stesse esperienze – quelle stesse emozioni – fino a quando non l’avrai fatto. Questa è l’Evoluzione in questo Regno. Hai, dunque, le emozioni per rafforzare, consolidare e ricordare le esperienze che vivi, per poi archiviarle per sempre nella “biblioteca esperienziale” della tua Anima. Conquistare sé stessi, quindi, significa prima di tutto Conquistare le tue emozioni, le tue esperienze, la tua personalità. E che cosa significa, questo? Significa averle comprese per non aver mai più bisogno di ripeterle: in questo modo, vengono deposte nell’Anima come esperienza vissuta e Saggezza acquisita. Niente di più liberatorio!

Le emozioni, quindi, sono sostanze chimiche che generano quel particolare sentire/percepire a livello del Plesso Solare (e poi di tutto il corpo…), a cui diamo il nome, appunto, di emozioni. E da cosa dipende la qualità della loro natura? Dalla natura dei tuoi pensieri e dei tuoi intenti, che, una volta diventati esperienza, si traducono nel tuo corpo in quelle specifiche sostanze chimiche. E qual è lo scopo di tutto questo? Coinvolgere il corpo fisico nello stesso stato in cui si trova la Coscienza. In altre parole, far fare esperienza del sogno al Sognatore. L’abbiamo già detto?

Le sostanze chimiche sono il linguaggio con cui i Regni Superiori (eterici/spirituali) comunicano con quelli inferiori (materiali/corpo fisico). Oppure, se preferisci, la via attraverso la quale l’Energia Elevata comunica con quella raddensata. È la stessa cosa, non cambia nulla. Sono, cioè, ciò che permette alla Coscienza di coinvolgere il corpo (l’ologramma umano) nell’esperienza che lei, attraverso i propri Pensieri e i propri Sentimenti, ha (in Sé) già vissuto. Proprio così, i tuoi occhi non ti hanno ingannato – né tanto meno è un errore di stampa: la Coscienza – ossia Tu! – ha già vissuto ciò che il corpo deve ancora sperimentare  e questo è ciò che, a tutti gli effetti, ti consente di creare la tua Realtà indipendentemente da quella “esterna”: è – se così vuoi chiamarla – il dominio della Coscienza sulla realtà proiettata, poiché, invero, mente e materia sono la stessa cosa.

Il cervello, che processa la mente (ossia fa il download della mente su questo piano – un livello raddensato), rilascia sostanze chimiche alle cellule del corpo, sui cui ricettori vengono incisi gli intenti dei Pensieri e dei Sentimenti che la Coscienza irradia. Il corpo è una proiezione olografica della mente, perciò, ciò che pensi e senti a livello interiore, lo diventi a livello cellulare. È matematico.

I tuoi Pensieri e i tuoi Sentimenti creano la tua “realtà” e la tengono a te. Che cosa succede, allora? Che nel momento in cui ti focalizzi sul sogno – il tuo sogno, la tua realtà virtuale – ecco che il cervello, sintetizzando sostanze chimiche, informa subito il corpo della natura del tuo sogno, in modo tale da coinvolgerlo. E perché fa questo? Perché il tuo corpo, in questo momento, fa parte del tuo bagaglio esperienziale. Fa parte, cioè, della realtà virtuale che stai sperimentando. Così il corpo è stato informato e, come feedback, invia un messaggio di risposta al cervello per dirgli come l’ha ricevuto: la sensazione che provi è il risultato di tale processo: se ti senti bene, energico e pieno di vita, allora il corpo è d’accordo con te; ma se così non è? Beh, allora qualcuno glielo dovrà spiegare!

Ora, una delle più straordinarie facoltà di quella meraviglia che processi qui dentro (la mente) è che essa è perfettamente in grado di immaginare e creare virtualmente e olograficamente la realtà, nonché di anticiparne l’esperienza (grazie alle sensazioni). Questa verità si traduce, a livello neurologico, con la formazione di specifiche reti neurali dai cablaggi più o meno marcati. Ciò significa che immaginare, fantasticare e desiderare qualcosa, vuol dire letteralmente crearla. Tutto ciò avviene nella in quella parte del cervello chiamata neocorteccia, propriamente nel Lobo Frontale. La prova sono le mappe neurali che si formano ad ogni impulso elettrochimico che accende i tuoi neuroni. E che cosa sono i neuroni? Le più piccole unità funzionali del cervello, che vengono attivate dai tuoi Pensieri e dai tuoi Sentimenti, così come dalle tue sensazioni e dalle tue percezioni. Ci sei ancora?

Quindi, che cos’è il pensiero? Puoi definirlo come un flusso di Coscienza e di Energia, che viene tradotta dal cervello in termini di immagini olografiche, ossia in segmenti di impronte neurologiche, elettriche e chimiche, che lasciano un segno nei circuiti biologici del tuo hardware (il cervello). Il risultato di questo processo, crea quel fenomeno chiamato mente (il software). Quindi, l’immaginazione crea la realtà!

SEPARATORE 13

Ed ora, i neuroni, le reti neurali, il DNA e il Campo Aurico. Are you ready for this?

Che cosa sono i neuroni? La più piccola unità funzionale del cervello e ciò che fanno, nella loro meraviglia, è processare e codificare il pensiero per prepararlo all’esperienza. Il cervello, quindi, crea la realtà. E come lo fa? Trasformando i Pensieri e i Sentimenti – l’immaginazione – nella forma, in accordo con il livello di Energia del piano da cui opera. E da cos’è determinato quel livello di Energia? Dal tuo stato di Coscienza. È forse una novità?

Ma tu ora sai anche che, in realtà, non è il cervello a fare questo, poiché il cervello è un organo, tanto quanto lo è lo stomaco o il fegato – soltanto con funzioni diverse. E quindi? Il cervello, come il corpo, è olografico, una creazione della Coscienza che processa quel fenomeno chiamato mente. La Coscienza, dunque, è il vero Artista! La Coscienza – alias Tu! – è in ogni cosa, in ogni creatura, in ogni manifestazione, poiché è un’estensione di Sé stessa. Perciò, ciò che viene creato, non può essere separato dal Creatore, poiché la creazione ne è la sua stessa estensione. La Coscienza, per creare, s’irradia nella creazione. Quanto di te capisce?

E così, ecco il cervello, creazione della Coscienza che, attraverso il processo del pensiero – alias Consapevolezza ed Energia in azione – produce la mente. Ora, come lo fa? La chiave è nei… neuroni! Essi, infatti, quando vengono attivati dai tuoi Pensieri e dai tuoi Sentimenti, così come dalle tue percezioni e dalle tue sensazioni (ma anche dalle tue paure e dalle tue illusioni!), generano un Potenziale d’Azione, che li accende e li attiva istantaneamente. Ciò avviene attraverso l’elettricità, energia che, una volta attiva, infonde l’informazione nella chimica organica del tuo corpo e nel mondo in cui vivi. Questo – e qui la facciamo semplice –  è il motivo per cui sei tu stesso a determinare chi sei, come vivi e dove ti trovi. Fai tutto tu!

NEURONE 4Ora, quando tutto tace, i neuroni sono rilassati. Ma dai un’occhiata a questa figura. Che cosa vedi? Un neurone! Di neuroni, naturalmente, ce n’è di diverse razze… Ci sono neuroni stellati (corteccia cerebellare), neuroni unipolari, neuroni bipolari, neuroni piramidali (corteccia cerebrale), neuroni motori superiori (corteccia cerebrale) e inferiori (midollo spinale), neuroni corticali (neocorteccia), cellule di Purkinje (corteccia cerebellare), cellule granulari (corteccia cerebellare), etc. Il neurone che vedi qui, tuttavia, è quello basico (ed anche il migliore da capire!) ed è un neurone multipolare. Nell’immagine puoi ben vedere ogni sua parte, ma non che cosa fa. E quindi?

Com’è un neurone a riposo? Qual è la sua carica interna? È Positiva? È positiva. E perché lo è? Perché gli ioni di carica positiva sono più numerosi dentro che fuori di esso. Ora, che cos’è uno ione? Un atomo che ha una carica elettrica, poiché nella sua vita – da qualche parte… – ha acquistato o perso un elettrone nel suo guscio esterno. Ci sei? Gli ioni, dunque, sono i “signori dell’impulso”, le entità che generano i segnali elettrici attraverso cui le cellule nervose comunicano. Ora, che cosa succede quando l’impulso si attiva? Ossia un pensiero o un intento si accende? Questo provoca un cambiamento di carica nella superficie interna del neurone, poiché gli ioni caricati negativamente (prima maggiormente numerosi all’esterno del neurone), ora si spostano all’interno (questo genera elettricità), mentre quelli caricati positivamente escono. Tutto questo avviene in quello che si chiama assone (il “tronco” del neurone), il quale, nella sua membrana, è provvisto di minuscoli microcancelletti, che si aprono e si chiudono a seconda della presenza o meno di un impulso. Sei ancora sveglio? Perché ora viene il bello…

Quando arriva l’impulso (generato dai tuoi Pensieri, dai tuoi Sentimenti, dalle tue percezioni, dalle tue sensazioni, così come da qualsiasi altra cosa possa provocarne l’attivazione – paure e condizionamenti compresi…), alcuni cancelletti si aprono, mentre altri si chiudono. Questo permette la manifestazione della carica elettrica per la trasmissione del segnale, poiché si attiva una danza tra cariche positive e negative. Le positive escono (a riposo i neuroni sono in uno stato interno positivo), le negative entrano (quando il Potenziale è stato attivato). Questo entrare e uscire genera flussi elettromagnetici all’interno e all’esterno dell’assone, flussi elettromagnetici che contengono l’intento di chi li ha attivati. Quanto di te capisce? Così abbiamo una corrente elettrica, un campo magnetico che trasmette informazioni tra un neurone e l’altro. E, poiché i neuroni che fanno questo sono innumerevoli, abbiamo un cervello in azione!

Quindi, i neuroni sono entità elettriche. All’interno lo stato di riposo è positivo; all’esterno è negativo. Al loro innesco, nel giro di un flash, una certa quantità di particelle cariche vengono scambiate tra i neuroni, scorrendo lungo l’assone nell’unica direzione dell’impulso: dalla chioma alla radice. Dopodiché, con la stessa velocità, tutto ritorna a riposo, riassettandosi in uno stato  di riposo netto positivo (la carica interna all’assone) e uno stato di riposo netto negativo (la carica esterna all’assone), man mano che la carica vi si sposta attraverso. Capisci? L’effetto del Potenziale in trasmissione è simile a quello di una cascata, un onda di propagazione che attiva, nella sua corsa,  diversi neuroni (e diversi significa tanti!). E così ecco le reti neurali, vie neurologiche costituite dall’attivazione e dallo scambio d’informazioni tra un’infinità di neuroni.

Ora, a che cosa assomiglia, un neurone, se non a un albero? Nella figura non è molto evidente (anche se è intuibile!), tuttavia puoi immaginarlo proprio così: in alto – la chioma – i dendriti (o spine dendritiche), sono i terminali postsinaptici del neurone (poiché ricevono l’impulso in arrivo); in basso – le radici – i neuriti (o estensioni assoniche), i terminali presinaptici (poiché l’impulso in trasmissione viene effuso da lì). Mentre i primi ricevono, i secondi trasmettono. La direzione degli impulsi è sempre la stessa: dalla chioma alla radice. È una via a senso unico! In mezzo ecco il tronco – l’assone – lungo il quale scorre l’impulso elettrico. Questo è ciò che, nella sua anatomia basica, è un neurone.

Ora, tutto questo, se ti va, possiamo chiamarlo Neurobiologia di un Pensiero. Perché non è forse questo, qui, che stiamo danzando? O se preferisci Anatomia di una corrente di Coscienza, Conoscenza ed Energia. È la stessa cosa. Quindi, che cos’è una rete neurale? Un insieme di neuroni che si accendono insieme – connettendosi quindi insieme – formando così un treno di vagoni di neuroni che comunicano tra loro attraverso quella connessione virtuale chiamata sinapsi. Ora, che cos’è una sinapsi? L’hai appena letto! Il punto – virtuale – in cui i neuroni comunicano, ossia scaricano le informazioni che hanno ricevuto. E quali saranno mai tali informazioni? Il contenuto dei tuoi Pensieri, dei tuoi sentimenti, delle tue percezioni, delle tue sensazioni, così come tutte le informazioni che arrivano come feedback dal mondo interno ed esterno a te. E tu, proprio così, sei l’artefice di tutto questo! In altre parole, tu – il Dio che Sei (o la personalità…), a seconda se sei Sveglio o dormi – sei colui che fa l’upload del tuo intento nel software (la mente), la quale poi lo scarica sul cervello (l’hardware), che, a sua volta, processa tutto preparandolo per il download finale: la costruzione e/o la modificazione della realtà che tu stesso hai scolpito nella tua immaginazione, scaricando tali informazioni sul corpo (l’ologramma umano), sul mondo in cui vivi (l’holodeck) e nell’intero Universo. Sei ancora vivo?

Quindi le sinapsi. Te l’eri già dimenticate, eh? Perché che cos’è, una sinapsi, se non il luogo in cui l’intento diventa forma manifesta? Luminoso o oscuro che sia (e questo dipende da te!), tutto ciò che pensi, senti e provi, diviene la realtà che vivi. In questo modo fai esperienza di ciò che sei (o di ciò che non sei…), poiché quando ciò che sei diviene forma, tu sperimenti te stesso nel tuo riflesso. Quanto di te capisce? La forma è la proiezione; tu sei chi proietta. Ecco perché là fuori non c’è nulla: perché la proiezione non si estende fuori di te, ma dentro. Tutto accade in quella Sostanza Universale che è in te e in cui tu sei, della quale poi si formano i mondi virtuali e i corpi olografici; quindi le esperienze che vivi. Chi dimentica questo (vedi umanità…) dimentica la Verità e così si perde nei labirinti delle proprie stesse creazioni – matrix! – dimenticando che è lui stesso il regista e lui stesso il protagonista.

E così, chi dorme diviene prigioniero di matrix, poiché, avendo dimenticato Chi È, crede che matrix sia vero, insieme a quello che succede in esso. Studiano così la “vita” in matrix – le sue meccaniche…, i suoi dogmi…, i suoi limiti… – e si diplomano in tesi altisonanti su come funziona… un’illusione! Davvero fantastico! Tutto ciò che dovrebbero fare è Svegliarsi e guardare dentro di Sé, ma per loro è più comodo dormire e credere che un miraggio sia reale. Così preferiscono sottomettersi all’illusione anziché liberarsene, poiché quell’illusione gli da quella droga con cui sono stati sedotti: quella dell’ego, della mancanza e del bisogno. Stona, ma è vero.

Le sinapsi, quindi, sono il punto in cui il terminale presinaptico dell’estensione assonica scarica l’informazione al terminale postsinaptico denderitico, che invece la riceve. Tutto ciò, come ora sai, avviene su base elettrica. Ora nota: il terminale presinaptico non si attacca “fisicamente” a quello postsinaptico: l’informazione passa in un “vuoto” fisico chiamato spazio intersinaptico, dove la corrente elettrica che contiene l’intento del Pensiero scarica il suo contenuto. Ora, come fanno i neuroni, che trattengono magneticamente il Pensiero, a portarlo nel corpo? Trasformandolo in chimica. E come lo fanno? Grazie a degli impeccabili alchimisti: i neurotrasmettitori.

Ora, che cos’è un neurotrasmettitore? Un messaggero chimico, che porta specifiche informazioni ai neuroni e alle cellule dell’ologramma umano, così come nell’holodeck in cui l’Entità si muove. Tutte queste informazioni (Pensieri, Sentimenti, sensazioni, percezioni, idee, desideri, intenti… – belli o brutti che siano) vengono registrate non solo dal corpo, ma anche dalla mente, dall’Anima, così come dalla “biblioteca” eterica universale, in cui ogni creazione di ciascun Entità è codificata. La tua privacy, alla luce della Verità, è decisamente nulla! Tuttavia la Verità è coerente: non ti fa firmare pirlate sulla tutela della tua intimità, per poi per farsi comunque un chilo di cacchi tuoi per sapere se fai il bravo o meno (ossia quello che dice la tua società…). Ciò che crei rimane impresso nell’Universo in quanto tua creazione, per permetterti così di guarire eventuali mancanze o sistemare ciò che non ha sistemato. E, perché no, per goderti ciò che hai combinato finora e farti due risate! Sappi: nella Verità della Vita non ci sono controlli, norme, regole, leggi…, non c’è giudizio, né alcuno superiore o inferiore a un altro… Non vi sono gerarchie, né capi, né subordinati. Tutto è Uno, tutto è Libertà, tutto è Amore. Del resto è semplice: se tutto è Uno – e l’Uno è in tutto – come può esserci una gerarchia? Come può esserci qualcosa di superiore o inferiore? Di migliore o peggiore? Di meritevole o deplorevole? Ci sono, piuttosto, diverse manifestazioni della stessa Essenza, diversi Raggi della stessa Sorgente – Raggi che, nella loro diversità, unicità e libertà, sono tutti uniti nella stessa Verità. Questi Raggi sono gli Esseri di Luce e le loro Creazioni. Alias tu, i tuoi fratelli, le tue sorelle e tutte le altre infinite Estensioni dell’Essere Divino. Raggi diversi, dello stesso, unico Sole!

I neurotrasmettitori, dunque, sono entità elettrochimiche, che vengono rilasciati nei neuroni e liberati nello spazio intersinaptico – la connessione non-fisica tra due o più neuroni. Il Glutammato, il GABA, la Serotonina, la Melatonina (che suona come, ma è diversa dalla melanina!), la Dopamina… e molti altri, sono un esempio di neurotrasmettitori. Essi, sostanzialmente, accendono una serie di reti neurali, permettendoti di accedere a un certo livello di mente. I neurotrasmettitori danzano nello spazio intersinaptico e svolgono le loro funzioni lì, poiché lì ci sono i recettori della cellula nervosa che scaricano e quelli che ricevono. Ora, i recettori sono molecole proteiche piuttosto grandi, vibranti, in attesa che l’informazione in arrivo si connetta a uno di essi: i neuroni, infatti, ne hanno innumerevoli! Puoi immaginarti i recettori come delle serrature, mentre le sostanze chimiche in arrivo sono le chiavi. Quelle sostanze, quindi, aprono le serrature. Tutto è perfetto. Ora, ti sei chiesto come fanno i neurotrasmettitori a trasformare l’elettricità in chimica? Perché è proprio questa la loro alchimia: essi, infatti, traducono in chimica l’elettricità del Pensiero (e di tutto il resto…), in modo tale che, attraverso di essa, venga vissuta anche dal corpo e dal mondo in cui vive. Coscienza, Energia, elettricità, chimica: ecco la danza del Pensiero! Proprio come l’acqua può essere solida, liquida e vaporosa. Stessa cosa, diverse forme. Quanto di te capisce?

Ora, fra i vari tipi di neurotrasmettitori, i più importanti sono gli ormoni e, soprattutto, i peptidi. Chi sono costoro? I re dei messaggeri chimici! Infatti, essi sono i principali responsabili della comunicazione tra mente e corpo (e di conseguenza l’holodeck…), grazie ai quali vengono continuamente scambiati messaggi. Ora, inserendosi nel recettore, un peptide induce la molecola a organizzarsi in modo tale che il messaggio (un tuo Pensiero, un Sentimento, una sensazione…) possa penetrare all’interno della cellula e informarla così di ciò che stai creando. I peptidi, in parole semplici, sono le “firme” chimiche delle emozioni (nello stato di personalità) e quelle dell’Entusiasmo (nello stato di Divinità). Che cosa significa? Che questi neurotrasmettitori trasmettono ciò che tu hai scelto di essere, consapevolmente o inconsapevolmente. Cioè? Se sei Sveglio, trasmetteranno ciò che un Essere Sveglio manifesta (Gioia, Felicità, Libertà, Saggezza, Rispetto, Amore, Verità…) e se dormi, ciò che uno sopito effonde (paura, rabbia, insicurezza, arroganza, timidezza, sottomissione, infelicità, ingenuità, noia… e tutto il resto della brodaglia). Ti tornano i conti? Anche i Sentimenti diventano chimica grazie ai neurotrasmettitori, di cui i peptidi, come detto, sono i principali. Quindi, i processi biochimici, innescati da molecole come i peptidi, sono i responsabili del modo in cui stai e ti senti – e quindi agisci – globalmente. È interessante?

Quando i peptidi inviano un segnale al corpo (per esempio, la chimica di un tuo pensiero), attivano ormoni e altre secrezioni degli organi, che inducono il corpo a rispondere in modi diversi per alterare e/o modificare le sue funzioni. Nella loro danza, ogni recettore neurale ha una funzione specifica rispetto a un messaggero (quindi al messaggio): ciò significa che per ogni messaggero (peptide), c’è un recettore. Infatti, ogni recettore ha una struttura chimica che, magneticamente, attrae quel messaggero, per poi fare così il download del messaggio. Così, il messaggero (peptide) scarica il messaggio – messaggio che, ora nel recettore, viene aperto, letto e compreso. E infine metabolizzato!

Ora, dove vengono prodotti i peptidi? Nel cervello. L’ipotalamo è il laboratorio. Esso, infatti, assembla sostanze chimiche grezze per trasformarle in fantastici neurotrasmettitori: i peptidi, appunto! Da qui, attraverso i vasi sanguigni, i sentieri linfatici e altre vie interne al corpo, le informazioni codificate in chimica giungono dove devono giungere, per modificare così la risonanza interna – e di conseguenza esterna – del corpo e dell’ambiente. Questa, nella sua essenza, è quella che – se ti piace – puoi chiamare Biologia del Pensiero.

Nell’immagine apprezzabile QUI, puoi farti un’idea di ciò che stiamo danzando! [Per far scorrere le immagini, usa le frecce della tua tastiera. Per ritornare qui, clikka <esc>!]

Capisci? È tutto qui. Come vedi, la via che tiene la Salute o che conduce alla malattia è la stessa: dipende solo da ciò che sei e senti. Se sei Sveglio, volerai; se dormi, affonderai. È una scelta personale.

Ora, oltre al resto, che cosa vedi nell’immagine? Proprio così, geni e DNA! Che cosa sono i geni? Che cos’è il DNA? Mentre i geni sono unità di codice genetico poste in specifiche posizioni (cromosomi) all’interno della supermolecola DNA, il DNA è il luogo in cui la Volontà Divina (e/o personale) – codificata in chimica – raggiunge il corpo modificandolo in base al suo Intento. Il DNA, comunemente parlando, è una molecola presente nel nucleo di tutte le cellule del corpo ed è un polimero costituito da due lunghe catene di nucleotidi – ciascuna a forma di elica – di solito intrecciate a formare la cosiddetta doppia elica a spirale. Ora, ciascun nucleotide è, a sua volta, costituito da unità alternate di carboidrati e gruppi fosforici con una base azotata attaccata a ogni unità di carboidrato. Nel DNA, il carboidrato è il desossiribosio; le quattro basi sono invece l’adenina (A), la guanina (G), la timina (T) e la citosina (C). Adenina e guanina sono le basi puriniche, mentre la timina e citosina sono quelle pirimidiniche. Le quattro basi, organizzate in una catena di acido nucleico, si accoppiano alle quattro basi dell’altra, in modo che l’adenina si appai sempre con la timina e la guanina con la citosina. Le due catene sono tenute insieme da connessioni di idrogeno, che si formano tra le coppie di basi azotate. Quando la cellula si riproduce per divisione, la doppia elica si apre in due metà e su ciascuna dei esse si associano specifici nucleotidi, provenienti da una riserva sempre presente nella cellula. Infine, il DNA controlla la produzione di RNA (acido ribonucleico) e quindi la sintesi delle proteine. Ed ecco a te, questo è ciò che si crede sia il DNA: una versione fisica che lo riduce a un mero veicolo biologico che, sostanzialmente, gestisce l’informazione genetica ereditaria e nulla più. Un po’ squallida, la storia, non ti pare? Non solo, ma pure poco realistica e assai limitata!

Infatti, questa è solo la parte biologica – ossia fisica del DNA. Che cosa significa? Che quest’entità è tutt’altro che spazzatura per quel 98,5% che dichiarano i grandi sapienti di questo mondo. Infatti, al contrario, essa è la via che ti mette in comunicazione con tutto l’Universo! Chiudere la mente delle persone – dicendo che gran parte del loro DNA è inutile, vuoto, privo di funzioni… – è un ottimo modo per metterle il cuore in pace e far sì che non le salti in mente di curiosare dov’è meglio non curiosi: dentro di Sé. Infatti, quando hai ridotto una persona a credersi nulla più che un corpo, un insieme di pensieri insulsi e quattro sostanze chimiche, la controlli come un burattino. Ora, per te, è come argilla nelle mani del vasaio, poiché ora, di lei, puoi fare ciò che vuoi. E tutto questo senza che lei nemmeno se n’accorga! Non solo: ma ora addirittura è lei che, poiché ipnotizzata dai tuoi trucchi e drogata da ciò con cui la nutri (bisogni emozionali, dipendenze di tutti i tipi, false verità…), ti chiede di frustarla se non fa la brava! Questo è ciò che (naturalmente negandolo…) fa la maggior parte delle persone, sopite nelle loro misere vite e inconsapevoli di essere pedine di un gioco di cui non conoscono le mosse. E tu, come sei messo?

Il Risveglio! È tutto qui. L’hai letto più volte in questo sito. E a senso. C’è un perché; c’è un motivo; c’è una verità. Ti auguro tu l’abbia capita! Perciò, butta la spazzatura, fratello! Tutto ciò che non sei e non fa parte di te, tutto ciò che ti limita e ti trattiene nel passato, tutto ciò di cui ti sei e ti hanno ingozzato…, è lercia e puzzolente spazzatura. Così come tutte le tue paure e tutti i tuoi condizionamenti, tutte le tue illusioni e tutte le tue convinzioni, tutti i tuoi bisogni e tutte le tue dipendenze… Tutta spazzatura. Buttala. E così, riconoscendo ora la vera spazzatura, capisci anche che dove credevi fosse (o ti hanno fatto credere fosse…) non c’è. Il DNA ne è un esempio; un esempio palese e ovvio di manipolazione della Verità, Verità che riguarda la tua biologia e le tue potenzialità. Chi dorme, accetta ciò che gli viene detto senza fiatare; chi è Sveglio, vede le pirlate che raccontano e si mette a ridere. Tu che fai?

Quindi il DNA. La doppia elica è semplicemente la struttura base attiva per permetterti la sopravvivenza biologica su questo piano – in questa dimensione – senza avere accesso alle Potenzialità Superiori. Il tuo DNA, infatti, ha un potenziale di 12 filamenti attivabili e altri sottofilamenti che ti connettono con i Regni Superiori e le sfere di Coscienza Divine. Tutto questo è già in te, è soltanto latente. E perché è latente? Perché il tuo livello di Coscienza non gli permette di andare oltre! Ormai lo sai. Dipende tutto e solo da te. La tua biologia è sotto il tuo totale e completo Potere, così come il tuo destino e la tua Vita. Far credere il contrario serve solo a rendere schiava una civiltà. Motivo? Lo sai: generare infelicità e malessere, per produrre energie di paura e sottomissione, il cui fine è potere e dominio. Questo è l’ego in azione nel macrocosmo, nutrito da tutti i piccoli ego delle singole persone di un’intera civiltà (microcosmo). Quanto di te capisce?

Il DNA, attorno e dentro ai suoi filamenti, rivela strutture cristalline eteriche che permettono la ricezione, la trasmissione e la codificazione del Pensiero e dei Sentimenti a livello multidimensionale – così come della Conoscenza Universale e della Verità Suprema. Il DNA tiene il corpo nella limitazione solo se l’Entità vive in essa; ma se questa si eleva, anche il DNA lo fa, cambiando i codici delle informazioni limitanti in quelli propri di una Coscienza Elevata. Ha buttato la spazzatura, poiché chi lo domina – Tu! – ha purificato Sé stesso. E quindi? Guarisci la tua Anima, la tua mente, il suo Essere… e avrai guarito il tuo corpo e il mondo in cui vivi!

Il DNA permette la manifestazione di molte meraviglie, meraviglie che solo vivendole potrai conoscere. Sentirne parlare è bello, fantastico, splendido…, ma è sterile; viverlo, è Verità in azione! Ricorda: solo l’esperienza ti renderà libero e saggio. Perché solo l’esperienza – unita alla Conoscenza di Sé – conduce alla Saggezza; il nozionismo – così come le “sapienze” che ti giungono dall’esterno – all’ignoranza. Che cosa scegli?

Ed ora, ghiandole e ormoni. Potevamo non danzarli? Che cos’è una ghiandola? Una splendida entità! Infatti, grazie a lei, l’Energia Divina danza in te – nel tuo corpo, nei tuoi centri energetici, nei tuoi campi aurici… Le ghiandole – a maggior forza quelle endocrine – processano l’Energia trasformandola in sostanze chimiche, rendendole così disponibili al corpo. Per farla breve, la chimica è la trasformazione a un livello inferiore dell’Energia – nel caso di questa dimensione, alla frequenza Hertziana. L’Energia è sempre quella – infinita, illimitata, eterna – è la frequenza che cambia. Il cambiamento della frequenza è, ovviamente, direttamente proporzionale al cambiamento della Coscienza. E di chi sarà mai quella Coscienza? Come ormai sai, l’Energia segue la Coscienza. È la Coscienza – la Sorgente Divina, l’essere Onnisciente, il Sé Divino – che domina l’Energia, non l’inverso. Non può esserlo, poiché è contrario alla Vita. Ne vedi il motivo?

Così, le ghiandole endocrine trasformano l’Energia – il nutrimento – in sostanze chimiche, proprio ciò che fanno i neuroni con i Pensieri e i Sentimenti. Ricorda: tutto è Uno. Una cosa è nell’altra e il tutto è nel singolo. Non c’è funzione biologica – né Universale, né Divina – che non sia vissuta dal tutto. Ciò significa che il Pensiero influenza le ghiandole così come la mente registra lo stato del corpo. Non c’è cellula, non c’è molecola, non c’è atomo…, che non viva la Totalità dell’Essere. Tutto è nel Tutto.

Nella sua Naturale Essenza, il corpo è progettato per vivere e sostenersi con il flusso delle sue ghiandole endocrine, che, come ora sai, processano e trasformano l’Energia Vivificante infondendola nel corpo. Ciò vuol dire, in altre parole, che il tuo corpo non è fatto per mangiare sostanze esterne a sé stesso. E questa è un’altra eresia, eh? Può farlo (è piuttosto evidente!), ma non è questa la via naturale per nutrirsi. Tuttavia, sappi: ciò non significa che mangiare sia male o che tu ora debba sforzarti a digiunare o a meditare come un pazzo per attivare le tue ghiandole a nutrirti! Questa è roba marcia. Roba da sodomiti spirituali. Perché il flusso delle ghiandole, così come i canali pranici e tutto il resto…, si attiva da sé, naturalmente, semplicemente, senza sforzi o rinunce. Ricorda: si rimane sempre legati a ciò a cui si rinuncia. Ma ci si libera invece di ciò che si ha riconosciuto nella Verità. In altre parole, quando riconosci il valore di una cosa – e l’hai capito – quel giogo ti cade dalle mani da solo, senza che tu debba strappartelo di dosso. Ne cogli la differenza? Chi dorme, è costretto a combattere i propri demoni; in chi è Sveglio, sono loro ad andarsene! Quanto di te capisce? Che cosa fa l’ombra quando giunge la Luce? Che cosa fa la Luce nei confronti dell’ombra? Forse la scaccia, la battaglia, le dichiara guerra? Invero, non le fa nulla: il suo arrivo – la sua sola presenza, impetuosa e potente – la disfa nel nulla, luogo dal quale era venuta. Riconosci questa Verità? Perciò, non combattere le illusioni; illuminale! Perché solo un pazzo combatte con ciò che non esiste.

Continua pure a mangiare, allora – in modo sano, naturale, equilibrato – così come ad allenare il corpo e a riposare quanto serve. Fai l’Amore – non sesso vuoto – e idratati con purissima Acqua. Guarisci la tua Anima e sanifica la tua mente. Goditi la Vita e divertiti! Non bere; non fumare; non drogarti. Evita di ingoiare cadaveri e lascia stare le distrazioni;  spegni la tv ed evita la chiesa! Questo, per farla breve, è un buon menù per vivere alla grande! È sfizievole?

Quando ti svegli alla Verità e ti elevi all’Essere Eterno – oltre la personalità e le folli abitudini umane – ecco che, da solo, capisci che cosa fare e che cosa non fare. Sai già ciò che è giusto e non è giusto per te e capisci come alimentarti. Lo senti; lo percepisci; lo intuisci. Tu stesso sei il tuo nutrizionista e il tuo dosista, poiché hai capito che tu stesso sei l’artefice della tua Salute o della tua malattia. Nessun altro. E questo non è un’emozione a dirtelo – né un medico erudito, né una reverente mail di un santone da marte… È il tuo Cuore, la tua Anima, il tuo Sé Divino, con sentimenti e sensazioni profonde che tu ora sai riconoscere come Vere. Ascolta Te stesso, segui il tuo Cuore, senti il tuo Spirito…, e giungerai alla Verità Assoluta, laddove solo le Aquile volano. Lì – e solo lì – le opinioni cadono e le paure svaniscono, per vivere – nell’esperienza diretta – ciò che per te è qui ora sola conoscenza. Sei pronto per questo?

E così, a livello biologico, una ghiandola endocrina è un’entità chimica, il cui grande dono sono gli ormoni. L’ormone, proprio così, è la chimica di cui hai letto poco fa – l’Energia tradotta in sostanze chimiche, così come i Pensieri e i Sentimenti giunti dal cervello e dal Cuore. Tutto comunica col tutto. Così, le ghiandole endocrine riversano i loro ormoni nel sangue (e/o direttamente negli organi interni – per questo si chiamano endocrine), a differenza di quelle esocrine, che, invece, li riversano all’esterno (per esempio, le ghiandole salivari, quelle sudoripare, ecc…). Ci sei? Così è.

Le ghiandole endocrine sono le ghiandole regine, sebbene anche quelle esocrine sono importanti (ti lascio immaginare perché!). Attraverso il sangue, tutte le informazioni tradotte negli ormoni giungono agli organi e ai tessuti, così come i peptidi prodotti nel cervello arrivano dove devono giungere. E dove devono giungere? Come sai, dipende dove l’informazione che contengono dev’essere recapitata! Le vie sanguigne e quelle linfatiche, sono le vie chimiche; quelle del Sistema Nervoso Centrale (SNC) e Periferico (SNP), quelle elettriche. Ma tu ora sai che tutto è uno, perciò… proprio così, tutto comunica col tutto! La chimica con l’elettricità e l’elettricità con la chimica, poiché l’elettricità diventa chimica e la chimica elettricità.

Ed ora l’Aura. Essa è costituita da due bande di frequenza di Energia, ciascuna delle quali danza armonicamente con l’altra. Si muovono tutte intorno a te. Tu, perciò, hai una doppia banda – una duplice Aura. Ora, essa non è solo una bolla di Energia blu, verde, azzurra, o multicolore… È molto, molto di più, perché ciò che in realtà è, è una danza di diversi livelli di frequenza, quindi di diversi livelli di Coscienza. Quanto di te capisce? Ricorda: dove c’è Energia, c’è sempre Coscienza, poiché l’Energia è l’ancella della Coscienza. Queste bande, perciò, sono sensibili al tuo stato di Coscienza e al tuo livello di mente. In base a questo, ballano la loro danza. Riconosci: l’Energia è Coscienza in movimento. Sull’Energia è infusa la Coscienza, che la domina anche. Tutto è Coscienza, poiché tutto ciò che esiste è Coscienza, dispiegata in Energia. Un atomo ha Coscienza, così come una molecola e un tessuto, poiché tutti loro hanno una mente, una Saggezza, una Consapevolezza. E chi da loro tale Saggezza? Chi dice all’atomo di connettersi in quel modo con un altro atomo? Chi dice all’atomo come condividere i suoi elettroni proprio con quello schema? Chi lo fa? La Sorgente Divina, la Fonte Originaria, la Mente Universale – ciò che Tu sei. La Saggezza di una particella subatomica è Saggezza Divina in azione, energia in movimento. Quanto di te capisce? Coscienza, Energia, Frequenza: dall’informe al forme!

La materia, dunque, da tutti decantata come realtà assoluta, non è affatto tale, poiché è Energia coagulata in forma di particelle. Ora, che cosa tiene insieme quelle particelle? Una mente, una Coscienza – colei che ordina che sia così. Ci sei? L’Energia, se non stimolata da una Coscienza, rimane informe – in movimento – un Potenziale libero in attesa di essere manifestato. È Potenziale infinito a disposizione della Coscienza. Se nessuna Coscienza la usa, rimane lì, come potenziale disponibile. Ma appena una Coscienza ci si focalizza sopra, la attiva – la prende e le dice: “Vieni qui, voglio questo. Ti ringrazio!” – e questa si organizza per dare alla Coscienza ciò che ha chiesto. È sempre stato così, è così e lo sarà sempre: soltanto non te ne sei mai accorto! È una Verità della Vita.

Ricorda: l’Energia risponde alla Coscienza, mai il contrario. Perché solo la Coscienza possiede la Saggezza e l’Intelligenza per guidare l’Energia – entità neutra. L’Energia prende un’identità piuttosto che un’altra in base alla Coscienza che gliel’ha da. Non dargliene alcuna, e rimane a potenziale. Ma tu infondi in lei un intento, ed essa sarà occupata a realizzartelo! Questa è, nella sua essenza, come la realtà si afforma. Coscienza, Conoscenza, Energia: questi sono gli ingredienti per le meraviglie.

Ora, gli atomi che tengono insieme la realtà – corpo fisico compreso – condividono una relazione in accordo con la Coscienza: questo è ciò che li tiene insieme. E questo è anche ciò che fa impazzire gli scienziati di questo mondo: non sanno che cosa tiene insieme le particelle! Questo perché cercano di capire il piccolo a partire dal grande, anziché capire il grande a partire dal piccolo. E, invero, anche perché invece di guardare dentro di Sé – nel proprio Cuore, nel proprio Spirito, ove giace la Verità – guardano fuori, nei dogmi che gli hanno insegnato, nelle nozioni che hanno appreso, nei premi con cui possono decorarsi se si aggiudicano uno scoop scientifico. Puro ego in azione. E quando l’ego agisce, la Saggezza svanisce.

I neuroni codificano tutte le frequenze dell’Energia e, nello spazio intersinaptico, le ricevono e le trasmettono tutte. Tuttavia, non tutto ciò che il cervello codifica, tu lo ricevi. Che cosa significa? Che un sacco di informazioni e Conoscenze Divine captate dal tuo cervello – poiché il tuo livello di Coscienza non è pronto a danzarle – rimangono in te latenti. Sono lì, pronte per te al momento opportuno. Tutto è in te. Il che vuol dire che se non vivi quel tutto, significa che ti vedi meno del tutto. Quanto di te capisce?

Il Campo Aurico contiene diversi corpi energetici, i quali creano la loro realtà in accordo con il livello di Coscienza in cui vivono. Il primo livello – quello fisico – ha un corpo… fisico! Ne sai qualcosa? E quel corpo – in accordo con chi lo usa – non crea forse la realtà (la vita che vivi, il mondo che vedi…) in accordo con quel livello di Coscienza (il tuo ora, qui, adesso)? Così è per i corpi superiori di Coscienza, vibranti ad una frequenza più alta e stratificati uno sull’altro in quello che è il tuo Campo Aurico. Tutto è Uno, tutto è Coscienza, tutto è Energia. E se tutto è così, allora ne consegue che tu sei già ovunque – sia nei Regni superiori che in quelli inferiori – a seconda del tuo stato d’Essere. Che cosa significa? Significa che i Regni superiori non sono là, da qualche parte, nel cielo – oltre il cielo – e che per arrivarci ti serve un’astronave… Quell’astronave è già in telo Spirito, il Corpo di Luce – Onnipotente e Immortale, che ti permette di essere ovunque tu voglia essere. Mica male, eh? Ora nota: hai letto “essere ovunque tu voglia essere”, non “andarci”. C’hai fatto caso? Non è un caso. E perché non lo è? Perché tu sei già ovunque, devi solo focalizzarti per esserci. Quanto di te capisce? Se non fossi ovunque, ci dovresti andare. Ma puoi forse andare in un luogo in cui sei già? Sì, sembra un gioco di parole e somiglia a un koan su cui scervellarsi, ma non lo è. È, invece, una semplice, pura e ovvia Verità. La comprendi? La vedi? La riconosci?

Un Essere Divino può tutto, perché è tutto. È libero, libero e illimitato in tutte le infinite sfumature del suo Essere. Materiale e non materiale; spirituale e fisico; visibile e invisibile. Non c’è limite al suo Potere, poiché Egli è la Coscienza in ogni cosa. Né materia né antimateria, sono un limite per Lui, poiché Egli è, vive e opera al di fuori della coscienza mortale. Da questo, perciò, capisci che è anche Immortale e Onnipotente. E così capisci anche perché il suo corpo – i suoi corpi… – lo sono altrettanto. Egli, infatti, vive in un Corpo di Energia Luminosa, capace di qualsiasi cosa. Ciò significa che può letteralmente volare come Peter Pan e dissolversi nel vuoto come un… ologramma! E così, riconosci ora che tutte quelle Facoltà che vengono ingenuamente chiamate “sovrumane”, sono realtà naturali – già in te – che attendono solo che tu fiorisca come Essere Perfetto. Telepatia, precipitazione di materia dal vuoto, materializzazione, smaterializzazione, dominio totale sulla materia e sul corpo (Energia rallentata), capacità di cavalcare le dimensioni a piacimento, teletrasporto, Conoscenza della Verità Divina, obiquità, onnipotenza, onniscienza, immortalità, eterna giovinezza, libertà assoluta ed infinita in tutto e per tutto… Ti serve altro? Tutto questo – e tutto ciò di più elevato e meraviglioso tu possa immaginare – non solo è possibile, ma assolutamente naturale. Invero, qualche Essere, su questo piano, l’ha ampiamente dimostrato e ridimostrato, ma non è stato molto ben capito il suo messaggio… Inoltre, ci sono Esseri, in questo regno (rari, ma ci sono!), che lo fanno e lo strafanno continuamente, ma, non essendo schiavi dell’ego e della personalità, non sono interessati ad esibirsi e a farsi notare agli occhi del mondo. Lo fanno per i casi loro, nella loro intimità, nella loro semplicità, per loro uso e libertà. Perché non sono Esseri limitati a questo regno, ma vanno e vengono a piacimento, beneficiando delle infinte Potenzialità che la loro Grandezza gli permette. Possono tutto, perché sono tutto. E se sono tali – sappilo – è perché se lo sono meritato, se lo sono conquistato, l’hanno voluto…, e non perché sono superiori a te, o nati con un enorme culone galattico. Hanno voluto liberarsi dalla prigione per essere liberi; hanno scelto di sacrificare la paura a favore del Coraggio; hanno preferito la Verità all’illusione. E ci sono riusciti. Sono davvero dei Grandi Esseri – i Grandi Maestri che infondono Amore in ogni cosa che toccano. E i Grandi Maestri sono i Maestri di Sé stessi – non degli altri, perché chi è maestro del mondo non è Maestro di Sé.

E così eccoci qui! Alla fine di questa pagina. Tra poco ci saluteremo. L’hai sudata? Onore a te. Perché se sei arrivato fin qui, allora il tuo Essere vuole davvero qualcosa di Vero, di Grande, di Libero, ma allo stesso tempo di Semplice, di Essenziale, di Virtuoso. Altrimenti non saresti giunto qui. Non ce l’avresti fatta; avresti mollato prima. Era inevitabile, se non eri pronto. E ciò non sarebbe stato né giusto né sbagliato. Semplicemente, non eri pronto. Ma se sei qui, pare non sia così, non è vero? Tu vuoi elevarti. Vuoi conoscere la Verità. Vuoi diventare uno di quegli Esseri così gloriosi e splendidi da irradiare Forza nell’intero Universo. Tu è questo che vuoi, perché altrimenti non saresti qui. Staresti leggendo il giornale…, parlando di pirlate…, facendo cose inutili…, guardando la tv…, giocando ai videogames…, pregando in chiesa…, annoiandoti in un bar…, cose di questo tipo. Cioè, un mucchio di stronzate. Ma sei qui. Non è un caso. Ha senso. E il senso qui è che tu non ne puoi più di una vita limitata e non ne vuoi più sapere delle follie del mondo in cui vivi. Non ne puoi più; c’hai la palle piene. Ma non sai come uscirne. Sei virtuoso, fratello!

Come vedi, tutto, anche la Vera Biologia e la Neurologia Divina, ti rivelano una sola cosa – la stessa cosa: Svegliati e ritorna a volare! Non hai limiti, non hai barriere, non hai costrizioni. Nemmeno fisiche! Volare è il tuo destino e prima o poi lo compirai. Accogli in te tutte le sfumature di Te stesso, allora, perché per chi si Sveglia anche il lato oscuro un fantasma insignificante. Se tu sei la Luce – e lo sei – che cosa può ferirti? Non hai niente da cui proteggerti, poiché nulla ti può attaccare. Soltanto le tue illusioni, ti fanno credere questo. E come si vince un’illusione? Riconoscendola per quello che è: vedendo che non c’è. Che potere può avere ciò che è irreale? Il tuo Vero Sé è sempre perfetto, sempre invincibile, sempre inattaccabile. Sempre, anche quando tu sei perso nella paura. Non ha bisogno di protezione, poiché nulla lo può attaccare. E perché non può? Perché non esiste altro che Lui! Quanto di te capisce? I tuoi limiti sono illusioni, non Verità. Il tuo Vero Sé sa che cos’è la Verità e che cosa non lo è. Sa discernere. Sa capire. Sa sentire. E ciò significa che lo sai anche tu, quando ti liberi da un’identità impossibile e ritorni alla tua Vera. Sei pronto per questo?


Ricordati Chi Sei.
Libera Te stesso.
Crea una Vita Straordinaria!