Cuore Selvaggio

1q
Sii Te stesso, amico, perché questa è l’unica cosa che conta. Non sarebbe magnifico se ti esprimessi? Allora l’Entusiasmo ritorna e le catene si spezzano. Perché puoi forse volare, se rimani attaccato alla zavorra di un non-te?

 

 

CHIAVE DI VIOLINO 3Mysterious Ways, music & song by Bryan Adams

 

Allora, sono pronte le tue ali? E così, eccoci qui, ancora una volta. È una bella cosa? Vamos…

Riconoscendo l’Eternità dell’esistenza – e con essa, della Vita – riconosci che anche tu sei tale, quando ti liberi dalle illusioni e ritorni alla Verità. Perché può forse rimanere cieco, colui la cui vista è guarita? La tua è un’Anima Pulita, Sana, Elevata, perciò puoi vedere. Ma vedere cosa? La Realtà oltre le illusioni, la Profondità dietro l’apparenza, il Vero Volto sotto la maschera. Questa è Virtù. Perché solo chi è pulito dentro, vede al di là del velo e disfa ogni illusione.

Ti chiedi come mai l’intelligenza umana non abbia preso il sopravvento, lasciando così che l’uomo sia sopraffatto da quella buia e grigia energia che lo porta a essere schiacciato. Così ti chiedi che cosa tu possa fare per mettere il Fuego nell’Anima a chi dorme – ponendoti la domanda più e più volte… – senza che, però, la risposta arrivi. Questo alimenta in te un’insoddisfazione che ti disturba… Che cosa puoi fare, invero, per risvegliare dal torpore chi si dibatte nel fumo dell’ignoranza? Sai che è compito di ciascuno far sì che questo mondo non sia una sporca topaia, ma sai anche che quel “ciascuno”, proprio così, sono pochi… Così pochi, da contarli sulle dita di una mano. E perché è così? Perché la maggior parte delle persone preferisce poltrire anziché Svegliarsi, poiché il Risveglio comporta Responsabilità – che è esattamente ciò che i più non vogliono. Parlano di “saggezza”…, pensano d’esser grandi…, credono d’esser svegli…, quando, in realtà, nemmeno san di essere vivi! E così, si ritrovano a dichiararsi liberi in una prigione, credendo vero ciò che è falso e falso ciò che è vero. Ma tu sappi: il Dono più grande che puoi fare alla Vita – così come a Te stesso e all’intero Universo – è essere, proprio così, Te stesso! Che cosa puoi fare, quindi, per rendere questo mondo il Paradiso che merita? Essere tu quel Paradiso!

Forse sei colui che ha precorso un po’ i tempi… Strano, vero? E quindi? È ora che quei “tempi” si manifestino! È ora che il tuo Vero Sé si esprima e si liberi nel vento. È ora, proprio così, di alzare il sipario e aprire le danze! Hai capito fare della propria vita un rituale di gesti meccanici e ripetitivi – frutto i paure e insicurezze, indecisioni e condizionamenti, illusioni e falsità… – è pura follia. Eppure, è proprio ciò che fanno i più, ipnotizzati dai loro stessi deliri e devastati dalle loro stesse pazzie. I più hanno una vita noiosa, squallida, penosa… Un bidet c’ha più avventure! Non c’è nulla di vivo nelle loro esistenze… Tutto è apatico, stanco, prevedibile… In una parola, morto! Sono come mummie che camminano: robot meccanici che, convinti di essere liberi, vivono una vita da catena di montaggio. Così gli hanno insegnato, così eseguono; così gli han detto, così obbediscono; così han sempre visto fare, così fanno. È già stato detto? Non gli viene mai in mente se esiste un modo diverso di vivere. Tuttavia, ognuno è responsabile della propria vita. Che cosa significa? Che ognuno ha ciò che merita! Perché “ciò che merita” non è un destino subito, ma una realtà da sé stessi creata.

Non c’è Libertà se non c’è Maestria e non c’è Maestria se non c’è Saggezza. Perché Saggezza significa essere Signori di Sé stessi, Sovrani del proprio Essere, Re (e Regine!) del proprio regno. Perché Libertà vuol dire Responsabilità, non passività. Ed è solo riconoscendosi i Creatori assoluti della propria realtà,  che è possibile trascendere la limitazione e ritornare a volare. Perché puoi forse cambiare, ciò di cui non sei Responsabile? Si ha potere solo su ciò di cui si è Consapevoli; ciò di cui non lo si è, domina te. Non è poi così straordinario, vero?

Ma tu hai capito. Capito che vivere una vita in cui tutto ciò che c’è è un banale susseguirsi di vuote e ripetitive giornate, non è proprio ciò che si chiama “realizzare Sé stessi”! Perciò, vuoi qualcosa di più – qualcosa di Vero, di Autentico, di Elevato – che ti permetta di riconoscere la Verità e dissolvere le illusioni. Come sai, ci stai riuscendo! E più lo vuoi, più ti avvicini a ciò che cerchi.

Infatti, ciò che cerchi è già in te – non là, da qualche parte, fuori, nel mondo… È in te. Nel tuo Essere. Nel tuo Cuore. Riesci a sentirlo? Non cercare fuori ciò che hai dentro, allora! Fallo solo se vuoi fallire. Tutto ciò che ti serve, infatti, è già dentro di te; perché tutto ciò che esiste, invero, è già in te. Quanto di te capisce? I più – poiché sopiti – si perdono a inseguire ideali vuoti e privi di significato, senza aver la più pallida idea di che cosa stan facendo. Come burattini telecomandati, corrono dietro a un mucchio di letame che chiamano “vita”, dibattendosi in quel limbo di folli credenze che gli hanno e si sono inculcati. Questo è il prezzo che si paga assumendo la follia come maestro di vita. E così ti ritrovi in un labirinto nebbioso dal quale non esci più, finendo così per vivere una vita che non è la tua. Non è poi quella gran figata si dice in giro, vero?

Ora la domanda è: che cosa vuoi per te stesso? Che cosa vuoi dalla vita? Chi sei, veramente? Lo sai – e lo sai sempre di più! Il tuo desiderio di Verità è pulito, autentico, puro: questo è il motivo per cui la troverai. Sei già incanalato! Avendo capito che nulla, al di fuori di te, può renderti libero e felice – e che la Verità che cerchi non è nel mondo, negli altri – in luoghi, cose, persone, tempi od eventi… – ma in te, nel tuo Cuore, nel tuo Sé Divino, non ti fai ipnotizzare da venditori di fenomeni o depistaggi mascherati. Hai capito che se rimani in te – fedele a Te stesso e alla Verità Interiore – conquisterai la Vita. E questa, proprio così, è un’Opera degna di un Grande Essere!

Non credere in niente; non farti influenzare da nulla; non berti l’impossibile. Allo stesso modo, non imporre la tua visione ad alcuno, non manipolare e non far bere agli altri ciò che non vogliono (o che non son pronti a digerire!). Anche questo lo sai. Perché è meglio sbagliare con la propria testa, che fare le “cose giuste” con quella degli altri. Se mantieni la tua Coscienza Sveglia e Focalizzata sulla tua Grande Presenza Interiore, infatti, arriverai a livelli che, in questo mondo, sono decretati impossibili. Ma che cos’è, l’impossibile, se non una possibilità non vista? Tu sai che tutto è possibile, per questo cerchi oltre ciò che i più concepiscono; per questo, nonostante il mondo paia invertito rispetto a ciò che tu vedi (e non pare, è proprio così!), prosegui lungo la tua via; per questo, per quanto tu possa venir ostacolato, non molli: perché sai, proprio così, che quello che stai danzando è Vero! E che l’uomo di questo mondo ha davvero perso il contatto con Sé stesso, con la Verità, con la Vita…, sapendo così che è solo uscendo dal box di matrix, che è possibile risvegliare l’Anima e ritornare alla Vita – quella Vera, quella Splendida, quella Libera – quella che un tempo questo regno conosceva e che ha perso a causa della caduta di chi lo abitava.

Sai che l’Amicizia – quella Vera, quella Pulita, quella Autentica – ha un grande valore e che pochi son coloro che la danzano. E così per tutti gli altri rapporti… Perché può forse essere vero, ciò che nasce dalla paura e dall’interesse? E può forse essere pulito, ciò che scaturisce dal bisogno e dalla mancanza? E, ancora, può forse essere sano, ciò che sorge dalla dipendenza e dall’attaccamento? Tuttavia – ironia della sorte! – la maggior parte dei rapporti delle persone sono proprio così: pieni di illusioni e falsità, paure e condizionamenti, voluttà e interessi (palesi o velati che siano). Perché quando si crede che l’Amore sia un bisogno – ancora una volta! – si finisce per bersi benzina per succo di mela. E così finisci come quella tipa, da poco sposata, che si lamentava dell’abitudine del marito di bere. «Se sapevi che beveva, perché l’hai sposato?», le domandarono. «Non avevo la minima idea che bevesse», rispose lei «finché una sera non è tornato a casa sobrio!». Quando si dorme, si è sempre ciechi a ciò che si ha dinnanzi.

E così, capisci che la Verità esiste solo nell’Autenticità, nella Purezza, nella Lealtà, perché solo da tali Virtù, scaturisce la Libertà e la Forza interiore. Perché può forse esserci Libertà, dove c’è bisogno? Diretto o velato che sia, il bisogno crea dipendenza – e dove c’è dipendenza, non può esserci Libertà. Ovvio quanto logico. Perché la Libertà non solo è totale assenza di limiti, ma assoluta Indipendenza di Spirito, totale Completezza interiore, infinita Saggezza d’Animo. Può forse volare, l’aquilotto, se resta attaccato al ramo? Così non si può essere liberi se si è attaccati a qualcosa (o a qualcuno…). La Vera Amicizia – così come qualsiasi altra relazione… – può esistere solo in uno stato totale e assoluto di Libertà reciproca, dove veleni come bisogni, gelosie, interessi, manipolazioni e pirlate varie…, non posano radici. Ma anche questo lo sai, vero? Infatti, proprio per questo, hai ricevuto sin troppe delusioni! «Forse guardo troppo ai valori», ti dici…

Ora, che cosa sono, i Valori, se non la Forza dell’Essere Interiore? Ma i Veri Valori non sono tabù morali o “buone maniere”, installati in te per farti diventare ciò che non sei. Quelli non sono valori; sono stronzate. Perché ciò che nasce dalla manipolazione – e non dall’Essere – non ha alcun valore. E perché non lo ha? Perché – com’è intuibile! – non è autentico. I Valori sono attributi dell’Essere – del Sé, del Cuore – e non dogmi imparati dal mondo. Sono i supremi colori del Sé Divino, le potenti onde di un Cuore Selvaggio, le sublimi melodie del Sole Interiore. E quel Sole, proprio così, è in te!

Sii uno con quei Valori, allora, riconoscendo quelli Veri da quelli falsi. Vivili in te e desiderali da ogni Essere. Non accettare l’inaccettabile; non scendere a compromessi; non dire “sì” quando è “no”. MAI. Fa’ sì che tutto ciò che non è Virtuoso rimanga fuori dalla tua vita – e che solo ciò che è Vero e Sano, colori i giorni della tua esistenza. Come farlo? Essendo tu stesso Virtuoso! E, proprio così, non avendo alcuna aspettativa sugli altri. Perché da dove nasce, la delusione, se non dall’aspettativa? E che cos’è, l’aspettativa, se non bisogno? Tuo compito non è rendere gli altri migliori; è essere TU migliore! Allora la tua Luce si leva fra mille ombre, illuminando ciò che è oscuro e dissolvendo ciò che è malato. Chi è pronto, vedrà la tua Luce; chi non lo è, ne rimarrà accecato. Quanto di te capisce? Perché nessuno rimane immune alla Forza di Chi È Luminoso. E questa non è una faccenda di essere superiori o migliori di altri (e né peggiori…). È, proprio così, una semplice Verità! E quindi? Chi non è pronto, si allontanerà, perché non può far altro. Riconosci: la Luce acceca chi vive nell’ombra, ma dipinge di Gioia e Grandezza chi è Luminoso! Sii Te stesso, allora – Potente, Libero, Saggio! – senza badare minimamente a ciò che fanno o pensano gli altri. La vita degli altri è affar loro. La tua è affar tuo (e non degli altri!). Vivi e lascia vivere; sii e lascia essere; esprimiti e lascia esprimere. Questo è Rispetto. Questa à Libertà. Questa è Maestria.

Tuttavia, come detto, questo non significa accettare l’inaccettabile. Che cosa vuol dire? Che rispettare significa… rispettare! – e non pigliarla in mezzo alle chiappe! Quanto di te capisce? Perciò, rispetta tutti, ma scegli gli Esseri con cui vuoi stare. Faresti entrare, in casa tua, qualcuno il cui intento è quello di sfarla? Forse no! Così è la Vita. Sei tu che decidi chi o che cosa fa parte della tua esistenza o no, così come ciascuno. Invece, spesso – troppo spesso… – ci si contorna di esseri il cui volto non è autentico, non è pulito, non è limpido…, nascosto da maschere che coprono intenti velati e interessi perversi. E quindi? Sta a te riconoscere chi è Sano e chi non lo è. Anche perché sarà un po’ difficile, che chi ti vuol fregare, t’informi prima! «Ehi, sono qui per fotterti, ti spiace? Stanotte passerò a smembrarti casa…, ti spiace lasciar la porta aperta?» No, non funziona così!

Riconosci: ciò che è Vero, merita di esistere; ciò che non lo è, di scomparire. È già stato detto? Perciò, rispetto a tutti, ma via da te chi non è Autentico. Questo è Amore, perché l’Amore non permette a ciò che è falso di disfare ciò che è Vero. L’Amore è tutto, ma nulla può infettarlo. Questa è Potenza. Questa è Saggezza. Questa è Invincibilità. Guarda il Vento. Osserva la sua Forza; ascolta le sue melodie; senti i suoi profumi. Lui soffia e balla la sua danza sulle onde delle sue correnti – ti accarezza il corpo e l’Anima senza ferirti, senza lasciar traccia di sé, senza turbare la tua integrità. Pur sfiorandoti in ogni parte di te, scendendo fin nel profondo dei tuoi silenzi, non vuole nulla da te. Egli ti “tocca”, ma senza violentarti, senza turbarti, senza voler lasciare alcun ricordo di sé. Egli ama e rispetta il tuo Essere in quanto tale, chiunque tu sia, qualunque cosa tu abbia fatto, ovunque tu sia. Non guarda le tue credenziali – il tuo passato, il tuo conto in banca, la tua fedina penale, la tua cattiveria o la tua bontà…: non gliene frega niente. Egli è libero, immensamente Grande e infinitamente Potente – e non si lascia intorpidire l’Anima con futilità del genere. Osserva ancora: osserva il suo Potere e il suo Coraggio. Guarda come prende le sue decisioni e pone in atto le sue scelte: con Pazienza e Audacia, Maestosità e Dolcezza, Forza e Ardore, egli copre sconfinate distanze solcando mari e oceani, montagne e praterie, valli e deserti, fino a sfumare negli infiniti orizzonti ove alcuno sguardo può raggiungerlo. Ascolta il suo soffio, allora, che con Sapienza e Saggezza ti rivela Verità di cui mai avresti sospettato l’esistenza. Riesci a percepire il profondo Amore che prova per te? Lo senti? Lo vivi? Lo danzi? Senti l’energia della Vita che ti pervade l’Anima? Questo è il Vero Essere – il Vero Esistere – al di là delle distorsioni delle illusioni umane. E solo quando l’uomo si vestirà di tale Forza, riconoscerà Chi È e risorgerà dalle proprie ceneri. Perché è solo quando i propri Intenti sono Puri – liberi da interessi e bisogni velati – che la Verità si manifesta.

L’uomo stesso è il creatore della propria realtà – nel bene o nel male – ma non se ne accorge. Nulla è casuale; nulla è fatale; nulla è predestinato. Tutto ha una causa: l’effetto è ciò che la rivela. Ma quando si dorme, si crede che la vita sia il risultato di eventi insignificanti – e che ciò che accade in essa avvenga per i casi suoi. Ma quei “casi” non sono suoi, perché la “realtà” è l’effetto; la causa è l’uomo. L’energia si plasma alla Coscienza e la Coscienza imprime i suoi intenti nella matrice dell’Energia. Risultato: ti accade ciò che tu stesso hai covato! Il ché significa che se è spazzatura, ciò che raccogli, allora forse c’è qualcosa che in te non va! Ma se invece sono petali di fiori, che inebriano la tua Vita, allora ci sei! E se c’è un minestrone di entrambi? Beh, allora forse c’è da fare un po’ di pulizia! Ciò che semini, raccogli.

Essendo elevato nella Coscienza, ti sei così reso conto che non sono poi così tanti a comprendere il tuo pensiero… Quale scoperta! Piuttosto ovvio, visto che le masse sguazzano nella stupidità e nel sonno. E quindi? Sii te stesso! Il fatto che i più son pazzi, infatti, non significa debba esserlo anche tu. Non importa se ti capiscono o no; non importa se ti comprendono o meno, non importa se ti seguono o no: importa che tu sia Te stesso. Punto. Allora, come per magia, ti capiranno! Non fare perciò la fine di quelli che, poiché soli nella loro visione, si sono rimessi ai deliri di massa. Ricordi la storia del sufi Hjira? Ci siamo capiti!

In più, ti sei anche accorto che molti fingono di capire, quando, in verità, non sanno nemmeno di che cosa stai parlando! Questo è tipico umano – il tipico atteggiamento di chi dorme… – che inscena comprensione solo per incensare sé stesso. Obiettivo: farsi notare e ricevere applausi! Non c’è Sincerità in loro; non c’è Purezza in loro; non c’è Virtù in loro. C’è, piuttosto, interesse nascosto. Dicono che ti capiscono; ma tu sai che mentono. E lo sai perché tu riesci a vedere oltre, a riconoscere il volto dietro la maschera, a svelare le dissimulazioni di chi inganna. Perché solo così puoi sapere con chi hai a che fare e con chi no.

Tu, proprio così, sei pulito. Infatti, non sei quello che si vende per apparire e farsi notare. Ciò ti fa Onore. Sii sempre Integro, Vero, Incorruttibile, allora. Perché solo dall’Integrità e dalla Virtù, scaturisce la Forza che ti conduce alla Verità Eterna. Tu non vuoi dare un’immagine di te, ma essere semplicemente ciò che Sei – Vero, Autentico, Pulito – esprimendo veramente il tuo Sé. Perché hai capito che non è esibendosi sul palcoscenico dei pagliacci che si realizza Sé stessi, ma rimando fedeli a ciò che si È.